Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Economia e Finanza

Coronavirus, resilienza digitale. Come trasformare un momento di crisi in un’opportunità per pmi e commercianti dell’Alto Adige

Pubblicato

-

Pubblicità


Pubblicità

Nell’ultima analisi Nielsen sulle vendite online dei prodotti di largo consumo, si evidenzia un aumento delle vendite online da fine febbraio di oltre l’80% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Le restrizioni alla mobilità contenute nelle misure previste dal Governo italiano per arginare la diffusione del Coronavirus hanno drasticamente cambiato le nostre abitudini, specialmente quelle relative agli acquisti.

Abbiamo deciso di chiedere a due esperti del digitale come sta cambiando il mercato e il modo di lavorare in Provincia di Bolzano.

Lorenzo Barzon, classe 1997, è fondatore e socio di DNA – Digital Network Advertising, agenzia di comunicazione digitale con sede nel capoluogo altoatesino ed attiva anche in Lombardia ed in Israele. Si occupa di comunicazione d’impresa digitale, di comunicazione politica digitale, è uno specialista della web reputation.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

Come può l’online aiutare le attività dell’Alto Adige in questo momento?

Le aziende e le attività commerciali sono preparate a far fronte a fisiologici aumenti o diminuzioni della richiesta. Non era mai capitato nella storia moderna che si verificasse una condizione come quella attuale: l’assenza quasi totale del mercato. In questo momento le attività hanno bisogno di vendere. Vendere per pagare i costi fissi, per sopravvivere. La risposta a questa esigenza è sicuramente sfruttare le enormi possibilità dell’online“.

Perché l’online?

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

Questo momento è in realtà un momento d’oro per chi vende online. Le persone, costrette a stare in casa, passano la loro giornata connesse ad internet. Arrivare a loro in questo momento è semplice ed efficace: hanno bisogno praticamente di tutto, dal detersivo per lavare i piatti alla vernice per ridipingere il balcone di casa. Il segreto è arrivare al giusto target nel giusto momento“.

Cosa consiglia alle attività altoatesine?

Di utilizzare il web per creare nuovi canali di vendita. E-commerce e Social Network sono soluzioni immediate, richiedono un basso investimento e sono in grado di dare risultati economici immediati. Il segreto di vendere online è fare arrivare il giusto messaggio nel giusto momento al giusto utente. Per essere chiari, se un’utente sta navigando su Facebook e ha mal di testa, visualizzando l’inserzione dell’aspirina proprio in quel momento con consegna gratuita a domicilio, difficilmente dirà di no“.

Non tutti sono esperti. Quindi, come fare?

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

Per questo abbiamo pensato di lanciare un’iniziativa valida fino al termine di questa terribile emergenza sanitaria: nasce #digitalhelp. Per aiutare l’economia dell’Alto Adige in questo momento difficile, da lunedì metteremo a disposizione gratuitamente un servizio di prima consulenza da parte dei nostri esperti per tutte le attività ed i commercianti che vorranno ripartire dall’online.

Assieme troveremo la strada migliore per resistere a questo momento, trasformando una crisi in opportunità. Le richieste potranno essere inoltrate a info@dna.bz.it, tramite i nostri canali Facebook o Instagram, oppure visitando www.dna.bz.it. Per i meno digitali, telefonare allo 0471 172 7236“.

Matteo Biasi, classe 1994, è fondatore e CEO di FlashBeing, startup con sede al NOI Techpark di Bolzano, specializzata nella formazione sullo smart working, nonché sviluppatrice dell’omonima piattaforma nata per aiutare gli smart workers ad organizzare il proprio lavoro.

Come sta avvenendo la tradizione allo smart working in Alto Adige?

Purtroppo da quello che ho potuto constatare io al momento la situazione è piuttosto caotica, perché sono poche le persone a conoscere questa metodologia di lavoro e molti provano ad improvvisarla. L’errore più comunque è quello di credere che lo smart working sia scegliere un software per chattare o videochiamare, per poi utilizzarlo per lavorare da distanza cercando banalmente di sostituire il rapporto di persona.

Non c’è cosa più sbagliata. Lo smart working prima di tutto è un modo di lavorare, che può essere sia da remoto che di persona; prevede un processo organizzativo specifico con l’obiettivo di incrementare la produttività dei singoli individui all’interno di un progetto, indifferentemente dal fatto che le persone lavorino da casa da casa o dall’ufficio. Questo cambiamento richiede però la voglia di imparare la cultura e le tecniche che poi ne permettono l’attuazione.

“Qual’è il mio punto di focus quotidiano da cui so quello che ho da fare e lo stato dell’arte delle cose? Qual’è il mio unico canale di comunicazione e scambio di file con il mio team e come faccio a sfruttarlo senza essere continuamente interrotto da messaggi e chiamate? Quali sono gli aspetti legali a cui devo stare attento? Come devo organizzare la mia routine e il rapporto con la mia famiglia lavorando da casa? Come faccio a misurare la mia produttività e quella degli altri?” Sono solo alcune delle domande a cui ogni smart worker dovrebbe sapere rispondere“.

Cosa consiglia alle aziende?

Passate prima dalla formazione, poi da software. In questo momento io cercherei di partecipare a corsi online e guarderei video tutorial per capire cosa significa essere smart worker e quali sono le parti di processo a cui bisogna prestare attenzione.

