Connect with us

Merano

Solland Sinigo: il Qatar non versa i soldi entro il termine e non salva (per ora) l’azienda

Pubblicato

-

A nulla è servita la battaglia del 31 maggio, anche ricordata come “la lunga notte dell’accordo” tra Provincia e operai per salvare la Solland di Sinigo da una morte (quasi) annunciata.

Il termine per il versamento di quel mezzo milione che avrebbe garantito il mantenimento in sicurezza degli impianti all’interno dello stabilimento ameno fino a fine mese è scaduto lunedì 11 giugno.

Un acconto che sarebbe stato fondamentale per “bloccare” la fabbrica fino al 30 giugno, data entro la quale sarebbe dovuto avvenire l’ulteriore versamento di 4,5 milioni per l’acquisto definitivo.

Pubblicità
Pubblicità

Il giudice fallimentare Francesca Bortolotti ha dunque dichiarato la decadenza dell’aggiudicatario per l’acquisto della struttura di proprietà della Solland Silicon.

A questo punto, l’ipotesi più probabile rimane quella della definitiva cancellazione dell’aggiudicazione e l’inizio dello svuotamento degli impianti.

E ora si aspetta la Provincia, che con un’ordinanza (4/2019) ha previsto in caso di mancato versamento della somma, che gli operai continuino “a provvedere all’attività di mantenimento in sicurezza e di svuotamento dell’impianto sino ad avvenuta formalizzazione dei contratti di lavoro con un soggetto disponibile da individuarsi entro il 18 giugno 2019″.

e “riservandosi ogni successiva decisione in ordine all’eventuale vendita dell’impianto in fase di svuotamento, in ogni caso a condizione che venga garantita alla procedura fallimentare il mantenimento in sicurezza dello stesso fino al trasferimento a terzi“.

Pubblicità
Pubblicità

Merano

Merano, si è insediata la nuova Consulta giovani

Pubblicato

-

Lunedì scorso (11 giugno), alla presenza del vicesindaco Andrea Rossi, si è svolta in municipio la prima riunione della nuova della Consulta Giovani del Comune di Merano.

Dell’organismo, che rimarrà in carica fino al 2022, fanno parte Andrei Miruna, Marzia Bertolini, Renato Dalla Zuanna, Nabila Joarder, Sabrina Paulisch, Daniele Di Lucrezia, Elias Berton, Francesco Tirello, Andreas Fauster e Giorgia Gavioli. A loro, e alle persone designate dalle scuole, dalle associazioni giovanili e dai centri giovani, spetterà il compito di promuovere la partecipazione giovanile alla politica comunale.

Come già nel 2015, forzando il regolamento che prevede una composizione, tra eletti e designati, di 21 membri, il vicesindaco e assessore ai giovani Andrea Rossi ha comunque voluto istituire questo organo di rappresentanza delle istanze giovanili della città.

Pubblicità
Pubblicità

Compito urgente della Consulta – ha spiegato Rossi – sarà quello di crescere velocemente nel numero grazie al previsto istituto delle cooptazioni, per dare effettiva solidità e operatività all’organismo.

In questo passaggio si avrà particolare attenzione al mondo di lingua tedesca, oggi purtroppo sottorappresentato. Se infatti la parte elettiva della Consulta è a pieno organico, quella che nasce dalle designazioni vede ancora molte scuole, centri e associazioni inadempienti“.

La Consulta si è intanto dotata delle due cariche previste: alla carica di presidente è stata eletta Marzia Bertolini e a quella di vicepresidente Francesco Tirello. Essi dureranno in carica alcuni mesi, quelli necessari a riportare il numero dei membri della Consulta a numeri più alti.

Ciò fatto, il secondo passo sarà quello dell’adozione di un nuovo statuto che sarà necessariamente portato all’approvazione della Giunta prima e del Consiglio comunale poi.

Un nuovo statuto e regolamento nati dalle riflessioni e dal lavoro di questi ultimi anni e che consentirà alla Consulta maggiore operatività e organizzazione interna.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Merano

Ambiente: Merano è “bandiera verde”

Pubblicato

-

Questo premio è un importante riconoscimento per tutti coloro che si impegnano a tutelare la biodiversità a Merano e uno stimolo a proseguire sulla strada già imboccata“, questo il commento dell’assessora all’ambiente Madeleine Rohrer, che ha preso parte alla cerimonia di premiazione svoltasi ieri nella cittadina piemontese di Valdieri.

Legambiente, la più grande organizzazione ambientalista d’Italia, assegna le bandiere verdi ai Comuni, alle associazioni e alle iniziative più virtuose nella tutela dell’ambiente nell’arco alpino.

Al contrario, la bandiera nera è un riconoscimento negativo che Legambiente, in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente, conferisce a quei soggetti individuati come i “nuovi pirati“, che avrebbero cioè causato danni all’ambiente e compromesso ecosistemi.

Pubblicità
Pubblicità

L’assegnazione delle bandiere verdi e di quelle nere avviene ogni anno nell’ambito della Carovana delle Alpi.

Quest’anno sono state assegnate complessivamente 17 bandiere verdi. Fra queste, appunto, anche quella ricevuta dal Comune di Merano.

La commissione competente ha voluto così sottolineare l’importanza del regolamento edilizio del Comune e dei suoi Piani di attuazione, che contemplano norme e disposizioni per la salvaguardia della biodiversità.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Merano

Morì nel ’97 fermando una rapina: ricordato a Merano il carabiniere eroe Candeloro Zamperini

Pubblicato

-

Nella mattinata di oggi (12 giugno) si è svolta, al cimitero di Merano, la cerimonia di commemorazione del 22° anniversario della morte dell’Appuntato Candeloro Zamperini, morto il 12 giugno 1997 quando si trovò, libero dal servizio, ad assistere ad una rapina a mano armata in una banca di Merano.

Senza esitare l’appuntato si mise all’inseguimento del malvivente, proseguito con una violenta colluttazione, nella quale rimase ucciso da un colpo d’arma da fuoco.

Per questo gesto gli fu conferita la Medaglia d’Oro al Valore Militare alla memoria.

Pubblicità
Pubblicità

Alla cerimonia di commemorazione con la Messa solenne, oltre alla vedova Maria Teresa Nobile e al figlio, hanno partecipato numerose autorità civili e militari, accolte dal Comandante della Legione Carabinieri Trentino Alto Adige, Generale Ugo Cantoni.

Una corona d’alloro è stata deposta sulla lapide del caduto Medaglia d’Oro. Presenti anche numerosi Carabinieri ed i rappresentati dell’Associazione Nazionale Carabinieri.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza