Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Società

Con la legge Omnibus taglio in sordina alla tutela dei consumatori e degli utenti in Alto Adige

Pubblicato

-

Mediante un articolo della legge Omnibus si intendono tagliare le competenze del Centro Tutela Consumatori Utenti“. Ad affermarlo sono Priska Auer e Walther Andreaus, rispettivamente presidente e direttore del CTCU di Bolzano che ora chiedono un incontro urgente con il presidente della giunta provinciale.

Dalla legge provinciale sulla tutela dei consumatori si vorrebbe infatti depennare un paragrafo che attribuisce al Centro Tutela Consumatori Utenti (CTCU), fra le altre sue competenze, il compito di partecipare alla determinazione degli standard di qualità dei servizi pubblici locali erogati dai soggetti privati, nonché quello di vigilare sull’applicazione di tali standard.

Con ciò verrebbe messo in discussione in Alto Adige quello che è un compito cardine della tutela dei consumatori europea e nazionale.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

Il paragrafo in questione traspone in legge provinciale una norma nazionale del 2007: il legislatore nazionale aveva infatti previsto che, nel caso di servizi pubblici locali affidati dagli enti pubblici a soggetti privati tramite contratto di servizio, vige l’obbligo di redigere una Carta della qualità dei servizi, concertata con le associazioni di tutela dei consumatori, che stabilisca gli standard di qualità, e che le stesse associazioni partecipino al monitoraggio e alla verifica periodica di tali parametri di qualità.

Le attività delle associazioni sono finanziate con un prelievo a carico del soggetto gestore del servizio, e non vi sono costi a carico dell’ente pubblico.

Depennando detto paragrafo, anche in Alto Adige, come nel resto d’Italia, tutte le associazioni dei consumatori riconosciute (e sono 20 di numero) dovrebbero espletare tale compito congiuntamente.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

L’esperienza mostra che è praticamente impossibile trovare un consenso su contenuti omogenei con un numero così sostenuto di attori – senza che il tutto si trasformi in un guscio vuoto, dove oltre a venir condivisi documenti si farebbe ben poco fanno per incrementare la qualità dei servizi.

Il processo di fissare e monitorare nel tempo gli standard di qualità dei servizi pubblici erogati da soggetti privati – a titolo esemplificativo citiamo il trasporto pubblico locale, i servizi delle case delle donne per donne in situazioni di pericolo, il trasporto di alunni con problemi di mobilità, nonché molteplici servizi a favore di persone svantaggiate – non deve avere lo scopo di mettere tra loro in concorrenza singole associazioni, né deve diventare un processo di consenso meccanico e vuoto, ma va affrontato, concepito e realizzato nel concreto per ogni singolo servizio ai cittadini, ognuno con le rispettive peculiarità“.

Il prospettato ritorno al modello nazionale non promette quindi buone nuove per gli utenti di questi servizi.

Le Carte della qualità obbligatorie sono state introdotte per legge ormai 12 anni fa. Dopo gli inizi assai faticosi e difficili cominciamo ad assistere ad una mutata percezione di questo strumento, sia da parte degli enti cedenti che da parte dei soggetti gestori, che finalmente percepiscono come le Carte portino soltanto benefici a tutti i soggetti coinvolti – affermano dal CTCU – . Grazie al nostro impegno in questi anni stanno anche maturando i primi risultati concreti – citiamo solo a titolo esemplificativo il bonus pendolari, misura unica in tutta Europa, che riconosce ai pendolari altoatesini un indennizzo nel caso di ritardi nel trasporto pubblico locale, erogato per la prima volta nel 2019“.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

Considerando i risultati raggiunti, quali il bonus citato, diventa ancora meno comprensibile questo tentativo di scardinare i principi fissati nella norma attuale – ed anche il fatto che una tale iniziativa venga intrapresa senza neanche consultare l’istituzione interessata la dice lunga.

La motivazione addotta, ovvero che tale paragrafo sia superfluo in quanto sarebbe già coperto da Delibera della Giunta Provinciale, non corrisponde al vero: in realtà, eliminando questo paragrafo della legge provinciale in materia di difesa dei consumatori e utenti, alla Delibera manca la fonte di diritto specifica cui la Giunta Provinciale si riferirebbe, diventando così un mero passaggio “vuoto”.

Si definisce quale superato il contributo pubblico, quasi a voler evitare l’evenienza di un ipotetico doppio finanziamento a carico della collettività della stessa attività. In realtà – concludono – non vi è mai stato e non vi è un simile doppio finanziamento da fondi pubblici: il paragrafo della legge provinciale non riguarda il finanziamento (che è invece a carico dei gestori privati), ma fissa soltanto le competenze obiettive del Centro Tutela Consumatori Utenti per le Carte della Qualità dei Servizi in Alto Adige. Stralciando tale competenza, si rinuncia alla norma autonoma per l’Alto Adige un netto passo all’indietro

Un finanziamento pubblico del CTCU per le attività connesse alle Carte della Qualità dei Servizi era da sempre escluso “ab origine”, in quanto già la legge finanziaria del 2008 (L. 244/2007, comma 461) esclude qualsivoglia finanziamento da bilancio pubblico.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Bolzano3 settimane fa

Tragico scontro frontale in A 22, muore una donna bolzanina 77 enne. Gravi il marito e un bambino di 10 anni

Bolzano3 settimane fa

Incendio in centro a Bolzano: rogo causato dal malfunzionamento di una lavatrice

Alto Adige4 settimane fa

Gli ospedali dell’Alto Adige sono ora cliniche universitarie

Alto Adige3 settimane fa

Rimorchio si stacca dal camion e blocca la strada del Renon

Alto Adige1 settimana fa

Maltempo, violenti temporali sull’Alto Adige: numerosi gli intervenenti dei Vigili del Fuoco Volontari

Merano4 settimane fa

Auto esce di strada e si ribalta su un sentiero forestale: una persona all’ospedale in gravi condizioni

Alto Adige3 settimane fa

Ponte di Pentecoste: arrestati due stranieri, una denuncia e centinaia di verifiche durante i controlli del Commissariato di P.S. di Brennero

Merano4 settimane fa

Merano, fuoriuscita di perossido di idrogeno nella lavanderia della Croce Rossa: allertati i Vigili del Fuoco

Alto Adige3 settimane fa

Convegno Euregio a Trento: integrazione e cooperazione europea

Merano2 settimane fa

Merano: controlli straordinari da parte della Polizia di Stato, sequestrata sostanza stupefacente e segnalato un ragazzo quale consumatore

Italia ed estero3 settimane fa

Codici: sciopero trasporto aereo, i passeggeri hanno diritto a rimborso e indennizzo

Merano3 settimane fa

Furti di biciclette a Merano, cinque denunciati dai Carabinieri

Alto Adige4 settimane fa

Violenti nubifragi in Alto Adige: oltre 60 interventi dei Vigili del Fuoco

Alto Adige3 settimane fa

Coronavirus: 10 casi positivi da PCR e 344 test antigenici positivi, un decesso

Politica2 settimane fa

Lido di Bolzano: basta buonismo di sinistra

Archivi

Categorie

di tendenza