Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Alto Adige

Giunta: preoccupazione per i contagi ed appello alle regole, da giovedì dose booster per i vaccinati da almeno sei mesi

Pubblicato

-

L’assessore provinciale alla salute, Thomas Widmann, nel corso della conferenza stampa di ieri (16 novembre), ha illustrato i dati attuali sulla situazione del contagio.

Rispetto alla settimana precedente, ha affermato, si è registrato un significativo peggioramento con un aumento esponenziale dei nuovi contagi. Mentre nella seconda settimana di ottobre si registravano, in media, 23 nuove infezioni al giorno, nella seconda settimana di novembre il numero è salito a 302. L’incidenza su 7 giorni è passata da 44 a 390 nello stesso periodo ed è quindi aumentata di quasi dieci volte. Siamo quasi al livello della Germania e registriamo i valori più elevati a livello nazionale. È inoltre triplicato il numero dei pazienti Covid nei normali reparti degli ospedali.

Sappiamo dalle ondate passate quanto velocemente la situazione può diventare difficilmente gestibile. Una situazione che rischiamo di dover affrontare a breveha sottolineato l’assessore Widmann. Il coronavirus non conosce confini nazionali, è solo questione di tempo prima che gli sviluppi già presenti nelle regioni settentrionali si riversino in Alto Adige. “L’ondata sta aumentando ma può ancora essere fermata”, ha affermato Widmann: “È fondamentale fare il vaccino, non ritardare la terza dose ed evitare ogni rischio di infezione attenendosi rigorosamente alle regole di distanziamento, igiene e l’utilizzo della mascherina. Attenersi a queste regole ed estendere la vaccinazione sono le uniche possibilità per fermare il passaggio alla zona gialla ed arancione”, ha detto Widmann, il quale ha ricordato che la zona arancione avrebbe gravi ripercussioni sociali ed economiche per tutte le categorie. L’obiettivo della Giunta provinciale è quello di limitare le restrizioni al gruppo di popolazione non vaccinata, ma ogni decisione dipende da Roma, ha concluso Widmann.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

Ha quindi preso la parola il presidente della Giunta, Arno Kompatscher, il quale ha sottolineato in apertura che la situazione è tutt’altro che soddisfacente “il quadro sta peggiorando ed andiamo verso una situazione sempre più pesante negli ospedali.  I dati più preoccupanti riguardo alla pandemia giungono dal Nord, ma anche il Friuli ed il Veneto si trovano nella nostra stessa situazione.

La situazione si sta complicando in tutta Italia e si parla di ulteriori misure per inasprire le limitazioni, ma si tratta di questioni che devono essere affrontate con provvedimenti legislativi che devono essere adottati a livello nazionale. In questo quadro cercheremo comunque di individuare anche a livello provinciale misure che possano aiutare in questa situazione”.

Il presidente ha quindi affermato che la situazione altoatesina si caratterizza per due problemi specifici, rispettivamente un tasso di vaccinati inferiore del 10% rispetto alla media nazionale, con oltre 100 mila persone oltre i 12 anni che non si sono ancora vaccinate, ed una certa indisciplina nell’osservare le norme relative al distanziamento, all’igiene ed all’utilizzo delle mascherine.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

Non vengono effettuati abbastanza controlli da parte dei gestori degli esercizi pubblici, dei titolari delle aziende che a loro volta devono essere controllati dalle Forze dell’ordine. Abbiamo avuto una riunione con le parti sociali e mai come questa volta abbiamo avuto un’ampia condivisione in merito alla situazione e sulla necessità di agire per far rispettare le regole. Il mio non è soltanto un appello, è la richiesta seria di far seguire alle parole i fatti. Tutti i partecipanti all’incontro si sono impegnati, anche per iscritto, di far osservare le regole nei loro rispettivi ambiti di competenza. E lo stesso dovrebbero fare i singoli cittadini. In tutti gli ambiti è quindi fondamentale evitare i rischi, cerchiamo di ridurre i contatti allo stretto necessario per non dover arrivare ad ulteriori misure che però comportano gravi danni alla nostra vita sociale ed economica”. Nel quadro delle misure decise oggi dalla Giunta, ha aggiunto il presidente, da giovedì l’Azienda sanitaria metterà a disposizione di tutti coloro che sono stati vaccinati da almeno sei mesi la dose booster.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Italia ed estero47 minuti fa

