Connect with us

Alto Adige

Piani delle zone di pericolo, quasi la metà dei Comuni è in regola

Pubblicato

-

Garantire la massima sicurezza possibile dai rischi di frane o smottamenti nelle zone residenziali dei comuni dell’Alto Adige. Questo l’obiettivo dei piani delle zone di pericolo che, in virtù della legge urbanistica del 1997 e della legge territorio e paesaggio del 2018, rappresentano una sorta di allegato ai piani urbanistici comunali con il compito di mappare il grado di pericolosità di una zona.

Sino ad ora, dei 116 comuni dell’Alto Adige, 49 hanno già un piano delle zone di pericolo in vigore, altri 32 sono nella fase conclusiva della procedura e tutti gli altri hanno già avviato l’iter.

Il piano delle zone di pericolo – sottolinea l’assessora Maria Hochgruber Kuenzerè uno strumento di importanza fondamentale per garantire sicurezza alla popolazione e per fornire alle amministrazioni comunali un preciso orientamento nelle operazioni di pianificazione“.

Pubblicità
Pubblicità

Una volta elaborato dal Comune assieme ai liberi professionisti incaricati, e prima di essere approvato sia dal Consiglio comunale che dalla Giunta provinciale, il piano deve passare al vaglio della conferenza dei servizi convocata dalla Ripartizione natura, paesaggio e sviluppo del territorio.

Quattro zone di pericolo a seconda dei rischi

I piani delle zone di pericolo prevedono una suddivisione del territorio comunale in 4 aree, contraddistinte da diversi colori che rappresentano altrettanti diversi gradi di rischio. La zona grigia è considerata sicura, nella zona gialla il pericolo è limitato, nella zona blu sono necessarie delle misure di protezione, mentre nelle zone rosse il rischio è consistente. In quest’area è di fatto vietato abitare e lavorare, e non possono essere realizzate neppure strutture per il tempo libero.

I nostri uffici – spiega la Kuenzer – ricevono costantemente richieste da parte dei comuni per la realizzazione di misure di protezione in grado di mitigare il rischio e, dunque, di consentire l’inserimento dell’area in una zona di pericolo inferiore“.

Dal rafforzamento degli argini per prevenire eventuali alluvioni alle barriere paravalanghe, passando per le reti paramassi: sono queste le opere più quotate. Dall’inizio di questa legislatura sono state approvate 13 variazioni ai piani comunali, per un totale di 29 da quando questa misura di mappatura del territorio è prevista dalla legge e l’assessora provinciale ricorda che “nessun piano delle zone di pericolo è immutabile nel tempo”.

Alla luce della complessità della materia, l’amministrazione provinciale offre il proprio sostegno ai comuni sia mettendo a disposizione i propri esperti, sia coprendo l’80% dei costi relativi ad analisi del territorio e pianificazione.

Quattro fasi per l’elaborazione dei piani

L’iter per l’elaborazione dei piani delle zone di pericolo si suddivide in 4 fasi. La fase A di preparazione, considerata di importanza cruciale in quanto maggiore sarà la precisione, più agevoli saranno le fasi successive.

In questo momento il territorio viene suddiviso in tre categorie: la categoria a, che è l’area urbanizzata e comprende i centri edificati e una zona cuscinetto di 300 metri; la categoria b, ovvero piccoli insediamenti, case singole o strutture per il tempo libero; categoria c, ovvero zone paesaggistiche che non sono d’interesse urbanistico.

Sulla base di ciò, si passa alla fase B, ovvero quella dell’incarico per l’elaborazione del piano da assegnare tramite bando di concorso. Il cuore del procedimento è la fase C, quella dell’elaborazione vera e propria del piano che porta alla suddivisione del territorio in 4 zone di rischio (grigio, giallo, blu e rosso).

Il percorso si conclude con la fase D dell’approvazione, che prevede il passaggio da Conferenza dei servizi, consiglio comunale e Giunta provinciale per l’inserimento definitivo della carta delle zone di pericolo nel piano urbanistico comunale.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Archivi

  • Un solo tavolo al ristorante stellato, l’elegante genialità della ristorazione
    Il meglio delle esperienze che Venezia possa offrire è racchiuso in un luogo dove la declinazione dell’esperienza sarà il miglior servizio. Un posto non convenzionale che può essere scelto solo da coloro che accettano di non porre condizioni. Con geniale eleganza, Il Ristorante “Oro” dell’hotel Cipriani a Venezia rinasce mettendo in luce un dettaglio unico […]
  • A Bologna l’economia circolare in edilizia diventa realtà: arriva il nuovo asfalto 100% riciclato
    Un’edilizia circolare sempre più sostenibile dal punto di vista ambientale risulta una strada imprescindibile per il futuro dello sviluppo economico. Il riciclo dei materiali promette infatti oltre ad una sensibile riduzione dei rifiuti e dell’inquinamento, anche un’ottima soluzione per ottimizzare costi e ricavi. In un simile contesto risulta fondamentale lavorare sulla ridefinizione del ciclo produttivo […]
  • Una notte tra le Dolomiti e le stelle a 2055 metri di quota
    A pochi chilometri da Cortina tra cieli sconfinati e cattedrali rocciose esiste una camera che regala l’insolita emozione di ritrovarsi a dormire avvolti dall’affascinante magia di un paesaggio unico al mondo. La starlight Room, inclusa tra i dieci hotel più spettacolari del mondo, si trova infatti sopra al rifugio Col Gallina a 2055 metri in […]
  • “Vuoi costruire una piscina di pregio ma non sai bene da dove iniziare?” Comincia da qui
    Immagina un angolo di vacanza nel tuo giardino o terrazza, uno spazio accogliente e riservato dove poter dimenticare i problemi quotidiani e immergerti in momenti di benessere e relax da solo o con i tuoi cari. Magari è da un po’ che ci pensi ma qualcosa ti frena. Domande del tipo: “Da dove inizio? Mi […]
  • L’idea di rifugio si evolve in sostenibilità, design e tradizione
    Il giusto equilibrio tra sostenibilità, design e tradizione prende forma grazie all’innovativo progetto di due architetti italiani che, reinterpretando l’idea tradizionale di rifugio hanno progettato e realizzato “ The Mountain Refuge”. Si tratta di una piccola capanna modulare dalla forma semplice e minimale che vuole rievocare l’archetipo tradizionale mediante composizioni innovative e contemporanee. La struttura […]
  • Lindt realizza il sogno di ogni bambino: apre in Svizzera la Home of Chocolate
    La Lindt Home of Chocolate, in italiano “Casa del Cioccolato“, avrebbe dovuto aprire le porte al pubblico lo scorso maggio ma, a causa della pandemia di Covid-19 che sta ancora affliggendo la popolazione mondiale, Lindt ha dovuto rimandare questo dolce e atteso appuntamento al 10 settembre 2020. Questa Casa del Cioccolato, situata nella sede di Lindt& Sprüngli […]
  • Internet supera i confini del deserto con 30 palloni aerostatici
    Dal mondo della tecnologia arriva il primo passo verso una società più equa. Il 4G supera i confini del deserto e arriva in Kenya grazie a 30 palloni aerostatici alimentati ad energia solare per garantire una copertura di rete a 14 contee keniote altrimenti isolate. L’iniziativa è frutto di un accordo tra la compagnia telefonica […]
  • Percorso Kneipp: concludere le vacanze in Trentino in totale relax
    La strana e tanto discussa estate 2020 sta per giungere al termine. E, se ci si trova in Trentino Alto-Adige, cosa si può fare per concludere al meglio la propria vacanza? Una delle tappe da non perdere è sicuramente il Percorso Kneipp, Centro situato in Val di Rabbi, per la precisione nella Frazione S. Bernardo. Il […]
  • In Giappone trionfano le vacanze covid – Free, di girare il mondo su un aereo ma con la realtà virtuale
    Per ottemperare alle rigide restrizioni imposte per abbattere la pandemia da Coronavirus garantendo contemporaneamente l’emozione del viaggio in aereo, una compagnia aerea giapponese ha riconvertito la propria offerta proponendo ai clienti  eccentriche vacanze virtuali a bordo di aerei finti con occhiali per la realtà virtuale. L’ideatrice di questo stravagante progetto è la Tokyo First Airlines, che permette […]
  • Si viaggerà ad idrogeno anche in Italia: dal 2021 al via i nuovi treni
    Negli ultimi anni, le soluzioni green per il trasporto pubblico si sono moltiplicate e concretizzate sempre di più attraverso la produzione di treni riciclabili a basse emissione oppure con l’entrata in servizio di Bus ibridi. A questo si aggiunge l’ultimissimo accordo siglato tra uno dei maggiori colossi di infrastrutture energetiche, Slam e una delle più […]

Categorie

di tendenza