Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Alto Adige

Una stazione di polizia cinese a Bolzano? Inaccettabile

Pubblicato

-

L’organizzazione per i diritti umani Safeguard Defenders ha trovato delle prove che la Repubblica Popolare Cinese gestisce stazioni di polizia all’estero, tra cui ben 11 in Italia. Oltre a Prato, Firenze, Milano e Roma, anche Bolzano appare come sede di una stazione di polizia camuffata da “centro servizi”.

Attraverso questi “centri di servizio si dice che le persone siano state spiate, convocate per interrogatori, messe sotto pressione e in alcuni casi persino costrette a tornare in Cina. È semplicemente inaccettabile che la Cina presuma di esercitare impunemente diritti sovrani in Italia e di molestare o minacciare le persone.

Queste attività di una dittatura autoritaria nel nostro Paese richiedono un’indagine completa e trasparente. Ciò è particolarmente doveroso in quanto l’Italia dal 2015 ha anche concluso diversi accordi bilaterali di sicurezza con la Repubblica Popolare Cinese e quindi in passato c’è stata un’intensa cooperazione tra le forze di polizia di entrambi i Paesi.

Si pone quindi la pressante domanda se tali forme di cooperazione tra le forze di sicurezza italiane e cinesi si siano verificate anche in Alto Adige e a quale scopo.

La tutela dei diritti umani, in particolare la libertà di espressione e l’integrità personale, anche se non valgono nella Cina, devono essere pienamente garantiti ai 1.221 cittadini cinesi che vivono in Alto Adige.

«Chiedo quindi al Presidente Arno Kompatscher, che è anche il responsabile della sicurezza pubblica nella nostra Provincia, di chiedere prontamente chiarimenti al Commissario del Governo Dr. Vito Cusumano in merito al “centro servizi” di cui sopra e ad eventuali azioni congiunte con le forze di sicurezza cinesi sul territorio della Provincia Autonoma di Bolzano.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

Inoltre, deve essere chiarito senza indugio – anche attraverso contatti diretti o informali con la comunità cinese in Alto Adige – se i suoi membri sono stati o sono tuttora esposti a pressioni illegali da parte dei servizi di sicurezza cinesi.

In ogni caso, stazioni di polizia cinesi in Alto Adige travestite da “centri di servizio” sono assolutamente inaccettabili». Così in una nota il Co-Portavoce Verdi Grüne Vërc Felix von Wohlgemuth.

NEWSLETTER

Alto Adige3 settimane fa

Partirà una class action contro la Volksbank (Banca Popolare dell’Alto Adige)

Bolzano4 settimane fa

Muore a 42 anni Chiara Cantaloni, ricercatrice senior all’Eurac di Bolzano

Politica3 giorni fa

La moneta regionale dell’Alto Adige è sempre più vicina

Alto Adige4 settimane fa

Pedone investito da scooter in via Palermo, Repetto: «Giunta litiga invece di trovare soluzioni»

Bressanone4 settimane fa

Bressanone: corteo storico per l’Epifania

Alto Adige3 settimane fa

Valanga in Val Gardena, gravissimo un carabiniere

Alto Adige3 settimane fa

Resoconto attività 2022 della Polizia Postale e delle Comunicazioni e dei Centri Operativi Sicurezza Cibernetica

Merano2 settimane fa

Nuova raccolta dell’umido, falsa partenza, Zampieri (FdI): sulla gestione rifiuti Comune imbarazzante

Bolzano3 settimane fa

Sono ancora gravissime le condizioni di Giovanni Andriano, il 49 enne travolto ieri da una valanga il Val Gardena

Laives3 settimane fa

Laives, auto ibrida prende fuoco mentre è in carica: i vigili del fuoco evitano il peggio

Alto Adige4 settimane fa

Termeno, crolla un pezzo dell’autolavaggio sulla macchina: intervengono i vigili del fuoco

Politica1 settimana fa

Parcheggio Cimitero sud a Oltrisarco, approvata la proposta di privatizzazione dell’area sosta camper

Sport4 settimane fa

Jannik Sinner: la straordinaria carriera del campione bolzanino

Bolzano4 settimane fa

Dal 4 gennaio 2023 SEAB raccoglie gli alberi di Natale

Alto Adige3 settimane fa

Sicurezza cibernetica “Trentino Alto Adige”. Attività svolta e risultati conseguiti nel corso dell’anno 2022

Archivi

Categorie

di tendenza