Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Alto Adige

Influenza aviaria, nessun allarme in Alto Adige dopo i casi in Tirolo

Pubblicato

-

Condividi questo articolo




Pubblicità

Nel 2022 in Europa si è scatenata la peggiore epidemia d’influenza aviaria della storia. “Si sono dovuti sopprimere 50 milioni di animali”, riferisce Paolo Zambotto, direttore del Servizio veterinario della Provincia.

“Non c’è stato per ora nessun focolaio in Alto Adige, né c’è mai stato durante tutto il mio mandato trentennale, tra l’altro“, aggiunge ZambottoIl Tirolo del Nord ha segnalato ieri (19 gennaio) la morte di 6 cigni e di un pellicano in uno zoo; in Austria dal 10 gennaio sono in vigore misure precauzionali speciali.

Al momento non c’è motivo di temere che l’influenza aviaria si diffonda in Alto Adige. “A rischio sono gli animali che si trovano in prossimità di zone umide o di allevamenti industriali. In Alto Adige ci sono alcuni allevamenti più grandi per la produzione di uova, per il resto gli allevatori detengono gruppi di pollame gestibili“, dice Zambotto. L’influenza aviaria non rappresenta un pericolo per l’uomo e non può essere trasmessa attraverso gli alimenti. 

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Pubblicità - La Voce di Bolzano

L’influenza aviaria è una grave minaccia per la salute dei volatili. Nonostante l’aumento dell’incidenza dell’influenza aviaria in tutta Europa, l’Alto Adige è sempre stato risparmiato. Ciò è dovuto anche alle necessarie misure di prevenzione da parte degli allevatori. Continuo a fare appello alla prudenza in termini di prevenzione“, sottolinea Arnold Schuler, assessore provinciale all’Agricoltura.

L‘influenza aviaria è trasmessa principalmente da uccelli migratori o da animali appena acquistati in cui la malattia non è stata individuata in anticipo. “Dal 1° dicembre 2022 è in vigore in Italia un’ordinanza di emergenza che dovrebbe essere prorogata il 31 gennaio“, spiega il direttore del Servizio veterinario provinciale.

Si consiglia agli allevatori di pollame di tenere i propri volatili al chiuso e di evitare di lasciare il cibo all’aperto, poiché ciò attira gli uccelli migratori e aumenta il rischio d’infettare il pollame dell’azienda. “Chiunque acquisti animali dovrebbe consultare preventivamente il veterinario ufficiale. Noi siamo costantemente informati sugli attuali focolai epidemici“, conclude Zambotto. 

Pubblicità - La Voce di BolzanoPubblicità - La Voce di Bolzano

NEWSLETTER

Alto Adige6 giorni fa

In fuga dalla giustizia si è rifugiato in montagna, ma è stato tradito dalla propria personalità

Bolzano3 settimane fa

Tifoso bolzanino istiga dei giovani alla violenza contro dei supporters albanesi. Scatta il daspo triennale

Bolzano2 settimane fa

Scoperto magazzino di droga a Bolzano: 42enne denunciato

Bolzano3 settimane fa

Ancora problemi per l’ordine pubblico e la sicurezza dei cittadini. Il questore chiude il bar Cristallo

Alto Adige3 settimane fa

Frana a Longiarù, Val Badia (Video) proseguono senza sosta i lavori per limitare i danni. Evacuate 56 abitazioni

Bolzano4 settimane fa

Casa e lavoro del domani: visione sinergica per progettare il futuro di Bolzano

Alto Adige3 settimane fa

Alto Adige flagellato dal maltempo, alberi abbattuti, grandine e forte vento

Italia ed estero3 settimane fa

Strage a La Mecca: almeno 800 morti tra i pellegrini durante l’Hajj: cosa è successo

Oltradige e Bassa Atesina3 settimane fa

Tragedia sui binari: donna investita e uccisa da un treno a Salorno

Sport4 settimane fa

Il Bolzano Baseball Club coglie la seconda vittoria sul campo amico

Bolzano3 settimane fa

Danneggia le autovetture in sosta in zone diverse della città e minaccia gli agenti

Bolzano3 settimane fa

Magazzini pieni e poca liquidità: negozi altoatesini in difficoltà

Alto Adige3 settimane fa

ConnX: La Rivoluzione della Mobilità Urbana Presentata da Leitner

Alto Adige2 settimane fa

Bolzano: 43 nuovi agenti rinforzano la Polizia di Stato

Bolzano3 settimane fa

Irrompe negli uffici della provincia, minaccia gli impiegati ed aggredisce gli agenti

Archivi

Categorie

più letti