Codici: da opportunità a incubo, la pericolosa parabola del Superbonus 110%. Attivato un servizio per assistere i cittadini in difficoltà con i lavori

Bressanone11 ore fa

“Alpen flair” a Naz Sciaves: stuprata una minorenne

Alto Adige24 ore fa

Statale del Brennero: al via i lavori di ampliamento a Colma

Ambiente Natura1 giorno fa

San Candido: allo studio una protezione innovativa dalle inondazioni

Salute1 giorno fa

GARLIVE®, un concentrato di salute dalle olive del lago di Garda

Economia e Finanza2 giorni fa

Pensplan: oltre 280 mila posizioni presso i fondi pensione istituiti in Regione

Sport2 giorni fa

FC Südtirol, i primi appuntamenti della nuova stagione

Benessere e Salute2 giorni fa

Ondate di calore estivo: consigli per gli anziani, ma non solo

Salute2 giorni fa

Uno psicologo di base gratuito e di facile accesso

Alto Adige2 giorni fa

Oggi a Palazzo Widmann la prima riunione del progetto di ricerca avviato da Eurac Research

Alto Adige2 giorni fa

Arge Alp: Schuler alla campagna di piantumazione degli alberi

Valle Isarco2 giorni fa

Ritrovato il corpo senza vita dell’escursionista disperso a Racines: precipitato a Malga Calice a 1.500 m slm

Alto Adige2 giorni fa

Coronavirus: 25 casi positivi da PCR e 391 test antigenici positivi

Arte e Cultura2 giorni fa

Dai quadri una concreta solidarietà: con il Lions Club Bolzano Laurin e Artpilot21 la mostra collettiva a sfondo benefico

Arte e Cultura2 giorni fa

La Maschera di Bolzano: dal 2 al 14 luglio nelle piazze della città arriva «Northell»

Alto Adige4 settimane fa

Incidente sul lavoro, travolto dal suo trattore: è morto Remo Rossi a 64 anni

Alto Adige4 settimane fa

Referendum sulla democrazia diretta: il no stravince con il 76% dei voti

Bolzano4 settimane fa

Tamponamento nella notte in A22: più veicoli coinvolti

Politica4 settimane fa

Referendum, Urzì: sopravvive anche la clausola di garanzia per Bolzano e Laives voluta da Fdi, sconfitta di Svp/Lega/FI

Bolzano2 settimane fa

Incendio in centro a Bolzano: rogo causato dal malfunzionamento di una lavatrice

Bolzano4 settimane fa

Appiano, incidente tra due veicoli all’uscita della Mebo: una donna incastrata tra le lamiere

Bolzano2 settimane fa

Tragico scontro frontale in A 22, muore una donna bolzanina 77 enne. Gravi il marito e un bambino di 10 anni

Alto Adige3 settimane fa

Gli ospedali dell’Alto Adige sono ora cliniche universitarie

Alto Adige2 settimane fa

Rimorchio si stacca dal camion e blocca la strada del Renon

Bolzano4 settimane fa

Drammatico incidente in A22, muore 36 enne residente a Bolzano

Alto Adige3 settimane fa

Ponte di Pentecoste: arrestati due stranieri, una denuncia e centinaia di verifiche durante i controlli del Commissariato di P.S. di Brennero

Alto Adige4 settimane fa

Auto esce di strada e finisce in una scarpata: una persona viene trasportata in ospedale

Italia ed estero4 settimane fa

Codici: dietrofront di Costa sulle regole di imbarco, ora proceda anche a risarcire i crocieristi

Merano3 settimane fa

Auto esce di strada e si ribalta su un sentiero forestale: una persona all’ospedale in gravi condizioni

Alto Adige4 settimane fa

Il Gruppo Volontarius cerca volontari per l’Emporio solidale di Piazza Mazzini a Bolzano ed a Merano

Archivi

Categorie

di tendenza