Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Italia ed estero

Beatrice lascia le capre di Agitu: “Non posso a mie spese”. Il pasticcio dei fondi destinati al sogno della pastora

Pubblicato

-

Hanno portato via le caprette di Agitu. Le hanno caricate su diversi mezzi e trasportate in altri luoghi e presso diversi allevatori che si prenderanno cura di loro, da Lavarone a Vallarsa. Ad annunciarlo tramite un post pubblicato sul suo profilo Facebook è Beatrice Zott, la 19enne mochena che fino a ieri ha accudito gli animali e che ora, a malincuore, ha dovuto salutare.

Oggi le capre di Aghi sono state portate via. Numerosi allevatori hanno preso gli animali in affidamento – scrive Beatrice sul social – . Ci si affeziona in così poco tempo… È stato triste vederle su un camion e vederle separare… Mi è stato chiesto di accudire gli animali fin quando non si sarebbe presa una decisione… (…) Ed infine mi hanno chiesto di prenderle in affidamento, ma non posso permettermelo, a mie spese non avrei potuto… Spero di rivederle sulle montagne e sui pascoli della valle dei Mocheni, dove sono nate, dove anche loro hanno oggi lasciato un pezzo di cuore“.

E alle centinaia di malinconici messaggi di solidarietà che gli utenti del social hanno le hanno rivolto, si stanno aggiungendo in queste ore anche quelli di chi si chiede dove siano finite oggi le promesse di sostegno e soprattutto gli oltre 100mila euro della raccolta fondi lanciata a fine dicembre 2020 per “continuare il sogno della pastora etiope“.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

Un’iniziativa molto fortunata che già l’8 gennaio del nuovo anno aveva raggiunto l’obiettivo. “Agitu Ideo Gudeta aveva un sogno grandissimo” scriveva Zebenay Jabe Daka, organizzatore della raccolta e presidente dell’associazione Amici dell’Etiopia.

Per onorare la memoria di questa imprenditrice fiera e coraggiosa, per coltivare i suoi progetti, coloro che hanno voluto bene ad Agitu promuovono una raccolta fondi (…) Il suo gregge di capre non deve essere smantellato, le terre che lei aveva affittato non devono tornare ad essere abbandonate”, si leggeva sulla celebre piattaforma di raccolta gofundme.com (questo il link all’iniziativa).Inoltre, i fondi verranno utilizzati per aiutare la famiglia a far fronte alle spese del trasferimento della salma in Etiopia“, concludeva il testo della descrizione.

E se è sacrosanto diritto della compianta imprenditrice realizzare un degno ritorno nella propria terra natia dopo la sua morte (nonché dei parenti di poter avere almeno una tomba su cui piangere la propria cara strappata con la violenza alla vita) sono in molti oggi a chiedersi come verranno destinati i soldi restanti, dato che a quanto pare non sono al momento stati devoluti alla continuità del grande sogno della pastora.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

Se così fosse stato, forse l’impegno di Beatrice Zott sarebbe potuto proseguire, almeno per un po’, senza intoppi. Ma il pasticcio è presto servito. I fondi sembrano essere stati momentaneamente accantonati. Ma in attesa di cosa? Il rammarico della ragazza è evidente. Rispondendo ad alcune critiche circa l’abbandono dell’affidamento, Zott risponde giustamente piccata.

Mi è stato chiesto di accudire gli animali, la cosa da quanto mi era stato detto era finanziata, dopo venti giorni mi hanno richiamata e mi hanno chiesto se a mie spese posso gestire le capre, io non posso permettermelo (…) se sapevo fin dall’inizio che dovevo gestire a mie spese gli animali non avrei accettato, non avrei potuto. Ho fatto del mio meglio finché me lo hanno permesso poi hanno preso un’altra decisione, senza che io lo sapessi“.

Dello spostamento delle caprette, tra il resto, pare non fosse informata nemmeno l’Associazione Amici d’Etiopia. A rallentare i tempi anche l’ipotesi dell’attesa per la decisione della famiglia sull’accettare o meno l’eredità.

La curatrice del patrimonio avrebbe deciso nel frattempo per il trasferimento degli animali in sicurezza, dato il clima rigido di gennaio e la Federazione provinciale allevatori non avrebbe potuto, dal canto suo, finanziare un progetto di cui non possiede la titolarità, nemmeno a livello proprietario.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

Resta l’amaro di un progetto incompiuto, almeno per il momento, nella memoria di Agitu.

(e.c.)

NEWSLETTER

Alto Adige3 settimane fa

Caldo torrido previsto in Alto Adige: da venerdì allerta rossa

Alto Adige4 settimane fa

Ancora un altro grande incendio boschivo in Alto Adige: oltre 150 vigili del fuoco impegnati nelle operazioni

Alto Adige3 settimane fa

Alto Adige, il fuoco non da tregua: scatta l’allarme per due nuovi incendi

Politica3 settimane fa

Mattarella accetta le dimissioni, finisce l’era del Governo Draghi: esecutivo in carica solo per gli affari correnti

Alto Adige2 settimane fa

Fiamme sull’Alpe di Siusi, attivato anche un elicottero per le operazioni di spegnimento

Alto Adige3 settimane fa

Fiamme e siccità: nuovi roghi sulle strade del Guncina e a Naz Sciaves

Alto Adige2 settimane fa

Maltempo in Alto Adige, smottamenti, allagamenti e frane: oltre 100 gli interventi dei Vigili del Fuoco

Val Pusteria2 settimane fa

Auto sbanda sulla strada della val Pusteria e finisce ribaltata: una persona all’ospedale

Italia ed estero3 settimane fa

Codici: nuova vittoria in Tribunale contro Costa, ammessa la class action per la crociera “Le perle del Caribe” sulla Pacifica

Sport3 settimane fa

F.C. Südtirol saluta Alessandro Malomo che torna in Serie C con il Foggia

Alto Adige4 settimane fa

Perde il controllo del trattore e finisce nel torrente: morto un contadino in Valle Aurina

Italia ed estero4 settimane fa

Codici: attenzione ai finanziamenti e alle offerte delle carte revolving, numerosi i casi di decreti ingiuntivi nei confronti dei consumatori

Alto Adige2 settimane fa

La giungla dei bonus: sono 35 e vanno richiesti entro la fine del 2022

Società3 settimane fa

Top 5: ecco le caratteristiche dei migliori casinò online italiani

Alto Adige4 settimane fa

Codici: dalla truffa alla contraffazione, attenzione agli acquisti di pellet

Archivi

Categorie

di tendenza