Connect with us

Bolzano

Bolzano, denunciati due cittadini albanesi per possesso di arnesi da scasso e due polacchi per furto

Pubblicato

-

Prosegue incessante l’attività degli operatori della Polizia di Stato della Questura di Bolzano e dei Commissariati di Pubblica Sicurezza nella prevenzione dei reati predatori e, in particolare, dei furti in abitazione e presso gli esercizi commerciali.

Nell’ambito di tale attività, mercoledì notte, un equipaggio della Squadra Volante procedeva, nella Zona Industriale del capoluogo, al controllo di un furgone con a bordo due giovani di origine albanese, con precedenti di polizia per furti aggravati.

Visto l’orario, il luogo e i trascorsi degli occupanti, i poliziotti eseguivano un controllo più approfondito del mezzo che consentiva di rinvenire e sequestrare un piede di porco, occultato sotto i sedili: per questo entrambi i cittadini stranieri venivano denunciati in stato di libertà per possesso di arnesi atti allo scasso e l’oggetto sottoposto a sequestro.

Nella serata di ieri, personale del Commissariato di P.S. di San Candido riceveva una richiesta di intervento da un esercizio ricettivo di Valdaora, in quanto alcuni dipendenti avevano sorpreso due intrusi all’interno della struttura.

Grazie all’arrivo tempestivo degli Agenti, entrambi i malviventi venivano bloccati e identificati: si tratta di due cittadini polacchi di 37 e 32 anni, non residenti sul territorio nazionale.

La successiva perquisizione personale consentiva di sequestrare numerosi arnesi atti allo scasso e, al termine, entrambi venivano denunciati per furto in struttura alberghiera.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

Le indagini proseguono per verificare un eventuale loro coinvolgimento in fatti analoghi commessi in zona di recente e anche per l’irrogazione di adeguate misure di prevenzione.

L’attività per il contrasto al fenomeno che desta preoccupazione nella cittadinanza proseguirà, nei prossimi giorni, anche con l’attuazione di servizi straordinari. Ogni notizia utile in tal senso verrà attentamente valutata, per concentrare l’attenzione nelle zone più a rischio.

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza