Connect with us

Alto Adige

VinziMarkt e San Vincenzo, la solidarietà che a Bolzano non si ferma

Pubblicato

-

Dall’inizio della pandemia cresce anche a Bolzano il numero di famiglie in stato di povertà, ma nel capoluogo c’è una solidarietà che non si ferma nonostante il virus. Al VinziMarkt di via Andreas Hofer cresce l’impegno per venire incontro a chi è più in difficoltà, quell’impegno che durante tutto l’anno vede i volontari donare il proprio tempo per tenere salda la macchina della solidarietà nel capoluogo e non solo.

Qui, la onlus San Vincenzo si occupa della distribuzione di generi di prima necessità ma anche di vestiario e presso la nuova sede che da tempo è operativa nel cuore della città, in questo periodo, ovvero dall’acuirsi dell’emergenza sanitaria, le iscrizioni per ottenere un aiuto concreto sono aumentate del 30 per cento.  Al supermercato solidale i nuclei sono infatti passati dai 140 della scorsa primavera a più  di 200 di questo autunno 2020.

“Quasi ad ogni apertura arrivano una a due persone nuove da registrare – spiega Sabine Eccel, volontaria e responsabile del VinziMarkt – . Le persone non trovano lavoro o in altri casi lo perdono. Hanno bisogno di noi che non facciamo mancare un punto di riferimento solidale. Ci siamo e continueremo ad esserci”. Il VinziMarkt é aperto  per famiglie residenti al centro di Bolzano, a Rencio e ai Piani.

Pubblicità
Pubblicità

I prodotti che vengono donati gratuitamente al mercato solidale di San Vincenzo provengono per la maggiore dal Banco Alimentare del Trentino Alto Adige ma il sostegno arriva anche da numerosi produttori e agricoltori locali così come da diverse aziende altoatesine.

La difficoltà nel reperimento dei beni in questa fase presenta diverse difficoltà, soprattutto per quanto riguarda i prodotti freschi, che a causa della paura dettata dall’emergenza sanitaria in molti punti vendita vanno ‘a ruba’, lasciando poco spazio all’opportunità delle donazioni. Frutta e verdura per il momento non mancano ma lo sforzo per mantenere come sempre alto il livello del servizio offerto a chi ne ha più bisogno rimane costante.

“Siamo aperti due volte la settimana, il martedì e il giovedì pomeriggio – continua Sabine Eccel – . Per monitorare la trasparenza delle donazioni e per garantire un servizio davvero efficace abbiamo adottato un sistema  particolare per l’accettazione delle iscrizioni e la gestione degli alimenti: un meccanismo che prevede l’utilizzo di punti, rilasciati dopo precisi controlli”.

Alle famiglie o ai singoli, i responsabili di VinziMarkt chiedono della documentazione che sia di ausilio a certificarne lo stato di necessità: dall’Isee alle dichiarazioni di disoccupazione o cassa integrazione. Ci sono poi i punti mensili da consumare e nei giorni di apertura, agli orari indicati, le persone possono recarsi lì e prelevare ciò che gli serve. A fine mese, all’esaurirsi dei punti, questi si ricaricano automaticamente per i 30 giorni successivi.

“Vengo qui una volta la settimana – afferma un’altra volontaria, Ute Niederfriniger – . Qui spaziamo dagli alimentari ai sanitari, dai quaderni agli articoli e alimenti per neonati. Spesso questi prodotti, essendo vicini alla scadenza ma ancora buoni, verrebbero buttati e questo sarebbe un grande spreco. In questo modo invece riusciamo sia ad evitare sprechi che ad aiutare persone indigenti. Il VinziMarkt é punto di riferimento per famiglie residenti nel Centro, a Rencio e ai Piani. Gli altri quartieri hanno altre iniziative di solidarietà.

All’entrata dei locali c’è anche lo spazio dedicato ai più piccoli, che per motivi legati al rischio contagio oggi non è utilizzabile. “In una situazione di normalità i bambini potevano giocare nell’area a loro riservata mentre i genitori facevano la spesa”, sottolineano.

“La Vinzenzgemeinschaft di lingua tedesca ha preso in affitto questi spazi in via Hofer con l’obiettivo di condurre queste attività con rispetto per la comunità – dice Magdalena Amonn, rappresentante della San Vincenzo di Bolzano – . Ora facciamo entrare poche persone alla volta. A causa del Covid applichiamo con la massima attenzione tutte le misure previste per la prevenzione e c’è da dire che gli ospiti si stanno dimostrando educati e rispettosi delle regole”.

E sono molti gli italiani che fanno ricorso all’offerta del supermercato solidale, un fenomeno simbolo di una crisi che non perdona e che è in grado di colpire ognuno, indistintamente. Ed è per questo che i volontari ritengono ancora più importante in questo periodo non lasciare nessuno da solo.

A credere in questo progetto, che negli anni ha dimostrato tutta la propria forza proprio nel prezioso contributo e nella tenacia dei volontari, vero motore della solidarietà, ci sono anche le istituzioni cittadine.

“Noi sosteniamo con decisione questo progetto per la sua credibilità – affermano gli assessori Juri Andriollo e Johanna Ramoser  – Qui è tutto in regola, ordinato ed accogliente, con un sistema di monitoraggio particolarmente studiato per essere efficiente e anti spreco. Quando si entra in questi spazi non si sente assolutamente la differenza rispetto ad un qualunque supermercato e loro (i volontari ndr) sono bravi a non far sentire “diverse” le persone che entrano. Tutti un domani potremmo avere un tale bisogno, ed è rassicurante sapere che c’è un luogo accogliente in cui si può essere accolti al caldo e portare a casa il cibo, che è un bene primario”.

 

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Archivi

  • Illuminazione stradale accesa dal vento delle auto con l’innovativa di Turbine Light
    Con l’aumento di strade, autostrade e di reti viarie che necessitano di essere illuminate l’intera giornata, il fabbisogno energetico risulta essere in continuo aumento, costringendo a cercare diverse alternative per soddisfare e integrare le mutevoli esigenze di mercato. Uno dei problemi principali nel coprire la gestione territoriale urbana di reti periferiche e di grandi autostrade, […]
  • Auto elettriche, ricarica rapida: arriva la batteria del futuro che “fa il pieno” in cinque minuti
    I veicoli elettrici con tutti i loro vantaggi legati ai livelli di prestazioni e di emissioni, stanno diventando una componente essenziale per affrontare la crisi climatica internazionale. Un passo da compiere quasi inevitabile e già avviato in molti Paesi con l‘avvio di sussidi per l’acquisto di veicoli elettrici, ma ancora scoraggiato dai lunghi tempi di […]
  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]
  • Path, l’universo sotterraneo di Toronto
    Quando il cielo cede velocemente il passo alle perfette geometrie della selva di grattacieli del centro, dominati dalla Canadian National Tower si apre la città di Toronto in Canada, con i suoi grandi villaggi residenziali, i suggestivi quartieri periferici e le enormi strade che corrono verso il cuore della metropoli. Nonostante si mostri davvero affascinante, […]
  • Il primo cuore artificiale ottiene marchio CE: ora può essere venduto in tutta Europa
    La tutela della salute è una sfida che coinvolge medici, scienziati ed ingegneri, insieme impegnati da secoli per rendere sempre più concreta la possibilità di trovare soluzioni in grado di compensare le scarse disponibilità dei donatori e aiutare la vita delle persone che soffrono di particolari patologie. Negli ultimi anni la ricerca ha reso questa […]
  • Liberare l’agricoltura dai vincoli climatici con intelligenza artificiale e serre verticali
    L’inarrestabile evoluzione dell’intelligenza artificiale allarga si suoi già immensi confini coprendo anche l’importante mondo dell’agricoltura, puntando ad una vera rivoluzione agricola. L’esperimento di respiro europeo porta l’intelligenza artificiale nella conduzione di serre verticali che aiutano a rendere la produttività 400 volte superiore rispetto a quella tradizionale di colture orizzontali. Sfruttando l’intelligenza artificiale, con l’aiuto di applicazioni […]
  • Cereria Ronca: il posto dove alta qualità e rispetto per l’ambiente si incontrano
    Da oltre 160 anni, le candele della Cereria Ronca danno un tocco di luce e calore agli spazi dei propri clienti: cilindri, sfere, tortiglioni adatte ad ogni occasione vengono create ad hoc per illuminare e profumare l’ambiente. Dal 1855, infatti, Cereria Ronca produce e vende candele made in Italy a marchio, personalizzate o per conto di […]
  • Locherber Milano e l’arte della profumazione di ambiente
    Candele, diffusori, intense fragranze ed eccellenza sono i pilastri di Locherber Milano, brand creato dopo tre generazioni di sviluppo di prodotti cosmetici e grazie al connubio tra precisione svizzera e passione Italiana. L’azienda, gestita autonomamente grazie alla conduzione familiare, permette di mantenere un ethos invariato ed una propria libertà creativa. Le fragranze esclusive di Locherber Milano […]
  • Thun: l’atelier creativo simbolo di Bolzano e dell’Alto Adige
    La storia di THUN ha inizio nel 1950 con la nascita del primo Angelo di Bolzano, la dolce figura ceramica che Lene Thun modellò guardando i figli che dormivano. Oggi l’Angelo è universalmente riconosciuto come simbolo dell’Alto Adige e della città di Bolzano, ed è presente in moltissime case italiane ma non solo. Negli anni […]
  • “ Kalabria Coast to Coast”: un cammino di 55 km per vivere la vera essenza della Calabria
    La Calabria è la regione dove mare e montagna sono così vicini da poter essere vissuti nella stessa giornata: caratteristica unica e particolare che ha spinto la nascita di “Kalabria Coast to Coast”, un percorso naturalistico di 55 km da assaporare a passo lento tra filari di vite, distese di ulivi, boschi e piccoli caratteristici […]

Categorie

di tendenza