Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Tra cronaca e storia

L’automobile a Bolzano, storia di un mezzo amato/odiato

Pubblicato

-

Oggi a Bolzano l’automobile è diventata un serio problema, ma facciamo un piccolo passo indietro, e andiamo a vedere come e quando comparve per la prima volta in città.

Sembra che la prima automobile che apparve in città fu acquistata nel 1906 da un tale di nome Franz Perger. All’epoca, questo rumoroso mezzo non era per niente apprezzato dagli abitanti, simbolo di un progresso che per loro significava soltanto rumore, puzza e smog. Oltre a ciò, lo spavento che la vista del mezzo provocava agli animali che trainavano i carri causò più di un incidente mortale. La velocità consentita nel centro urbano era limitatissima, variava tra i 3 e i 10 km/h, che per l’epoca erano comunque tanti. Non esisteva un vero e proprio codice della strada, e capitava di poter vedere automobili che passavano sia a destra che a sinistra.

Per molti anni l’auto venne vista con diffidenza dalla maggior parte dei bolzanini, tant’è che il giornale Tiroler del 23 dicembre 1917 dedicò un lungo articolo sulle automobili, con il poco lusinghiero titolo “la piaga del traffico automobilistico a Bolzano”.

Bisogna anche dire però, che il passaggio di un’automobile all’epoca non era certo piacevole: la maggior parte era dotata di semplici ruote di legno o ferro (e ciò causava rumore e forti vibrazioni nel terreno), l’odore di benzina che emanavano era forte, ed essendo le vie semplici strade di terra battuta la polvere che si alzava infastidiva parecchio.

Con l’avvento del fascismo, il regime si interessò molto alla costruzione di importanti vie stradali. Nel 1937 era stato dato il via al progetto definitivo dell’Autostrada Roma-Berlino, che ovviamente sarebbe passata anche per Bolzano. Il tracciato sarebbe stato lungo 1440 Km, e il tragitto complessivo sarebbe stato percorso “solo” in 14 ore, che per l’epoca era un ottimo risultato. Tuttavia, lo scoppio della guerra bloccò il progetto, che venne definitivamente accantonato.

Pian piano a Bolzano apparvero le prime strisce pedonali (ottobre 1937) e nel 1938 i primi semafori (chiamati altresì “lampeggiatori”). Il giornale “La Provincia di Bolzano” dedicò un articolo del 14 luglio 1938 a spiegare minuziosamente ai cittadini il funzionamento dei nuovi semafori, scrivendo che… “il funzionamento di tali semafori esige dal pubblico dei pedoni e dei conducenti di veicoli una disciplina ferma e consapevole.” Bisognava passare con il verde e fermarsi con il rosso, non esisteva il giallo.

Comunque, il passaggio di un’automobile a Bolzano rimase cosa molto rara per tutto il periodo del Fascismo, tant’è che il giornale “La Provincia di Bolzano” nel 1937 riporta che le macchine targate BZ erano “appena 2020”, su una popolazione complessiva di 270 mila abitanti.

Bisognerà attendere il Dopoguerra e il boom economico per poter finalmente vedere un numero più consistente di automobili girare per la città.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Alto Adige8 ore fa

La Giunta provinciale ha approvato il contratto di servizio e il piano delle attività e d’investimento di NOI Spa per il 2022

Alto Adige8 ore fa

Il presidente della Provincia alla commemorazione di Falcone e Borsellino: «La mafia ci riguarda tutti»

Ambiente Natura8 ore fa

Parco Vedrette di Ries Aurina: giovani al lavoro per ravvivare i prati

Alto Adige8 ore fa

I viaggiatori “riscrivono” gli orari di autobus e treni

Vita & Famiglia10 ore fa

CEI. Pro Vita Famiglia: Buon lavoro al Cardinale Zuppi per la difesa della Vita e della Famiglia

Politica11 ore fa

Dipendenti nelle case di riposo: servono finalmente soluzioni sostanziali, invece di pura politica simbolica

Arte e Cultura11 ore fa

Artist Club, cambio al vertice dell’associazione: Davide Mariotti è il nuovo presidente

Alto Adige11 ore fa

Coronavirus: 13 casi positivi da PCR e 299 test antigenici positivi

Bressanone13 ore fa

Studio teologico accademico: a Bressanone i diplomi di fine anno

Bolzano14 ore fa

Ladri rubano in un asilo di Appiano, aperte le indagini

Arte e Cultura14 ore fa

Escursione nella Valle dell‘arte: il Museum Ladin organizza l’evento “Natura, arte e cultura”

Scienza e Cultura15 ore fa

Passeggiata sul bordo di un antico vulcano: la caldera di Bolzano

Alto Adige15 ore fa

Digitalizzazione e sostenibilità nella produzione: evento di settore al NOI Techpark sul lavoro del futuro

Bolzano15 ore fa

Twenty: domenica movimentata, la Polizia arresta due stranieri

Valle Isarco17 ore fa

Barbiano, violento scontro tra un autobus e due auto: due feriti trasportati in ospedale

Bolzano3 settimane fa

Bolzano, alla fermata dell’autobus trovato il corpo senza vita di un 60enne

Alto Adige3 settimane fa

Coronavirus: 8 casi positivi da PCR e 124 test antigenici positivi

Alto Adige3 settimane fa

Coronavirus: 45 casi positivi da PCR e 496 test antigenici positivi

Bolzano3 settimane fa

Il Lido di Bolzano riapre al pubblico sabato 21 maggio: tariffe invariate

Bolzano3 settimane fa

Bolzano, sgomberato uno stabile in disuso: tunisino aggredisce 4 agenti, arrestato

Sport3 settimane fa

Biglietti FC Südtirol – Modena. Le modalità di acquisto dei ticket per gara-3 della Supercoppa di Serie C 2022

Musica4 settimane fa

Bolzano Festival Bozen 2022 «Musica senza confini»

Merano3 settimane fa

Referendum abrogativi popolari del 12 giugno 2022

Alto Adige2 settimane fa

Coronavirus: tre i nuovi decessi, inoltre14 casi positivi da PCR e 536 test antigenici positivi

Benessere e Salute3 settimane fa

Come avviene un richiamo di prodotti alimentari? Mangiare, bere ed altre delizie: lo sapevate che…?

Alto Adige2 settimane fa

Bolzano: controlli della Polizia di Stato nel capoluogo, un denunciato per detenzione di cocaina e due espulsioni

Bolzano1 settimana fa

Eroina e kit per lo spaccio: coppia arrestata a Don Bosco dalla Polizia

Italia ed estero4 settimane fa

Stop al canone RAI in bolletta. Cosa cambia dal 2023?

Vita & Famiglia3 settimane fa

DDL Zan. Coghe, Pro Vita Famiglia: emergenza omofobia è fake news

Società4 settimane fa

Anziani: Deeg ha incontrato il direttivo dell’Associazione pensionati

Archivi

Categorie

di tendenza