Connect with us

Italia ed estero

Violenza sessuale di gruppo in Costa Smeralda: indagati il figlio di Grillo e tre amici

Pubblicato

-

Violenza sessuale di gruppo: questa l’accusa per Ciro Grillo e tre amici genovesi che si trovano in questi giorni nella villa in Costa Smeralda del figlio del comico Beppe Grillo.

La notizia viene riportata oggi sul quotidiano di Torino La stampa con un certo clamore. Il presunto stupro si sarebbe consumato dopo una serata estiva in discoteca, terminata poi in una lussuosa magione di Porto Cervo.

Qui, al momento è l’unica cosa certa, si consuma un rapporto sessuale di gruppo, fra una ragazza e quattro coetanei, che si erano incontrati nel locale.

Pubblicità
Pubblicità

Secondo ciò che racconta la ragazza, modella di origini scandinave, vent’anni ancora da compiere, si sarebbe trattato di uno stupro, forse avvenuto al termine di una notte di eccessi alcolici.

Nella versione dei quattro giovani – tutti figli di imprenditori, medici e professionisti della Genova bene – il rapporto è stato consenziente.

Il teatro della vicenda è la residenza estiva di Beppe Grillo, in Costa Smeralda: uno dei giovani indagati per violenza sessuale di gruppo è infatti Ciro, 19 anni, figlio del comico fondatore del Movimento Cinque Stelle e campione italiano di savate (pugilato dove si possono usare anche i piedi).

Insieme a lui sono coinvolti tre amici genovesi, in Sardegna per passare le vacanze: Edoardo Capitta, Francesco Corsiglia e Vittorio Lauria.

I quattro giovani ieri sono stati interrogati per ore dal magistrato Laura Bassani, pubblico ministero della Procura di Tempio Pausania, titolare del fascicolo.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza