Connect with us

Politica

Blocco mezzi pesanti nelle ore di punta. Salvadori: “Dal Comune sempre scelte insensate”

Pubblicato

-

Da almeno due decenni Comune e Provincia discutono della famosa variante del Monte Tondo, un’opera che consentirebbe di spostare il traffico veicolare, proveniente da Sarentino e da San Genesio, dalla città alla periferia di Bolzano.

Sono molto frequenti gli incidenti, che si susseguono a causa della condivisione tra mezzi pesanti, auto, pedoni e ciclisti delle medesime strade e degli stessi incroci. A questo proposito, la considerazione del consigliere di circoscrizione “Europa – Novacella” per Fratelli d’Italia, Diego Salvadori.

Dopo la rivisitazione dei tempi del semaforo di piazza Mazzini e l’attivazione di telecamere che aiuteranno la municipale ad elevare contravvenzioni agli automobilisti pescati in mezzo ad un incrocio al sopraggiungere del rosso, il sindaco Caramaschi e l’assessore Lorenzini hanno annunciato il blocco dei mezzi pesanti durante gli orari di punta lungo alcune vie di Bolzano – dice Savadori – .

Pubblicità
Pubblicità

Per un attimo ci eravamo illusi che avesse vinto il buonsenso, che il sindaco e l’assessore avessero fatto una scelta coraggiosa, nonostante gli interessi economici che gravitano attorno ai passaggi dei tir, per tutelare la vita e la salute di mamme, bambini, papà, anziani, studenti, lavoratori che attraversano ogni giorno piazza Mazzini, corso Libertà, piazza Vittoria, via Cadorna, ecc. per andare a scuola, a lavorare o semplicemente una passeggiata“.

Peccato che la direttrice Bolzano – Sarentino, scenario dei gravi investimenti, di cui la cronaca ci ha riferito in questi anni, non sia stata interessata da questo provvedimento. Insomma, come al solito questa amministrazione decide tutto per non decidere nulla e ormai i proclami elettorali hanno sostituito in tutto e per tutto il buonsenso“, conclude il consigliere.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza