Connect with us

Economia e Finanza

Assoimpreditori Sezione alimentari: l’importanza della ricerca e dell’innovazione

Pubblicato

-

Ricerca e innovazione svolgono un ruolo chiave per lo sviluppo e la competitività delle aziende.

La Sezione alimentari di Assoimprenditori Alto Adige sta puntando su queste tematiche e a loro ha dedicato la sua Assemblea annuale, ospitata nei giorni scorsi dalla Superdistribuzione Srl, il centro carni del Gruppo Despar a Bolzano.

La Sezione alimentari di Assoimprenditori raggruppa 31 imprese che occupano in tutto 3.400 dipendenti.

Dando il benvenuto agli imprenditori presenti, il Presidente della Sezione, Thomas Brandstätter (Zipperle Spa), ha parlato della collaborazione con l’uni versità di Bolzano e in particolare di due progetti che hanno preso il via in stretta collaborazione con le aziende del territorio: il nuovo corso di laurea magistrale in “Food Science for Innovation and Authenticity” e il nuovo dottorato di ricerca dedicato al settore alimentare.

Le imprese del nostro settore – ha sottolineato Brandstätter – sono fortemente innovative e offrono posti di lavoro di elevata qualità. Per questo la collaborazione con l’Università di Bolzano è di fondamentale importanza: il percorso di studi e il dottorato di ricerca recentemente avviati rispondono all’esigenza di formare personale altamente qualificato, una caratteristica fondamentale per garantire alle imprese di poter competere sui mercati internazionali”.

Il percorso di studi, interamente in inglese, sta formando studenti provenienti da tutta Europa. Il primo semestre del secondo anno gli iscritti avranno la possibilità di svolgere un periodo di studi all’estero cofinanziato dalle imprese. Oltre al corso di laurea magistrale, la cooperazione con l’università ha portato all’introduzione di un dottorato di ricerca svolto in stretta collaborazione con un’azienda del settore.

Durante l’assemblea Brandstätter ha espresso soddisfazione riguardo alla mancata introduzione della “sugar-tax”: “Grazie al tempestivo intervento e alla stretta collaborazione con Confindustria è stato possibile evitare questa tassa sulle bevande analcoliche che avrebbe colpito negativamente l’intera filiera”.

Dopo una visita allo stabilimento della Superdistribuzione srl, guidata dal direttore dello stabilimento Andrea Vidoni, e di una presentazione del Gruppo Despar da parte del direttore di sede per l’Alto Adige e il Trentino Adige, Robert Hillebrand, l’assemblea si è conclusa con una relazione tenuta da Wolfgang Ellmenreich dell’Azienda sanitaria dell’Alto Adige sul tema del confezionamento dei generi alimentari, in particolare sugli ultimi sviluppi riguardo ai materiali usati per realizzare gli involucri di cibi e bevande, che devono rispondere a criteri di sostenibilità e sicurezza.

Economia e Finanza

Manovra, misure fiscali penalizzano artigiani e PMI. CNA: “Evasione, non siamo bersagli”

Pubblicato

-

Le prime indicazioni della manovra di bilancio e del decreto fiscale preoccupano per gli effetti negativi su artigiani e piccole imprese”.

Lo afferma CNA Trentino Alto Adige, pur apprezzando la decisione del Governo di evitare il temuto aumento dell’Iva e di confermare l’ecobonus.

In particolare – argomenta Claudio Corrarati, presidente della CNA regionale – le modalità ipotizzate per il contrasto delle frodi in materia di crediti fiscali e l’obbligo del committente di versare le ritenute operate dalle imprese di tutta la filiera dell’appalto sui propri dipendenti provocherebbero un aggravio delle condizioni operative delle piccole imprese che già scontano il deterioramento del ciclo economico e le crescenti difficoltà nell’accesso al credito”.

Secondo CNA “la lotta all’evasione e all’elusione fiscale non deve penalizzare i contribuenti fedeli e il mondo degli artigiani e delle piccole imprese non può rappresentare il principale bersaglio di misure e interventi che rischiano di generare un sistema fiscale ancor più distorsivo.

È necessario invece un fisco equo e amico ed è quanto mai urgente intraprendere un percorso di progressiva riduzione della pressione fiscale che grava su artigiani e piccole imprese”.

CNA Trentino Alto Adige “è consapevole delle difficoltà di costruire una politica economica con risorse scarse a causa dell’enorme sforzo per disinnescare le clausole di salvaguardia e confida nel confronto delle parti sociali con Governo e Parlamento per apportare miglioramenti alla manovra con particolare riferimento agli artigiani e alle piccole imprese”.

Continua a leggere

Economia e Finanza

Prezzi carburante, CTCU: “Alto Adige ai primi posti”. Ecco le stazioni più convenienti

Pubblicato

-

Come si evince dall’ultima analisi svolta dal Centro Tutela Consumatori Utenti (CTCU), per quanto riguarda i prezzi dei carburanti l’Alto Adige è ai primi posti tra le regioni vicine (v. Aumento del carburante: dai vicini il pieno è più conveniente).

Nella fattispecie il CTCU ha messo sotto la lente di ingrandimento i prezzi del carburante delle singole stazioni di rifornimento in Alto Adige, facendo emergere che vale sicuramente la pena fare un confronto. 

Sono stati comparati i dati di Osservaprezzi Carburanti del Ministero per lo Sviluppo Economico (MISE) al 30.09.19. Dal 2013 i gestori delle pompe di benzina sono obbligati a comunicare al MISE i prezzi correnti dei carburanti.

Nel segno della trasparenza di informazione gli stessi possono essere consultati o sul sito del Ministero o attraverso la relativa app.  

I prezzi dei carburanti in Alto Adige a confronto

Il divario dei prezzi per benzina e diesel in Alto Adige è notevole. Il prezzo della benzina parte in Alto Adige da 1,569€/l, raggiungendo quota 1,957 €/l in caso di stazione con rifornimento servito. Per il prezzo della benzina si traduce in un divario di quasi il 25%. 

Per il diesel la situazione è analoga. Il più conveniente in regione si acquista a 1,469 €/l. La stazione di rifornimento più cara, invece, applica un abbondante 29% in più, raggiungendo una quota di 1,899 € per ogni litro di diesel. 

Prendendo a riferimento un pieno medio di 50 litri per un’utilitaria di medie dimensioni, significa un risparmio potenziale di circa 19,4 € per i veicoli a benzina e di 21,5 € per quelli diesel.  

Benzina Diesel
servito fai da te servito fai da te
Prezzo più conveniente 1,569 1,569 1,469 1,469
Prezzo più caro 1,957 1,949 1,889 1,899
Media in Alto Adige 1,717 1,659 1,619 1,565
Divario prezzi 0,388 0,38 0,42 0,43
Divario prezzi in % 24,73% 24,22% 28,59% 29,27%

Prezzo €/l al momento della rilevazione dati al 30.09.19 ore 16 

Media Alto Adige: media dei prezzi di 150 distributori in Alto Adige

Dove costa di più fare carburante?

Generalmente gli altoatesini pagano di più il carburante in autostrada. Nelle valli e in determinate stazioni di rifornimento in città il prezzo è decisamente più conveniente.  Ciononostante anche i prezzi dei carburanti nelle stazioni di rifornimento in autostrada sono molto diversi e non necessariamente iper-cari.

In Alto Adige abbiamo addirittura qualche stazione di rifornimento in autostrada, dove i prezzi sono sotto la media.  

Anche all’interno di uno stesso comune la comparazione dei prezzi è giustificata, poiché talvolta si possono riscontrare ampie differenze che raggiungono i 38 cent/litro. In particolar modo nel caso delle stazioni con rifornimento servito è possibile riscontrare discrepanze elevate. 

Secondo i dati del portale non sempre le stazioni di rifornimento fanno una differenza in termini di prezzo tra il servito e il fai da te. Dove ciò avviene tuttavia, conviene scegliere l’opzione self-service per il proprio veicolo. Così facendo, infatti, in alcuni luoghi, si può raggiungere un risparmio di oltre 10  cent/litro. 

Seppure in Alto Adige mediamente le differenze di prezzo si possano individuare a livello delle singole compagnie, anche all’interno di ognuna di esse, vige una certa libertà di determinazione dei prezzi, che in alcuni casi può risultare abbastanza variegata. 

Le stazioni di rifornimento più convenienti in Alto Adige

Le 5 stazioni di rifornimento più economiche in Alto Adige per tipo di carburante, al momento della rilevazione dei dati.

Benzina

Fai da te

EUM – Moso in Passiria (1,569 €/l)

GNP – Claudia Augusta Bolzano (1,577 €/l)

GNP – S. Gertrude Bolzano (1,577 €/l)

GNP – Piè di Virgolo Bolzano (1,577 €/l)

BZ010 (Repsol) – Avelengo (1,579 €/l)

TOTALERG – Bolzano (1,579 €/l)

Servito

EUM – Moso in Passiria (1,569 €/l)

TOTALERG – Bolzano (1,579 €/l)

SMP – Laives (1,598 €/l)

Ingignieri Roberto (SMP) – Via Innsbruck Bolzano (1,599 €/l)

Shell – Sarentino (1,609 €/l)

Diesel

Fai da te

EUM – Moso in Passiria (1,469 €/l)

BZ010 (Repsol) – Avelengo (1,489 €/l)

Q8 – Merano (1,489 €/l)

GNP – Piè di Virgolo Bolzano (1,497 €/l)

GNP – S. Gertrude Bolzano (1,497 €/l)

GNP – Claudia Augusta Bolzano (1,497 €/l)

Servito

EUM – Moso in Passiria (1,469 €/l)

SMP – Laives (1,488 €/l)

Esso – Terlano (1,499 €/l)

Ingignieri Roberto (SMP) – Via Innsbruck, Bolzano (1,499 €/l)

SMP – Caldaro (1,499 €/l)

Conclusioni

Un confronto dei prezzi può essere utile, poiché anche all’interno di uno stesso Comune è possibile risparmiare, soprattutto se non si opta per il servito. La banca data Osservaprezzi Carburanti (https://carburanti.mise.gov.it/OssPrezziSearch/) del MISE, la relativa app o analoghi portali di altri fornitori possono essere d’aiuto.

Tuttavia, in un’epoca di riscaldamento globale, di aumento dell’inquinamento da polveri sottili e nell’ottica della tutela ambientale vi scoraggiamo dal percorrere lunghi tragitti in auto, esclusivamente per raggiungere la stazione di rifornimento più conveniente. 

Continua a leggere

Economia e Finanza

„Vivi anche tu l’industria – Le professioni da vicino”: Open Day nel comprensorio Bolzano Land

Pubblicato

-

Per far conoscere anche ai più giovani le molteplici opportunità professionali che offrono le aziende organizzate a livello industriale, molte aziende del Comprensorio Bolzano Land di Assoimprenditori Alto Adige aprono le loro porte per le scuole medie di lingua italiana e tedesca del Comprensorio durante due giornate di “open day”.

Le iscrizioni sono già iniziate e finora è prevista complessivamente la presenza di circa 200 ragazzi. Dopo l’appuntamento dell’11 ottobre, gli Open day di Bolzano Land hanno luogo anche venerdì 18 ottobre 2019, alle 14.30.

Domani apriranno le loro porte le seguenti otto aziende: ewo Srl di Cortaccia, Finstral Spa di Auna di Sotto, Holz Pichler Spa di Nova Ponente, Manometal Srl di Egna, Pan Surgelati Srl di Laives, Planit Srl di Ora, Röchling Automotive Italia Srl di Laives e Seppi Srl a Caldaro.

Continua a leggere

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza