Connect with us

Società

La fase 2 delle mamme imprenditrici, Bonaldi: “Che dolore il nuovo distacco dai figli”

Pubblicato

-

Ripartire dopo il lockdown? Non so se sia più difficile farlo da imprenditrice o da mamma”.

Elena Bonaldi è titolare della gioielleria “Bonaldi”, presidente del centro commerciale naturale “Four You”, vicepresidente di “Confesercenti” ma anche, e soprattutto, mamma del piccolo Alexander.

Le madri che lavorano in negozio o conducono un’attività si abituano presto, loro malgrado, a passare diverse ore al giorno lontano dai figli ma le settimane di chiusura totale hanno rovesciato totalmente questo scenario abituale. Adesso, dunque, è arrivato il momento di tornare ad una parziale normalità con il distacco di diverse ore imposte dall’asilo in Fase 2.

Pubblicità
Pubblicità

E’ stata una scelta obbligata perché io e mio marito lavoriamo e non abbiamo nessuno a Bolzano che possa tenerci Alexander. La mattina, quindi, frequenta il cosiddetto servizio d’emergenza della scuola d’infanzia Airone in via Aosta”.

Iscriverlo non è stato semplice. “E’ stata un po’ una montagna russa, lo ammetto, perché siamo passati attraverso diversi passaggi burocratici. Oltretutto l’Airone non è la scuola d’infanzia che frequenta Alexander quindi ha dovuto cambiare insegnanti e compagni. Ero ansiosa, forse più per il senso di colpa di non poterlo più tenere a casa con noi. In realtà appena hanno aperto i cancelli della scuola lui è stato molto felice: si è fatto misurare la febbre con il termoscanner, ha sorriso ed è andato. Zero problemi. A volte siamo più noi genitori a crearci delle angosce ma penso sia normale. Poter svolgere mezza giornata di lavoro in serenità, comunque, è un grande aiuto”.

C’è, tuttavia, l’aspetto emotivo. “Il distacco è davvero terribile. Quando è scattato il lockdown da imprenditrice sono piombata nel panico e probabilmente ho trasmesso questo nervosismo a mio figlio. C’è stata tensione in casa per due settimane. Dopo, però, è stato come un regalo, anche se è un termine un po’ forzato. Per la prima volta mi sono goduta mio figlio, l’ho visto crescere e fare cambiamenti.

Ci siamo conosciuti meglio rispetto a quando lo vedevo qualche ora alla sera. Tutto questo, ovviamente, ha reso il distacco di adesso ancora più duro: il primo giorno avevo le lacrime agli occhi. Lui non vedeva l’ora di iniziare, chiaro, ma fa parte del gioco”.

Questo spaccato temporale apre, inevitabilmente, riflessioni sulla conciliabilità tra lavoro e famiglia per una donna titolare di impresa. Argomento spesso affrontato nella teoria politica e meno nella pratica concreta.

E’ molto faticoso da tanti punti di vista. Viviamo ancora in un mondo che rende tutto questo complicato e difficile. L’aspetto più critico è quello di perdere molti passaggi importanti della crescita di tuo figlio per colpa della distanza. Va anche detto, al contrario, che il tempo che passi con lui è di grande qualità perché tendi a dedicartici completamente. Sperando sia sufficiente”.

Quella di Bonaldi è anche una storia di famiglia che si tramanda. “Mio figlio è nato sapendo che la mamma stava in negozio. E’ stato lo stesso per me quando ero bimba. In parte mi emoziona sapere di aver vissuto la stessa sua situazione e le stesse sue emozioni. Conoscerle. Ricordo, per esempio, che mamma mi mancava tantissimo e la chiamavo al telefono per dirglielo: oggi capisco quanto potessi farla soffrire e mi dispiace. Anche lei, comunque, con me e le mie sorelle quando c’era era presente con tutta se stessa. Al cento per cento”.

Con un ruolo di rappresentanza Bonaldi ha anche l’opportunità di confrontarsi con altre mamme nella sua situazione. Colleghe nella vita e nel lavoro.

Sono tra le poche madri negozianti, in realtà, con bimbi così piccoli però l’età è relativa perché il senso di colpa latente arriva comunque. A qualsiasi età. E’ dura, ce lo diciamo e ci confrontiamo. Dobbiamo, però, anche essere oneste perché questa è la vita che ci siamo scelte e lo abbiamo sempre saputo”.

Questo periodo, tuttavia, potrebbe trasformare molte ripartenze in novità che possano migliorare la vita sociale del domani. Anche per le mamme imprenditrici.

Credo che un vero aiuto per tutte noi possa essere l’organizzazione di una scuola dell’infanzia con orari più flessibili. Non sempre possiamo calibrare perfettamente i carichi di lavoro e, talvolta, capita di avere del tempo libero inatteso o viceversa. Potrebbe essere valorizzato. L’idea di andare a prendere il proprio bambino presso una struttura per poi riportarlo senza troppi vincoli d’orario sarebbe già un passo molto significativo. Ci regalerebbe ore preziose con loro”.

 

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Archivi

  • Vado a vivere in un faro!
    Quante volte, leggendo Virginia Woolf o Jules Verne, avete fantasticato su come potrebbe essere vivere in un faro con la sola compagnia del vento e del mare? I fari, nell’immaginario collettivo, sono luoghi straordinari al confine fra mito e realtà, unico baluardo di salvezza per i navigatori durante le notti di tempesta. In realtà, senza […]
  • Hotel e Ristorante Villa Madruzzo: dove ricaricare le batterie a pochi chilometri da Trento
    A quattro chilometri dal centro di Trento si trova uno degli hotel più gettonati del momento: Villa Mandruzzo. Complici anche il ristorante e la meravigliosa area benessere, Villa Mandruzzo è presto diventato uno degli hotel più raccomandati tra coloro che vogliono venire a Trento per godersi alcuni giorni di meritato relax o anche solo per […]
  • Viaggio in Grecia, scegli il fascino mistico di Rodi
    La Grecia è uno di quei luoghi da sogno che tutti dovremmo visitare almeno una volta nella vita. Uno di quei paradisi terrestri neanche troppo lontani dall’Italia che con la sua storia, la sua cultura, il paesaggio naturale, incanta tutti, senza distinzione. Dalle città che hanno fatto la storia come la capitale Atene, simbolo dei […]
  • HP Reinvent: arrivano i nuovi PC per lo smart working
    Grandi novità in arrivo da parte di HP, azienda leader nel settore tecnologico. Durante l’attesissimo evento HP Reinvent dedicato ai propri partner, l’azienda ha lanciato nuovi Pc destinati allo smart working. Ma non solo: l’evento è stato utile per svelare tanti nuovi dispositivi e soluzioni per aiutare le aziende ed i professionisti a migliorare la […]
  • Abbigliamento casual uomo, tutte le dritte per non sbagliare
    Tutti pazzi per l’abbigliamento casual che non è solo comodo ma è anche fashion. Non bisogna confondere, infatti, che casual non è il sinonimo di trasandato e di un abbigliamento approssimativo. Non c’è pensiero più sbagliato perché oggi indossare abiti casual vuol dire vestirsi alla moda, in chiave moderna e innovativa, con uno stile senza […]
  • Isola in Irlanda cerca custodi: l’occasione per cambiare stile di vita per sei mesi
    La meta ideale per chi vuole entrare a contatto con la natura più incontaminata, allontanarsi dai ritmi frenetici della città, godendosi contemporaneamente un’esperienza di vita unica, si trova a Great Blasket Island, al largo della costa irlandese, dove è stata data l’opportunità attraverso un annuncio di lavoro, di cambiare stile di vita per sei mesi. […]
  • Illuminazione stradale accesa dal vento delle auto con l’innovativa di Turbine Light
    Con l’aumento di strade, autostrade e di reti viarie che necessitano di essere illuminate l’intera giornata, il fabbisogno energetico risulta essere in continuo aumento, costringendo a cercare diverse alternative per soddisfare e integrare le mutevoli esigenze di mercato. Uno dei problemi principali nel coprire la gestione territoriale urbana di reti periferiche e di grandi autostrade, […]
  • Auto elettriche, ricarica rapida: arriva la batteria del futuro che “fa il pieno” in cinque minuti
    I veicoli elettrici con tutti i loro vantaggi legati ai livelli di prestazioni e di emissioni, stanno diventando una componente essenziale per affrontare la crisi climatica internazionale. Un passo da compiere quasi inevitabile e già avviato in molti Paesi con l‘avvio di sussidi per l’acquisto di veicoli elettrici, ma ancora scoraggiato dai lunghi tempi di […]
  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]
  • Path, l’universo sotterraneo di Toronto
    Quando il cielo cede velocemente il passo alle perfette geometrie della selva di grattacieli del centro, dominati dalla Canadian National Tower si apre la città di Toronto in Canada, con i suoi grandi villaggi residenziali, i suggestivi quartieri periferici e le enormi strade che corrono verso il cuore della metropoli. Nonostante si mostri davvero affascinante, […]

Categorie

di tendenza