Connect with us

Società

Europee: appello della diocesi per un voto “pro Europa dei migranti e senza nazionalismi”

Pubblicato

-

L’Europa è nata soprattutto come un progetto di pace, dalle macerie della Seconda guerra mondiale e dopo le terribili esperienze di politica autoritaria e nazionalista. 

Questo straordinario progetto è un dato assodato da molti, mentre c’è qualcuno che lo mette in discussione.

L’Unione Europea è una storia di successo, che oggi deve confrontarsi con la crescente pressione dei nazionalismi. È pertanto importante difendere l’Europa. Non abbiamo bisogno di meno Europa, ma di più Europa!

Pubblicità
Pubblicità

La pace non è tutto, ma senza pace non c’è niente“.

Così recita parte del testo della dichiarazione congiunta del vescovo Ivo Muser e della Commissione diocesana per i problemi sociali e del lavoro alla vigilia delle elezioni europee.

L’invito è quello a non mettere in discussione il progetto Europa come ‘costruzione di pace’.

La Comunità Economica Europea (CEE) è stato il primo passo per la costruzione di quel progetto di pace che è l’Europa. In quanto unione politica (UE), deve essere però molto più di una semplice unione economica e monetaria. Abbiamo bisogno di un’Europa basata sui valori cristiani, che costruisca ponti di dialogo, affinché il leitmotiv di questo progetto di pace sia la carità e non l’esclusione.

L’Europa è chiamata alla solidarietà soprattutto nella questione migratoria.

Le forze nazionaliste ed egoiste, utilizzando metodi populisti, mettono in pericolo quel progetto di pace che è l’Europa. Gli interessi nazionalistici particolari bloccano spesso lo sviluppo di una unione democratica ed eco-sociale dei popoli e delle regioni europee.

Il capitalismo neoliberale è opprimente e influenzato da lobby ben organizzate presenti in tutti i settori della politica. Gli interessi privati dei grandi gruppi industriali vengono spesso prima della politica, che sarebbe responsabile del bene comune. Spesso l’uomo non viene più considerato nella sua dignità, ma solo come un elemento della catena produttiva, come consumatore e come utente.

Continua la nota: “Papa Francesco, nell’enciclica “Laudato si’”, usa parole dure per criticare questa economia che ha allargato il divario tra ricchi e poveri. Ciò di cui c’è bisogno è di un mercato equo, che è possibile solo se si giunge ad una sempre maggiore armonizzazione delle politiche sociali, fiscali e ambientali degli Stati membri.

C’è bisogno di un’economia che “fa vivere e non uccide, include e non esclude, umanizza e non disumanizza, si prende cura del creato e non lo depreda”, afferma Papa Francesco.

Possiamo scegliere!

Dal momento che siamo convinti del progetto di pace che è alla base dell’Europa e possiamo rafforzarlo con il nostro voto, come Commissione diocesana per i problemi sociali e del lavoro, insieme al vescovo Ivo Muser vi invitiamo ad andare a votare! Sfruttiamo questo diritto e costruiamo insieme l’Europa della pace!“.

btv

Pubblicità
Pubblicità

Società

2019, primi esami di maturità senza nati nel 900

Pubblicato

-

Gli esami di maturità che inizieranno venerdì prossimo, saranno i primi senza nati nel ‘900, il secolo nel quale, tra l’altro, si fece l’Unità d’Italia. 

Infatti a sostenere la maturità saranno i ragazzi della classe 2000, ripetenti a parte e di fatto va a chiudersi il ciclo la prima esperienza della scuola dell’obbligo.

A pensarci sembra preistoria, ma sono stati gli anni di De Amicis e del libro Cuore, Gian Burrasca, della Riforma Gentile o del maestro Manzi protagonista delle lezioni televisive che davano un contributo alla lotta all’analfabetismo.

Pubblicità
Pubblicità

Ma sono stati gli anni dei pennini, dei banchi di scuola in formica verde col calamaio inserito che segnarono il passaggio di consegne da quelli in legno.

Poi i grembiuli dei quali oggi si è ripreso a discutere sull’opportunità di reintrodurli o meno, magari sotto forma di divisa scolastica come in uso dei paesi anglosassoni.

La prima maturità dei nati nel 2000 sarà invece ricordata per il divieto a presentarsi con le infradito o indossando shorts e dell’utilizzo del cellulare.

Poi anche un ruolo del tutto diverso dell’insegnante, ma anche un differente rapporto con gli studenti. Erano gli anni nei quali maestro o professore che fosse, lo studente si trovava di fronte ad una figura che creava timore, da rispettare e che aveva un compito ben definito: quello di contribuire all’educazione dei ragazzi.

E’ cambiato il secolo ed è cambiato tutto.

Oggi l’insegnante è una figura stretta tra un ruolo educativo e uno spazio ristrettissimo nel quale operare senza provocare offese dirette o indirette, all’alunno. La scuola del ‘900 era anche quella dove le differenze sociali ed economiche erano presenti, vissute sulla propria pelle, ma spesso superate dalla quella sorta di cameratismo che si instaurava tra i ragazzi.

A seguire invece gli anni nei quali tutti dovevano presentarsi nello stesso modo, le differenze sociali dovevano scomparire dietro l’apparenza e per ripresentarsi però, in maniera dirompente, di fronte ad un titolo di un tema in classe oppure davanti all’iscrizione ad una gita scolastica troppo costosa.

Ma al di là dell’aspetto esteriore, la scuola rifletterà sempre l’immagine della società.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Società

Progetti estivi, 329 iniziative per oltre 75.000 bambini e ragazzi

Pubblicato

-

Dal 14 giugno sono iniziate le ferie estive per migliaia di giovani altoatesini, un periodo dell’anno che per le famiglierappresenta spesso un impegno considerevole sotto il profilo organizzativo.

Per andare incontro a questa esigenza la Giunta provinciale finanzia anche quest’anno un ricco programma di attività estive composto da 329 progetti e rivolto ad oltre 75.000 giovani. Tra queste iniziative, 98 sono state ideate appositamente per andare incontro alle esigenze dei giovani disabili e delle loro famiglie.

Attività estive, programma ricco e di qualità 

Pubblicità
Pubblicità

Dopo il tempo dedicato alla scuola ed allo studio inizia per i giovani altoatesini il tempo delle vacanze e del relax. A questo scopo abbiamo elaborato un ricco programma di iniziative estive per offrire momenti di divertimento, arricchimento ed avventura“, afferma l’assessora provinciale alla famiglia ed alle politiche sociali, Waltraud Deeg.

Grazie alle numerose iniziative presenti su tutto il territorio altoatesino, i giovani potranno da un lato svolgere piacevoli attività ricreative, e dall’altro conoscere nuovi amici. Non va inoltre sottovalutato il coinvolgimento di giovani educatorinell’organizzazione e nella gestione dei progetti, che, oltre a percepire una retribuzione, avranno l’opportunità di partecipare ad interessanti attività pedagogiche.

Grazie all’intenso programma estivo si vuole inoltre offrire un prezioso sostegno alle famiglie.

Sempre più spesso entrambi i genitori sono impegnati nel lavoro, e grazie a questo programma estivo vogliamo fornire loro un aiuto concreto per la conciliazione tra l’attività lavorativa e la famiglia“, aggiunge l’assessora Deeg.

Finanziamenti in crescita

Il finanziamento provinciale dedicato a queste iniziative negli ultimi anni è stato costantemente incrementato ed è passato dai 3,4 milioni di euro del 2011 agli 8,5 dell’anno scorso.

Ci siamo impegnati ad aumentare gli stanziamenti in questo settore per far fronte alla crescente richiesta ed abbiamo sempre cercato di assicurare un ottimo livello qualitativo dell’offerta allo scopo di proporre i migliori programmi per il tempo libero dei nostri giovani” conclude l’assessora alla famiglia.

Per ulteriori informazioni gli interessati possono rivolgersi direttamente ai Comuni ed alle organizzazioni coinvolte. Nell portale web dell’Agenzia per la famiglia  è inoltre disponibile una panoramica completa dell’offerta estiva a livello provinciale.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Società

Protezione civile, nuova app elaborata da uno studente

Pubblicato

-

Max Kelder ha 19 anni, proviene da Campodazzo e tra pochi giorni sosterrà l’esame di stato a conclusione del proprio percorso di studi presso l’Istituto tecnologico “Max Valier” di Bolzano.

La scorsa estate, durante il suo periodo di tirocinio presso l’Agenzia per la Protezione civile, Max ha lavorato alla programmazione di una nuova app da utilizzare per il Servizio di radiocomunicazioni provinciale.

Il software è già stato testato in occasione della Öztaler Radmarathon dello scorso agosto e durante la tappa di coppa del mondo di biathlon ad Anterselva, e il ragazzo ha sfruttato quanto emerso dalle due “prove” per effettuare dei piccoli interventi in grado di ottimizzare il funzionamento della app.

Pubblicità
Pubblicità

“Con questo software – spiega il coordinatore del Servizio radiocomunicazioni provinciale, Markus Rauch – vengono mappati i dati relativi alle posizioni dei singoli apparecchi in dotazione, i quali vengono poi riportati su una cartina digitale.

Grazie a ciò, in caso di emergenza, può essere attivato il mezzo di soccorso più vicino al punto dal quale è stato lanciato l’allarme, rendendo l’intervento più rapido ed efficiente”.

Grande soddisfazione per il risultato raggiunto, frutto dell’ottima collaborazione tra mondo della scuola e mondo del lavoro, in grado di accoppiare teoria e pratica, viene espressa dalla direttrice dell’Istituto “Max Valier”, Barbara Willimek, e dall’insegnante Michael Wild che ha seguito direttamente Max Kelder nel suo percorso.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza