Connect with us

Italia ed estero

Milano, pugnala un militare alla gola e ai carabinieri grida “Allah akbar”: fermato 23enne yemenita

Pubblicato

-

Un’aggressione avvenuta all’improvviso, apparentemente senza motivo, attaccando alle spalle.

L’episodio è avvenuto questa mattina poco prima delle 11 alla Stazione Centrale di Milano, dove un 23enne yemenita irregolare in Italia ha attaccato un militare colpendolo al collo e alla spalla con delle forbici.

Il giovane, che secondo alcuni testimoni non è nuovo alla frequentazione del piazzale davanti alla Stazione, avrebbe  in seguito tentato la fuga verso via Vittor Pisani.

Pubblicità
Pubblicità

Una volta fermato dai carabinieri anche grazie all’aiuto di un migrante senegalese che aveva assistito a tutta la scena, avrebbe urlato “Allah Akbar“.

Nel frattempo il 34enne Matteo Toia, caporale maggiore scelto dell’esercito appartenente al Quinto Reggimento Alpini della Brigata Julia, è stato portato al pronto soccorso dell’ospedale Fatebenefratelli con ferite non profonde e quindi non in pericolo di vita.

Sul caso indagano ora i militari del nucleo investigativo del comando provinciale lombardo.

 

 

 

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza