Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Bolzano

Malasanità: l’azienda sanitaria condannata a risarcire un milione di euro

Pubblicato

-

Pubblicità


Pubblicità


Un semplice esame obiettivo alla zona addominale. Sarebbe bastato questo per salvare la vita a M.C., un’80enne bolzanina sottoposta a un delicato intervento chirurgico all’ospedale di Bolzano e poi ospitata nella casa di curaVilla Melitta”.

È quanto emerge dalla sentenza della Corte d’Appello di Trento (sezione distaccata di Bolzano) che ha ripreso la consulenza del ctu Dario Raniero, evidenziando le gravi colpe dei medici e condannando Villa Melitta a un risarcimento di un milione e 100mila euro nei confronti della famiglia assistita da Giesse Risarcimento Danni che ne da notizia attraverso un comunicato.

«È uno dei primi casi in cui vengono utilizzate le tabelle di Roma spiega Maurizio Cibien, responsabile di Giesse Risarcimento Danni per le Province di Trento e di BolzanoUna svolta che ha permesso di ricalcolare i danni patrimoniali e non patiti dalla famiglia dell’anziana e ottenere la congrua somma di 1milione e 100mila euro, nemmeno paragonabile all’irrisoria cifra (70mila euro) liquidata in primo grado. Il giudice ha accolto le nostre tesi portate in aula dall’avvocato Marco Impelluso».

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

La storia clinica della paziente –  M.C. viene ricoverata nel reparto di Neurochirurgia dell’ospedale di Bolzano il 15 luglio 2013, con la diagnosi di “stenosi lombare”. Una settimana dopo i medici la sottopongono all’intervento distabilizzazione ibrida” e il 2 agosto la dimettono.

L’80enne di Bolzano viene quindi trasferita nella casa di curaVilla Melitta” per la prosecuzione delle cure e della terapia riabilitativa. Già nei primi giorni, tuttavia, comincia a lamentare dolori addominali e sempre maggior debolezza. «Non viene disposta alcuna valutazione medica o chirurgicaracconta Maurizio Cibien, di Giesse Risarcimento DanniAlmeno fino al mattino del 10 agosto 2013 quando, effettuata la visita, l’anziana viene inviata d’urgenza all’ospedale di Bolzano dove viene rilevata peritonite acuta diffusa con perforazione dell’intestino».

Dopo l’intervento di laparotomia, la paziente viene spostata in Rianimazione fino al 16 agosto e poi in Chirurgia Generale. La diagnosi è dishock settico per perforazione intestinale, peritonite diffusa, diverticolite del colon”. Dopo due giorni, il 18 agosto 2013, muore.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

Ctu del dottor Dario Raniero. – Nella consulenza del dottor Raniero emerge che l’alterazione dei parametri vitali «unitamente al riferito dolore addominale, avrebbero dovuto mettere in allarme il personale medico di guardia e porre indicazione allo svolgimento di più approfondite indagini».

Quali? Ad esempio «un semplice esame obiettivo addominale che – aggiunge il medicoavrebbe con tutta probabilità avuto un esito con alta probabilità salvifico. La palpazione avrebbe portato alla luce la “reazione infiammatoria peritoneale” e avrebbe consentito di intervenire tempestivamente, prima del verificarsi della “compromissione sistemica/shock settico”».

Sentenza della Corte d’Appello – «Il punto fondamentale della sentenza della Corte d’Appello chiarisce Cibien di Giesse Risarcimento Danni è che se M.C. fosse stata visitata all’addome il 9 agosto, i medici si sarebbero accorti dell’infiammazione in corso e l’avrebbero con tutta probabilità salvata. La percentuale di mortalità (si legge nella sentenza) sarebbe infatti scesa dal 60-80% al 20-30%».

Un altro punto affrontato dal giudice ha riguardato l’incompletezza della cartella clinica: «La condotta medica ritenuta necessaria dal ctu non è stata riportata nella cartella clinica, con la conseguenza che è impossibile ipotizzare che il corretto comportamento sanitario sia stato posto in essere».

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

Inoltre: «La ricostruzione offerta dal ctu del nesso di causalità tra l’omessa visita con palpazione addominale e l’evento dannoso (vale a dire il raggiungimento di una condizione di shock settico al momento dell’intervento chirurgico) esce confermata proprio dall’assenza nella cartella clinica dell’indicazione degli esiti della palpazione addominale».

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Bolzano3 ore fa

Grave incidente motociclistico in Val Pusteria, 64 enne in ospedale con l’elicottero

Alto Adige4 ore fa

Controlli da parte dei Carabinieri nelle scuole di Bolzano e Merano: sequestrati 34 grammi di hashish

Alto Adige6 ore fa

Centro emergenza freddo: sarà riattivato l’ex Alimarket

Bolzano6 ore fa

Infortunio in un cantiere a San Pancrazio: 29 enne in elicottero all’Ospedale di Bolzano

Alto Adige6 ore fa

Container dall’Alto Adige destinati all’inverno in Moldavia

Alto Adige7 ore fa

Via libera della Giunta alle nuove tariffe in conformità al listino prezzi della Scuola provinciale antincendi di Vilpiano

Arte e Cultura7 ore fa

«Ella women on stage»: presentata l’edizione 2022 della rassegna dedicata al mondo dell’arte al femminile

Bolzano7 ore fa

Oktoberfest, rientrati i Carabinieri altoatesini da Monaco: due weekend impegnativi

Alto Adige7 ore fa

Amministratori di sostegno: in autunno partono i corsi base gratuiti

Politica7 ore fa

Kompatscher in Carinzia: l’Alto Adige è solidale con le minoranze

Alto Adige8 ore fa

Kompatscher incontra il nuovo comandante regionale dei Carabinieri

Italia ed estero9 ore fa

Con il caro bollette aumenta il rischio usura. Dalla Dia arrivano dati allarmanti

Alto Adige11 ore fa

Lana, l’incredibile vincita al “gratta e vinci”: da 20 euro a 5 milioni

Alto Adige11 ore fa

Abitare nella terza età, analisi e proposte

Alto Adige12 ore fa

Coronavirus: un decesso in Alto Adige, più di 1.300 nuovi contagi nelle ultime 24 ore

Vita & Famiglia4 settimane fa

Peppa Pig. Pro Vita Famiglia: RAI non trasmetta episodio con “due mamme”

Bolzano4 settimane fa

Giorgia Meloni sabato pomeriggio a Bolzano

Italia ed estero4 settimane fa

Morta la regina Elisabetta, aveva 96 anni. Fine del regno più lungo della storia

Bolzano4 settimane fa

Benno Neumair in aula: tanta arroganza e poca chiarezza

Alto Adige4 settimane fa

Sanità: formati dodici nuovi medici di medicina generale

Merano4 settimane fa

Il Vice Questore aggiunto Carlo Casaburi è il nuovo dirigente del Commissariato di P.S. di Merano

Bolzano4 settimane fa

Bolzano, arrestato dalla Squadra Mobile un rapinatore seriale

Laives3 settimane fa

Tragico scontro auto – moto che prendono fuoco, due morti

Val Pusteria4 settimane fa

Incidente in moto nel tardo pomeriggio di ieri sulla strada tra Brunico e Falzes

Bolzano6 giorni fa

Bolzano, pessime condizioni igienico sanitarie e presenza di stupefacenti: disposta la chiusura del “Bar Ristoro Baccio” in via Milano

Bolzano4 settimane fa

Furto del monopattino elettrico, subito individuati dalla Polizia di Stato ladro e ricettatore

Bolzano4 settimane fa

Minacce di morte in una lettera anche ad Alessandro Urzì e Alessia Ambrosi

Merano4 settimane fa

L’ex magistrato Gherardo Colombo e il collettivo Guerrilla Spam protagonisti del secondo appuntamento di Generazioni 2022

Bolzano3 settimane fa

Buoni pasto COVID-19 indebitamente percepiti: i Carabinieri sanzionano più di 300 persone

Alto Adige4 settimane fa

Comunità energetiche, forma innovativa di cooperazione

Archivi

Categorie

di tendenza