Connect with us

L’impertinente

Alto Adige, ultima frontiera: bensvegliati nella terra della dittatura di minoranza

Pubblicato

-

Alto Adige. Ultima frontiera.

Inizio sempre così quando scrivo con lo pseudonimo di Bellerofonte, vuoi perché è un mio personalissimo omaggio a Star Trek, vuoi perché l’Alto Adige in un certo senso è davvero l’ultima frontiera, come quella del vecchio west. 

La frontiera, quel luogo sospeso tra paradossi e realtà, dove si incrociano e convivono le più svariate culture, dove tutto è sacro ed allo stesso tempo profano, ambiguo ed indefinito, dove le regole trovano un’altra interpretazione. 

Pubblicità
Pubblicità

Strano a dirsi ma questo è proprio l’Alto Adige, la frontiera che il resto dello Stivale immagina come la terra dove scorre latte e miele, dove lo sfondo dolomitico incornicia favole da mille e una notte.

E poi ti svegli, apri gli occhi e proprio in quell’istante comprendi che questa terra è solamente la fotocopia sbiadita di quel che ti sei sempre immaginato. Sono sempre stato pervaso dalla curiosità di comprendere meglio l’autonomia di cui gode questa terra, capire che cosa vuol dire essere “autonomi”, di quali diritti vive un autonomo e da dove scaturisce tanta ricchezza perché, e credetemi sulla parola, lì gira tanto denaro. 

L’immaginavo come una Lussemburgo senza Junker, come un Liechtenstein senza principi né monarchia, come una Montecarlo senza la Costa Azzurra o come un’Austria dei valzer, con tante principesse Sissi pronte ad accoglierti con ghirlande di stelle alpine stile Hawaii ma senza la danza hula hula, giusto qualche jodel alla Franz Lang.

La metafora cede il posto alla realtà, qui si vive veramente in una terra di confine che ha al suo interno un ulteriore confine, quello delle “mele e delle pere”, quello della “gente alta” e della “gente bassa”, quella dei germanofoni e degli italofoni. E come in tutte le zone di frontiera, anche in Alto Adige lo status si è raggiunto sottoscrivendo un trattato intorno ad un tavolo a Saint-Germain giusto 100 anni fa, e da lì non ci si è più schiodati.

Attenzione, sto descrivendo comunque una delle terre più belle e suggestive che io abbia mai visto, dove lo spettacolo del sole che all’alba coi suoi raggi fende le cime dolomitiche è più unico che raro, dove l’aria frizzante mattutina ti risveglia quanto o più della miglior miscela di caffè, dove l’abbraccio della natura è così forte da farti comprendere perché la chiami Madre.

Ma l’idillio è tutto qui.

Anzi, sarebbe meglio dire che l’idillio è tutto qui per un cittadino italiano dichiaratosi di madrelingua italiana, perché se sei un cittadino italiano dichiaratosi di madrelingua tedesca, la vita altoatesina o sudtirolese che dir si voglia, non potrebbe esserti più arridente. 

Ma innanzi a tutto ciò mi tocca comunque ricordare e ribadire che a prescindere che ti dichiari di madrelingua italiana o di madrelingua tedesca, l’Alto Adige è sempre Repubblica Italiana, anche se dopo cento anni e ben quattro generazioni, qualcuno ha difficoltà ad accettarlo. Sono d’accordo per la preservazione di usi, costumi, lingua, cultura e tradizioni, sono completamente in disaccordo che si strumentalizzi il preservare di tali nature per scopi con fini discriminatori, è l’Alto Adige ne è il più lampante esempio.

Quando i diritti non valgono per tutti, tali diritti si trasformano in privilegi per alcuni.

In Alto Adige il pomo della discordia è la proporzionale etnica, ovvero la possibilità di accedere all’impiego negli Enti Pubblici in base alla dichiarazione di appartenenza etnica rilasciata in fase di concorso.

Secondo l’ultimo censimento, la prevalenza etnica dell’Alto Adige è a favore dei madrelingua tedesca, ergo in base alla proporzionale etnica prevista dallo Statuto dell’Autonomia, ci saranno più posti d lavoro disponibili per i madrelingua tedesca rispetto ai madrelingua italiana.

Questo è un privilegio e non un diritto atto a preservare la cultura sudtirolese. Per questo troverai una marea di Gennarino Esposito o di Alfio Caruso dichiarati di madrelingua tedesca, pronti a scambiare babà e cannoli con strudel e kaiserschmarrn. La conseguenza è che negli edifici pubblici, anche in quelli giudiziari di ogni grado e competenza, troverai una stragrande maggioranza dichiaratamente diversa dall’altra, a scapito di un equilibrio e trattamento sicuramente non obiettivo.

Tutto ciò va a ripercuotersi in tutti gli ambiti della vita locale, nel tessuto socio-culturale, in quello politico, in quello scolastico ed in quello della somministrazione dei servizi. E poi c’è il potere, da oltre quarant’anni gestito da una politica filo austriaca e completamente anti italiana, dove la possibilità dell’esercizio “autonomo” del potere ha reso la Provincia Autonoma di Bolzano non un territorio a statuto speciale, bensì un feudo ad uso e consumo di una signoria locale, bene accorta a rimarcare la differenza sociale tra le mele e le pere (cit.)

La massima espressione politica di questa pseudo-signoria, l’SVP, è riuscita nel corso dei decenni a districarsi nei meandri della politica nazionale accumulando vantaggi e privilegi per i propri accoliti, gridando da un lato la loro estraneità alla nazione italica, mentre dall’altro agguantava a piene mani le lire repubblicane. Ed in tutto ciò chi si è dichiarato italiano patisce ancora la discriminante sociale, un accesso limitato al Pubblico Impiego, al diritto allo studio ed anche alla retribuzione economica.

Ma il capolavoro per antonomasia l’hanno ottenuto proprio col diritto all’autoregolamentazione, ovvero alla possibilità di promulgare leggi in maniera autonoma ed indipendente, che inizialmente doveva essere solamente per la salvaguardia della minoranza germanofona – si, avete letto bene, non è un refuso – e che invece si è pian piano estesa a tutta l’attività politica, il più delle volte contravvenendo alla normativa nazionale, come sta accadendo proprio in questi giorni, dopo l’approvazione della legge di bilancio provinciale, palesemente contraddicente in alcuni passaggi alla legge di bilancio 2019 nazionale.

E guai se provi ad intralciare il cammino dei moderni revanscisti.

Soprattutto quelli stellalpinati, ti scagliano immediatamente addosso anatemi di ogni sorta accusandoti di odio etnico e di essere nemico del popolo tedesco (in Italia?), mentre nel silenzio dell’Aula e della complicità di chi ha deciso di vivere in ginocchio per meglio raccogliere le briciole che cadono dai tavoli che contano, si dà il via ai preparativi per una decapitazione mediatica, atta a minare la credibilità ed a creare il più largo dissenso intorno a chi ha osato elevarsi dalla posizione supina, a chi ha denunciato irregolarità e illegittimità perpetrate ai danni di tutta la popolazione sudtirolese, italiana o tedesca che sia. 

Questo è ciò che accade.

Chi governa con una politica da sub-regime mal sopporta le lagnanze di un’opinione pubblica che vuole un trattamento equo, l’abbattimento dei privilegi della classe dirigenziale, equità all’accesso allo studio, conformità a quelli che sono i diritti sanciti dalla Costituzione come il diritto alla salute, vera chimera dell’amministrazione provinciale.

L’altro giorno sembrava essere ritornati in pieno ‘800, dove una manifestazione dei dipendenti della provincia mi ha ricordato i moti e le lotte di classe studiate sui libri di storia; dopo oltre un secolo si torna a manifestare per uguaglianza nei trattamenti salariali, nel silenzio più assordante di una parte dei media, il più delle volte complici nel non dare la giusta visibilità a notizie che pensavo ormai relegate ai documentari di Rai Storia; gli stessi media che non si fanno scrupoli nell’iniziare una campagna di denigrazione strumentale nei confronti di quei galantuomini – pochi – che hanno ancora a cuore la Giustizia e la salute dei cittadini. 

Nel frattempo, quell’aria da immunità che aleggiava tra i corridoi del potere sta venendo sempre meno, le recenti indagini ed i rinvii a giudizio non lasciano margine ad interpretazioni; anche il più sprovveduto dei meteorologi prevedrebbe temporali scorgendo certi nuvoloni all’orizzonte.

Ma noi non ci preoccupiamo, l’ombrello dell’onestà ci proteggerà dal diluvio. 

