Connect with us

Bolzano

Urta un ciclista e scappa: è ancora caccia all’auto pirata di via Roma

Pubblicato

-

Incidente tra un’auto e una bici ieri (18 marzo) a Bolzano.

Lo scontro è avvenuto in via Roma, intorno alle 18 dove un’automobile ha urtato il ciclista facendolo rovinare a terra.

Fortunatamente l’uomo se l’è cavata solo con ferite lievi, ma il conducente della vettura si è dato alla fuga senza soccorrere il malcapitato.

Pubblicità
Pubblicità

E’ partita dunque subito, da parte della polizia municipale, la caccia all’investitore pirata: sono al vaglio le immagini delle telecamere presenti in zona per cercare di risalire al colpevole.

Pubblicità
Pubblicità

Bolzano

Madre e padre sui documenti? Galateo in consiglio: “E’ diritto naturale del bambino”

Pubblicato

-

Ieri in Consiglio Comunale si è discussa la questione della dicitura “madre e padre” sulla carta d’identità. Così il consigliere comunale Marco Galateo di Fratelli d’Italia in un accorato intervento, è intervenuto nella questione.

A quanto pare anche a Bolzano le denominazioni “madre” e “padre” fanno rumore, creano scandalo. Non voglio scadere in propaganda elettorale, come invece fanno i sostenitori della teoria gender. Voglio essere cortese ed educato, come il mio cognome mi impone e salutare le mie colleghe consigliere e i miei colleghi consiglieri, ma siccome non voglio discriminare nessuno, saluto anche tutti gli altri 56 generi di identità che sono stati definiti dalla comunità LGBTQ+.

Saluto quindi i miei colleghi consiglieri androgini, nella versione maschile e femminile, sia chiaro, che a volte anche loro si confondono e si etichettano; saluto i miei colleghi consiglieri bi-gender, i colleghi consiglieri cis-gender, cis-female, cis-male, i colleghi female-to-male, i gender fluid, i colleghi gender-non-conforming, questi li riconosciamo, i gender-questioning, che sono quelli che ancora non hanno deciso quale sia la loro identità, saluto i colleghi consiglieri genderqueer, intersex, male-to-female, saluto i neutrois, i non-binari, gli Other, i pangender, trans, transfemale e transmale. I colleghi consiglieri “brighter”, nessuno.

Pubblicità
Pubblicità

Sono quei consiglieri che li vedi andare in giro e non scelgono niente, che sono diversi da quelli che dicono una cosa e ne votano un’altra. Mi fermo qui perché se no non basterebbe il tempo a disposizione.

Questo per dirvi che le fazioni politiche che ci impongono il rispetto dell’identità di genere, sono le stesse che ci fanno la solfa femminista su quote rosa e quote di genere. Beh fatela voi la Commissione Pari Opportunità con 56 generi. Poi venite a presentarcela e vedremo poi di che cosa dobbiamo esattamente parlare.

Non è solo la questione della carta d’identità, questa sera stiamo parlando di qualcosa di più profondo, e cioè del diritto naturale di un bambino a nascere e crescere con il proprio papà e con la propria madre, biologici o adottivi che siano. Non è la Chiesa che ci dice questo, ma è la natura delle cose e il diritto romano da prima che nascesse Gesù Cristo. Quindi finiamola di dire che è una influenza del Vaticano.

La dizione “padre e madre” chiede solo di rispettare il diritto del bambino affinché questo venga riconosciuto. A Bolzano la situazione è confusa, perché abbiamo le carte d’identità con la sigla PD (qua forse qualcuno ha esagerato) o MD, che sembrano sigle di un supermercato e invece moduli di associazioni collegate con i servizi comunali per l’infanzia che riportano genitore 1 e 2. Evidentemente ci vergogniamo di scrivere madre e padre.

Ho sentito dire prima che ‘torniamo al Medioevo’, però quando una Chiesa medioevale brucia fa scalpore e intasiamo i social con frasi di dispiacere. Allora il Medioevo non è così negativo. “Discriminazione dei gay…”, anche questo ci è stato detto. Noi chiediamo semplicemente di rispettare la biologia.

Lasciamo la dicitura “madre e padre” perché altrimenti non capiamo con chi sta andando in giro questo minore, è nel suo interesse se viene fatto questo. Sento dire ‘vengono discriminati i gay perché così non possono adottare, genitore 1 o genitore 2 possono essere anche il nonno o la nonna’, eh no dico io, perché nell’identità di una persona, nonno e nonna hanno un significato preciso. Viviamo in un momento, lo avete letto anche voi, in cui la nonna ha partorito la nipote (da cui verrà chiamata mamma), grazie al patrimonio genetico della zia (che questa bambina non saprà come chiamare), per essere adottata dal figlio del nipote dello zio. Rendiamoci conto del casino quando dovranno essere portate avanti determinate tradizioni culturali e della confusione che sentirà questa bambina quando crescerà.

Mettiamoci nei loro panni. Quando dite “genitore 1 e genitore 2” possono essere coloro che se ne occupano al posto dei genitori biologici, sbagliate, perché nei documenti ufficiali sta indicato ‘padre, madre o di chi ne fa le veci’. Ho sentito anche dire ‘ma c’è affetto, c’è amore, talvolta anche di più delle famiglie dove ci sono un padre e una madre’, ma scusate, questa non è una discriminazione al contrario?

Il diritto non va a regolamentare gli affetti, l’amore o i sentimenti, il diritto è una convenzione di regole che vanno a garantire i soggetti più deboli (in questo caso i minori), che hanno il sacrosanto, naturale e biologico diritto di vedere riconosciuta la propria capacità di identificare sé stessi e le propie radici.

E infatti c’è tutta una fetta politica di sinistra ma non solo, che mira a cancellare le identità, nazionali, culturali, personali. Abbiamo visto sindacati, senza capirne il perché, manifestare contro il Congresso Mondiale delle Famiglie (al quale io ho partecipato) in cui si chiedeva semplicemente un maggior sostegno a chi fa figli. In questa battaglia non possiamo stare zitti, e ci alzeremo tutte le volte in cui verrà tentato di negare i diritti delle persone e dei bambini, perché senza le nostre radici e la nostra identità, la nostra civiltà è destinata a scomparire.

Vorrei tanto sapere come la pensano i colleghi dell’SvP, che governano Comune, Provincia e si candidano a governare ancora in Europa, non si può essere ignavi su questo punto, una posizione bisogna prenderla. Tutti hanno il diritto di poter dire chiaramente la loro, ma una posizione deve essere presa su questo. Stavolta parliamo di un concetto molto concreto, non ideologico.

‘Padre e madre’ sulle carte d’identità, vi sta bene oppure no?“.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Bolzano

Tunnel di Base, Ferlemann: “In Baviera si farà. Bolzanini a Monaco in due ore e mezza”

Pubblicato

-

In occasione del decimo anniversario dall’introduzione dei treni Db-Oebb, il sottosegretario tedesco Enak Ferlemann parla dell’importanza del tunnel del Brennero e sottolinea che l’infrastruttura “rappresenterà un salto di qualità per il traffico ferroviario transalpino. I bolzanini potranno raggiungere Monaco in due ore e mezza“.

In questi dieci anni i passeggeri dei treni Db-Oebb sono passati da 380.000 a 700.000 del 2018 e a dicembre partirà il collegamento Bolzano-Vienna.

Ma sulle polemiche riguardanti il congestionamento del traffico ferroviario Ferlemann smentisce ogni perplessità germanica. Il tunnel in Baviera si farà anche se nel frattempo sarà necessario portare avanti il dibattito con i cittadini sulla nuova tratta.

Pubblicità
Pubblicità

Per il sottosegretario governativo della Merkel la portata della linea ferroviaria in Baviera è sufficiente fino al 2040-2050.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Bolzano

Un chilo e mezzo di hashish a casa: 54enne marocchino arrestato a Bolzano dalla Polizia

Pubblicato

-

Lo scorso lunedì (15 aprile) l’Unità Antidroga della Squadra Mobile di Bolzano ha arrestato un cittadino marocchino di 54 anni residente in Italia da diversi anni per spaccio di droga.

Ad insospettire gli agenti il fatto che l’uomo, sebbene nullafacente, conducesse un tenore di vita superiore alle sue risorse finanziarie. 

Le indagini e i pedinamenti hanno permesso di scoprire che il marocchino, residente a Oltrisarco, era già stato arrestato con altre generalità.

Pubblicità
Pubblicità

Ritenendolo coinvolto in un vasto traffico di droga, è stata quindi effettuata nei suoi confronti una perquisizione personale e dell’appartamento: lì, gli agenti hanno trovato un chilo e mezzo di hashish suddivisa in panetti e 910 euro in contanti, somma ritenuta provento della vendita di droga.

Le successive analisi di laboratorio hanno permesso di verificare come la sostanza stupefacente avesse un’elevata percentuale di principio attivo e come dal quantitativo sequestrato si potessero ricavare in media più di 13 mila dosi giornaliere.

Il trafficante si trova ora in carcere a Bolzano.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza