Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Arte e Cultura

Nuova biennale d’arte in Alto Adige. Inaugurata la prima edizione

Pubblicato

-

Condividi questo articolo




Pubblicità

Al Forte di Fortezza venerdì è stata inaugurata la prima edizione della neonata biennale d’arte “Fort Biennale”. Ogni due anni presenta opere d’arte contemporanea su un tema adatto al forte e al suo futuro orientamento come centro museale per la storia contemporanea.

Il motto della prima edizione “In the Body of Language – Im Körper der Sprache – Nel corpo del linguaggio ” è ispirato alla sede della biennale: Situato sul passo transalpino del Brennero, qui si sono sempre incontrate lingue e culture diverse. La mostra descrive l’impossibilità di separare lo spirituale dal fisico e presenta la lingua come un mezzo di partecipazione dal potenziale rivoluzionario: costruisce mondi, crea connessioni e demarcazioni. Allo stesso tempo è viva e in costante movimento, gli sconvolgimenti politici e sociali del tempo si riflettono in essa.

A tal fine, le curatrici Ulrike Buck e Margareth Kaserer hanno invitato artiste ed artisti di diverse generazioni, provenienti dalla regione e da altri paesi, a esplorare le diverse dimensioni del linguaggio nelle politiche dell’identità e del corpo, nella comunicazione digitale, umana, inter- e non-linguistica. Le installazioni di melanie bonajo, Toni Schmale e Özlem Altin, tra gli altri, si possono ammirare nelle ampie volte in pietra; Alexandra Cardenas e Nadja Verena Marcin insegnano il femminismo agli algoritmi, mentre Beatrice Marchi, Sophia Mairer, Karin Welponer ed Egon Rusina ci portano in viaggi fantastici attraverso paesaggi e corpi.

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Oltre a queste opere contemporanee appositamente prodotte o selezionate per la biennale, sono esposte opere della storia dell’arte recente provenienti dalla collezione di Museion, tra cui lavori di Tracey Emin, Roni Horn, Alighiero Boetti e Brigitte Kowanz. La mostra sarà accompagnata da un programma di musica, performance, workshop e letture, oltre che da un libro della biennale realizzato dalla casa editrice veneziana bruno.

La mostra è stata inaugurata con l’assessore provinciale ai musei Philipp Achammer, il direttore del museo Emanuel Valentin e le curatrici Ulrike Buck e Margareth Kaserer. La presentazione è stata preceduta da un concerto della band Scamige Buben (Trap, Dialect Rap) e da una performance sonora di Hannes Hoelzl.

LE ARTISTE E GLI ARTISTI

Pubblicità - La Voce di BolzanoPubblicità - La Voce di Bolzano

Altınstark (Esra Altın 1987 & Marielena Stark 1986, Germania), Özlem Altın (1977, Germania), Ellinor Aurora Aasgard & Zayne Armstrong (1991, Norwegia & 1986, USA), Gianfranco Baruchello (1924-2023, Italia), Alighiero Boetti (1940, Italia), melanie bonajo (1978, Paesi Bassi), bruno books Venezia (Andrea Codolo und Giacomo Covacich), Alexandra Cardenas (1976, Colombia), Max Castlunger (1978, Italia), Carlfriedrich Claus (1930-1998, Germania), Roberta Dapunt (1970, Italia), Tracey Emin (1963, Gran Bretagna), Ian Hamilton Finlay (1925 – 2006, Bahamas, Scozia), Sylvie Fleury (1961, Svizzera), Julia Frank (1987, Italia), Chiara Fumai (1978-2017, Italia), Siggi Hofer (1970, Italia), Hannes Hoelzl (1974, Italia), Roni Horn (1955, USA), Brigitte Kowanz (1957-2022, Austria), Sophia Mairer (1989, Austria), Beatrice Marchi (1986, Italia), Nadja Verena Marcin (1982, Germania), Maurizio Nannucci (1939, Italia), Bruce Nauman (1941, USA), Masatoshi Noguchi (1988, Giappone), Sunny Pfalzer (1991, Austria), Caroline Profanter (1985, Italia), Egon Rusina (1949, Italia), Toni Schmale (1980, Germania), Berty Skuber (1941, Italia), Lawrence Weiner (1942 – 2021, USA), Karin Welponer (1941, Italia), Jörg Zemmler (1975, Italia).

LE CURATRICI

L’artista e curatrice, contadina e cuoca Margareth Kaserer ha studiato letteratura comparata a Vienna ed arti performative ad Anversa e ha fondato e gestisce il maso e la residenza per artisti “Hotel Amazonas” (programma di residenza per artisti, arte e cultura) a Vanga al Renon.

Ulrike Buck invece, nata nel Giura Svevo, ha studiato storia dell’arte a Tubinga e belle arti, con specializzazione in scultura, a Stoccarda. Vive a Berlino come artista, ceramista e curatrice. Il suo lavoro tocca aree dell’antropologia, della geologia e della psicologia della percezione in un percorso di ricerca sovversivo.

NEWSLETTER

Alto Adige5 giorni fa

In fuga dalla giustizia si è rifugiato in montagna, ma è stato tradito dalla propria personalità

Bolzano3 settimane fa

Tifoso bolzanino istiga dei giovani alla violenza contro dei supporters albanesi. Scatta il daspo triennale

Bolzano2 settimane fa

Scoperto magazzino di droga a Bolzano: 42enne denunciato

Bolzano3 settimane fa

Ancora problemi per l’ordine pubblico e la sicurezza dei cittadini. Il questore chiude il bar Cristallo

Alto Adige3 settimane fa

Frana a Longiarù, Val Badia (Video) proseguono senza sosta i lavori per limitare i danni. Evacuate 56 abitazioni

Alto Adige3 settimane fa

Alto Adige flagellato dal maltempo, alberi abbattuti, grandine e forte vento

Italia ed estero3 settimane fa

Strage a La Mecca: almeno 800 morti tra i pellegrini durante l’Hajj: cosa è successo

Bolzano4 settimane fa

Casa e lavoro del domani: visione sinergica per progettare il futuro di Bolzano

Oltradige e Bassa Atesina3 settimane fa

Tragedia sui binari: donna investita e uccisa da un treno a Salorno

Sport3 settimane fa

Il Bolzano Baseball Club coglie la seconda vittoria sul campo amico

Bolzano3 settimane fa

Danneggia le autovetture in sosta in zone diverse della città e minaccia gli agenti

Alto Adige3 settimane fa

ConnX: La Rivoluzione della Mobilità Urbana Presentata da Leitner

Alto Adige2 settimane fa

Bolzano: 43 nuovi agenti rinforzano la Polizia di Stato

Bolzano3 settimane fa

Irrompe negli uffici della provincia, minaccia gli impiegati ed aggredisce gli agenti

Bolzano3 settimane fa

Magazzini pieni e poca liquidità: negozi altoatesini in difficoltà

Archivi

Categorie

più letti