Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Alto Adige

Giunta: approvato il Piano triennale per la prevenzione della violenza

Pubblicato

-

Nel 2021, 586 donne vittime di violenza hanno usufruito della consulenza dei servizi Casa delle donne, 104 donne e 147 minori hanno trovato accoglienza nelle case rifugio o negli alloggi protetti.

Con la legge provinciale sulla prevenzione della violenza (LP 13/2022), la Provincia di Bolzano ha ampliato ulteriormente le misure di protezione delle vittime e di prevenzione per gli autori. Oggi (24 gennaio) la Giunta provinciale ha approvato il Piano provinciale triennale di azioni e misure. L’assessora alle politiche sociali, Waltraud Deeg, ha presentato la delibera affermandoLa violenza ha molte forme, questa violenza è una violazione dei diritti umani, della dignità delle donne, della loro libertà e sicurezza individuale”.

Per il presidente Arno Kompatscher è importante anche ampliare le misure esistenti: “Purtroppo il tema è molto attuale, anche qui in Alto Adige“, ha aggiunto il governatore. L’obiettivo comune, ha detto l’assessora Deeg, è chel’Alto Adige diventi un luogo in cui le donne si sentano sicure, in cui i bambini e i giovani possano crescere in modo sicuro e protetto“.

Il Piano triennale è stato elaborato dal Tavolo di coordinamento permanente, istituito nel maggio 2022, a cui partecipano rappresentanti dell’Ufficio per la Tutela dei minori e l’inclusione sociale, del servizio Casa delle donne, della Consulta provinciale per le Pari opportunità e del Servizio donna, dell’Ufficio della Garante per l’infanzia e l’adolescenza e dei Servizi sociali.

La protezione delle vittime sarà ampliata

Il Piano triennale prevede diverse misure da affrontare e attuare nei prossimi anni fino al 2025. Tra queste, l’ampliamento del servizio Casa delle donne nei Comprensori della provincia dove ancora non è presente un centro antiviolenza. Inoltre, è necessario formalizzare la rete tra questi servizi e in altre aree. Attraverso la formazione e l’aggiornamento, dovrebbe essere possibile, ad esempio, sensibilizzare gli operatori dei Servizi sanitari e sociali, ma anche gli avvocati, in modo che possano riconoscere tempestivamente la violenza in qualsiasi forma così da indirizzare le vittime ai servizi specializzati.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

Le linee guida per la protezione dei minori sono importanti anche perché molti bambini e giovani si trovano in situazioni di violenza. Dobbiamo e vogliamo proteggerli meglio“, sottolinea l’assessora Deeg. Una nuova misura stabilita dalla legge provinciale sulla prevenzione della violenza è l’introduzione di una prestazione economica di sostegno. Questo contributo di solidarietà è finalizzato a garantire assistenza legale alle donne vittime di violenza e abusi. È previsto che questo contributo rientri tra le prestazioni di assistenza economica sociale, i cui criteri verranno elaborati e adottati entro quest’anno, in modo che il contributo possa essere richiesto dall’inizio del 2024.

Promozione per la prevenzione della violenza

Allo scopo di prevenire la violenza il Piano triennale prevede anche misure rivolte agli autori. Sottoscrivendo il “Protocollo Zeus” con la Questura di Bolzano la Provincia sostiene un percorso psico-sociale rivolto agli autori di violenza al fine di incoraggiare l’adozione di comportamenti non violenti nelle relazioni interpersonali.

Il protocollo è già applicato in 36 province italiane e lo scopo è che gli uomini che vengono ammoniti dalla Questura per stalking o violenza domestica partecipano a un training antiviolenza come misura preventiva. È previsto anche un progetto specifico per il sostegno alla genitorialità rivolto ai padri autori di violenza domestica.

In questo progetto, i padri che sono stati violenti nei confronti delle madri attraverso una consulenza strutturale e professionale saranno aiutati a riconoscere la loro cattiva condotta ed a recuperare o rafforzare il loro senso di responsabilità genitoriale, relativamente al rapporto con i figli e figlie vittime di violenza assistita.

L’attuazione di questo progetto sarà elaborata da un gruppo di lavoro entro il 2025. Nel contempo si lavora sulle attività di sensibilizzazione e prevenzione il Servizio donna convoca a tal fine una riunione interdipartimentale almeno due volte l’anno.

NEWSLETTER

Benessere e Salute4 settimane fa

Sanità, dal 1 gennaio 2023 nuove regole per l’accesso agli ospedali

Alto Adige3 settimane fa

Partirà una class action contro la Volksbank (Banca Popolare dell’Alto Adige)

Bolzano4 settimane fa

Muore a 42 anni Chiara Cantaloni, ricercatrice senior all’Eurac di Bolzano

Politica2 giorni fa

La moneta regionale dell’Alto Adige è sempre più vicina

Alto Adige4 settimane fa

Morta Paola Zani, commissario capo della Questura di Bolzano

Alto Adige3 settimane fa

Pedone investito da scooter in via Palermo, Repetto: «Giunta litiga invece di trovare soluzioni»

Bressanone4 settimane fa

Bressanone: corteo storico per l’Epifania

Alto Adige4 settimane fa

Capodanno, i Vigili del Fuoco avvisano: “Festeggiamo senza rischiare, usiamo correttamente i fuochi d’artificio”

Alto Adige3 settimane fa

Valanga in Val Gardena, gravissimo un carabiniere

Alto Adige3 settimane fa

Resoconto attività 2022 della Polizia Postale e delle Comunicazioni e dei Centri Operativi Sicurezza Cibernetica

Merano2 settimane fa

Nuova raccolta dell’umido, falsa partenza, Zampieri (FdI): sulla gestione rifiuti Comune imbarazzante

Bolzano2 settimane fa

Sono ancora gravissime le condizioni di Giovanni Andriano, il 49 enne travolto ieri da una valanga il Val Gardena

Alto Adige4 settimane fa

Termeno, crolla un pezzo dell’autolavaggio sulla macchina: intervengono i vigili del fuoco

Laives3 settimane fa

Laives, auto ibrida prende fuoco mentre è in carica: i vigili del fuoco evitano il peggio

Politica1 settimana fa

Parcheggio Cimitero sud a Oltrisarco, approvata la proposta di privatizzazione dell’area sosta camper

Archivi

Categorie

di tendenza