Noi per esempio non cerchiamo mai di vendere il nostro prodotto senza prima passare dalla formazione, perché l’esperienza ci ha insegnato che se facessimo così è sicuro che poi perderemmo il cliente. Per questo abbiamo anche recentemente pubblicato un portale in cui ogni giorno carichiamo nuovi video tutorial sullo smart working: FlashBeing . Abbiate pazienza e voglia di cambiare. A lungo termine premierà“.

Come può essere utile lo smart work in un momento come questo?

Non solo in un momento come questo, ma piuttosto direi “sempre”. Dobbiamo sfruttare questo momento per imparare questa nuova metodologia di lavoro, così poi da poterla sfruttare al meglio, anche nell’ottica di riuscire a riprenderci il prima possibile. Come detto prima, smart working significa ridefinire il proprio processo organizzativo con lo scopo di rendere più produttiva la propria azienda o, nel caso di un libero professionista, essere più produttivi al lavoro e avere più tempo libero.

Se riusciamo a riorganizzare la nostra azienda, o almeno in parte, a lavorare in modo smart, i benefici solo molteplici: otre alle ore di lavoro guadagnate per via dell’annullamento degli spostamenti casa-lavoro, si riduce anche lo stress delle persone e si aiuta l’ambiente. Secondo infatti una ricerca del Politecnico di Milano, uno smart worker risparmierebbe all’anno ca 255 ore – o 31 giorni lavorativi, già solo annullando il tempo di spostamento, evitando anche l’emissione di 135kg di Co2. Pensiamoci“.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Alto Adige26 minuti fa

Per essere ammessi all’esame di maturità è necessario aver svolto un periodo di alternanza scuola lavoro

Vita & Famiglia42 minuti fa

Giornata aborto sicuro. Pro Vita Famiglia: «Di sicuro solo la morte di un bambino. Necessario aiutare donne e nascituri»

Bolzano3 ore fa

Bolzano, pessime condizioni igienico sanitarie e presenza di stupefacenti: disposta la chiusura del “Bar Ristoro Baccio” in via Milano

Alto Adige3 ore fa

Abitare nella terza età, simposio a Bolzano

Eventi3 ore fa

«The In – The Out»: sabato a Salorno la sfilata che mette al centro le storie delle persone

Val Pusteria6 ore fa

Trattore in fiamme a San Lorenzo di Sebato: decisivo l’intervento dei vigili del fuoco

Bolzano7 ore fa

Bolzano, la aspetta sotto casa e tenta di violentarla: le urla mettono in fuga l’aggressore

Alto Adige7 ore fa

Nell’estate del 2022 quasi 7000 giovani, tra i 15 e i 19 anni, hanno svolto un tirocinio

Alto Adige7 ore fa

Coronavirus: un decesso,12 casi positivi da PCR e 567 test antigenici positivi

Politica8 ore fa

Proseguono gli accordi tra Stato e Provincia per attuare il trasferimento delle aree militari dismesse

Alto Adige8 ore fa

Lago di Resia, bimbo di 5 anni cade dalla bici: elitrasportato all’ospedale di Bolzano

Bolzano9 ore fa

Caso Neumair, parla l’ultimo testimone: “Laura faceva preferenze tra i figli, Benno di serie B”

Politica9 ore fa

Commissione speciale stipendi dei politici: il presidente Vettori si è dimesso

Politica22 ore fa

Suedtirol sprezzante verso Fratelli d’Italia. Urzì (FdI): risponde ormai agli ordini di Kompatscher

Alto Adige23 ore fa

In 21 Comuni dell’Alto Adige c’è carenza di alloggi

Val Pusteria4 settimane fa

Pannelli fotovoltaici da balcone per attutire il caro-bollette

Vita & Famiglia3 settimane fa

Peppa Pig. Pro Vita Famiglia: RAI non trasmetta episodio con “due mamme”

Bolzano3 settimane fa

Giorgia Meloni sabato pomeriggio a Bolzano

Alto Adige4 settimane fa

IPES, insostenibili per le famiglie gli importi delle spese condominiali richieste a partire da settembre

Italia ed estero3 settimane fa

Morta la regina Elisabetta, aveva 96 anni. Fine del regno più lungo della storia

Bolzano3 settimane fa

Benno Neumair in aula: tanta arroganza e poca chiarezza

Bolzano4 settimane fa

Bolzano, crolla un albero secolare nel centro città: un ferito in ospedale – L’IMPRESSIONANTE VIDEO

Alto Adige3 settimane fa

Sanità: formati dodici nuovi medici di medicina generale

Merano3 settimane fa

Il Vice Questore aggiunto Carlo Casaburi è il nuovo dirigente del Commissariato di P.S. di Merano

Bolzano3 settimane fa

Bolzano, arrestato dalla Squadra Mobile un rapinatore seriale

Laives2 settimane fa

Tragico scontro auto – moto che prendono fuoco, due morti

Val Pusteria3 settimane fa

Incidente in moto nel tardo pomeriggio di ieri sulla strada tra Brunico e Falzes

Bolzano3 settimane fa

Furto del monopattino elettrico, subito individuati dalla Polizia di Stato ladro e ricettatore

Bolzano4 settimane fa

Incendi in Alto Adige, convalidato l’arresto del presunto piromane: il 21 enne ha fatto scena muta

Alto Adige4 settimane fa

Percorre la corsia telepass in contromano al casello di Bolzano sud, fermato dalla Polizia Stradale

Archivi

Categorie

di tendenza