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Archivi

  • Dal camerino digitale alle chat “commessa”: Cambia l’esperienza d’acquisto anche nella moda
    L’arrivo del covid prima e l’emergenza sanitaria poi, sta accelerando un processo e una trasformazione che era più che mai prevedibile, puntando verso diversi cambiamenti, soprattutto quello dell’esperienza d’acquisto. Una direzione inconvertibile in cui molti, tra esperti e protagonisti del settore, stanno cercando di riprodurre le stesse sensazione dell’acquisto vissuto in negozio  provando ad uguagliarlo […]
  • Anche i grandi nomi della moda scelgono la sostenibilità: Prada lancia la nuova linea “Prada Re – Nylon” con plastica ricilata
    I grandi nomi della moda e del lusso si reinventano nella forma e soprattutto nella sostanza facendo della sostenibilità una propria cultura aziendale, impegnandosi verso una moda sostenibile e decisamente più responsabile. Questa è la direzione che ha deciso di prendere Prada, ampliando la sua proposta e introducendo una nuova collezione con del nylon rigenerato per […]
  • Al MART di Rovereto è arrivata la mostra “Caravaggio. Il contemporaneo”
    Michelangelo Merisi, in arte Caravaggio, è un pittore italiano nato a Milano nel 1571 e deceduto a Porto Ercole nel 1610. Questo incredibile autore, che si è formato a Milano e che ha lavorato a Roma, Napoli, Malta e in Sicilia fra il 1593 e il 1610, ha raggiunto la notorietà nel XX secolo dopo un […]
  • Arriva la crociera “ no where”: navigare in mare aperto senza scali né meta
    Dopo i voli verso il nulla annunciati da diverse compagnie aeree in Asia, ora, per riconquistare la fiducia dei viaggiatori e dei turisti di tutto il mondo arrivano anche viaggi in nave senza destinazione, le crociere “no where”. Si tratta di navigazioni in barca in mare aperto ma senza scali con andata e ritorno e […]
  • Il periodo di quarantena all’estero diventa un’opportunità di turismo: la Norvegia e il suo fascino
    Nonostante un periodo di limitazioni, viaggiare per turismo è diventato un imperativo, esiste infatti chi ha inventato proposte decisamente non convenzionali per trasformare l’attuale situazione di emergenza in una vera opportunità di turismo. Si parla in particolare del “Loften Quartine Tour”, un “pacchetto sicuro” pensato da Quality Group e marchiato da Il Diamante che punta […]
  • A Londra il vecchio taxi cambia stile: a bordo Playstation 4 e Apple TV
    Uno dei simboli della città di Londra, i tipici taxi neri Balck Cab dall’estetica retrò che percorrono le strade della capitale inglese, è stato finemente rivisitato in chiave moderna, realizzandone una versione di lusso ma fedele all’originale. Mantenendo la stessa funzione, un rivenditore di auto di fascia alta, ha realizzato un’edizione premium limitata di alto […]
  • Smart working in camere di lusso:la nuova tendenza è l’ufficio in hotel
    Per molte realtà imprenditoriali Il lavoro remoto sta diventando una soluzione sempre più stabile e di conseguenza si prefigura la necessità di renderlo meno casalingo possibile per preservare sia la produttività e soprattutto gli equilibri famigliari. Il metodo perfetto per conciliare le varie esigenze aumentando il rendimento del lavoratore senza gravare sulla famiglia, è stato […]
  • Pumpkin Spice Latte: le varianti più golose della ricetta più apprezzata durante l’autunno!
    Ideata da Starbucks nel 2003 e definitamente rivisitata nel 2015, la ricetta del Pumpkin Spice Latte è diventata negli anni uno dei must stagionali per quanto riguarda l’autunno. La bevanda, a base di zucca, caffè, latte e cannella, è particolarmente apprezzata negli Stati Uniti ma sta iniziando a farsi conoscere anche nel resto del mondo. […]
  • Botticelli va all’asta: raro dipinto, valore stimato 80 milioni di dollari
    La straordinaria stagione del Rinascimento italiano ammirato da tutto il mondo grazie al domino culturale, economico e sopratutto artistico di quegli anni, attira nuovamente l’attenzione a causa del recente annuncio d’asta di un capolavoro del Botticelli. La nota casa d’Aste Sotheby’s ha infatti comunicato che nel gennaio 2021 verrà messo all’asta un magnifico dipinto del […]
  • Domus Aventino: a Roma un museo archeologico all’interno del nuovo condominio, da novembre aperto a tutti
    L’Italia come sempre è una meravigliosa sorpresa. Durante dei lavori per la riconversione di alcuni uffici della Bnl in appartamenti di lusso nel centro di Roma, sono affiorati dei mosaici e una sontuosa residenza romana. La bellezza della scoperta ha spinto l’idea di valorizzazione del ritrovamento che convivesse sinergicamente con il complesso residenziale. Si parla […]

Categorie

di tendenza