Connect with us

Bolzano

Punta la pistola al veterinario e lo rapina: arrestato a Bolzano 33enne ucraino

Pubblicato

-

Questa mattina la Squadra Volante di Bolzano ha arrestato un 33enne ucraino per rapina a mano armata ai danni di un veterinario e messo in stato di fermo anche il ricettatore della refurtiva, un lettone di 30 anni.

Il rapinatore, entrato con una scusa nell’ambulatorio e trattenutosi nella sala d’attesa, ha rovistato in alcune stanze sottraendo ori e una pistola legalmente detenuta dal titolare.

Quest’ultimo, scoperto il ladro sul fatto, gli ha chiesto di lasciare la refurtiva. Lo straniero, a quel punto, ha impugnato l’arma appena rubata e, minacciando pericolosamente la vittima, ha costretto il dottore ha consegnargli la fede nuziale e una collana d’oro che aveva al collo. Ottenuto quanto chiesto, è fuggito via portando con sé la pistola.

Pubblicità
Pubblicità

Intercettato in via Garibaldi dalle volanti della polizia, gli agenti hanno avvicinato lo straniero per identificarlo e questo, vistosi scoperto, ha estratto l’arma dalla tasca. L’operatore più vicino, allarmato dalla minaccia di quest’ultimo, ha estratto l’arma di ordinanza ordinandogli di arrendersi.

Dopo aver fatto cadere in terra la pistola, l’uomo è stato immediatamente bloccato e arrestato con l’accusa di rapina aggravata.

Insieme all’arrestato è stato poi identificato l’altro uomo che aveva cercato nel frattempo di allontanarsi dal luogo dell’intervento. Da accertamenti e dalle dichiarazioni fornite, si è potuto verificare che il sospetto era complice del rapinatore e che aveva poco prima ceduto parte della refurtiva ad un compro oro del centro per un profitto di oltre 400 Euro.

I due uomini, con numerosi precedenti per detenzione di armi, furto e ricettazione sono stati portati in carcere a Bolzano. La refurtiva recuperata è stata immediatamente restituita alla vittima che, fortunatamente, non ha subito alcuna lesione. 

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza