Connect with us

Alto Adige

Piani delle zone di pericolo, quasi la metà dei Comuni è in regola

Pubblicato

-

Garantire la massima sicurezza possibile dai rischi di frane o smottamenti nelle zone residenziali dei comuni dell’Alto Adige. Questo l’obiettivo dei piani delle zone di pericolo che, in virtù della legge urbanistica del 1997 e della legge territorio e paesaggio del 2018, rappresentano una sorta di allegato ai piani urbanistici comunali con il compito di mappare il grado di pericolosità di una zona.

Sino ad ora, dei 116 comuni dell’Alto Adige, 49 hanno già un piano delle zone di pericolo in vigore, altri 32 sono nella fase conclusiva della procedura e tutti gli altri hanno già avviato l’iter.

Il piano delle zone di pericolo – sottolinea l’assessora Maria Hochgruber Kuenzerè uno strumento di importanza fondamentale per garantire sicurezza alla popolazione e per fornire alle amministrazioni comunali un preciso orientamento nelle operazioni di pianificazione“.

Pubblicità
Pubblicità

Una volta elaborato dal Comune assieme ai liberi professionisti incaricati, e prima di essere approvato sia dal Consiglio comunale che dalla Giunta provinciale, il piano deve passare al vaglio della conferenza dei servizi convocata dalla Ripartizione natura, paesaggio e sviluppo del territorio.

Quattro zone di pericolo a seconda dei rischi

I piani delle zone di pericolo prevedono una suddivisione del territorio comunale in 4 aree, contraddistinte da diversi colori che rappresentano altrettanti diversi gradi di rischio. La zona grigia è considerata sicura, nella zona gialla il pericolo è limitato, nella zona blu sono necessarie delle misure di protezione, mentre nelle zone rosse il rischio è consistente. In quest’area è di fatto vietato abitare e lavorare, e non possono essere realizzate neppure strutture per il tempo libero.

I nostri uffici – spiega la Kuenzer – ricevono costantemente richieste da parte dei comuni per la realizzazione di misure di protezione in grado di mitigare il rischio e, dunque, di consentire l’inserimento dell’area in una zona di pericolo inferiore“.

Dal rafforzamento degli argini per prevenire eventuali alluvioni alle barriere paravalanghe, passando per le reti paramassi: sono queste le opere più quotate. Dall’inizio di questa legislatura sono state approvate 13 variazioni ai piani comunali, per un totale di 29 da quando questa misura di mappatura del territorio è prevista dalla legge e l’assessora provinciale ricorda che “nessun piano delle zone di pericolo è immutabile nel tempo”.

Alla luce della complessità della materia, l’amministrazione provinciale offre il proprio sostegno ai comuni sia mettendo a disposizione i propri esperti, sia coprendo l’80% dei costi relativi ad analisi del territorio e pianificazione.

Quattro fasi per l’elaborazione dei piani

L’iter per l’elaborazione dei piani delle zone di pericolo si suddivide in 4 fasi. La fase A di preparazione, considerata di importanza cruciale in quanto maggiore sarà la precisione, più agevoli saranno le fasi successive.

In questo momento il territorio viene suddiviso in tre categorie: la categoria a, che è l’area urbanizzata e comprende i centri edificati e una zona cuscinetto di 300 metri; la categoria b, ovvero piccoli insediamenti, case singole o strutture per il tempo libero; categoria c, ovvero zone paesaggistiche che non sono d’interesse urbanistico.

Sulla base di ciò, si passa alla fase B, ovvero quella dell’incarico per l’elaborazione del piano da assegnare tramite bando di concorso. Il cuore del procedimento è la fase C, quella dell’elaborazione vera e propria del piano che porta alla suddivisione del territorio in 4 zone di rischio (grigio, giallo, blu e rosso).

Il percorso si conclude con la fase D dell’approvazione, che prevede il passaggio da Conferenza dei servizi, consiglio comunale e Giunta provinciale per l’inserimento definitivo della carta delle zone di pericolo nel piano urbanistico comunale.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Archivi

  • Bonus casalinghe 2021: un’opportunità per una scelta più libera e consapevole
    Il Bonus Casalinghe 2021 istituito nel Decreto Agosto 2020 risulta ancora fermo a causa della mancanza di un Decreto attuativo del Ministero delle Pari opportunità e la Famiglia che regoli i 3 milioni messi disposizione... The post Bonus casalinghe 2021: un’opportunità per una scelta più libera e consapevole appeared first on Benessere Economico.
  • Banca per la Ricostruzione e lo Sviluppo: un’opportunità per le imprese italiane
    L’Istituto offre interessanti opportunità anche per le imprese italiane, permettendo di ossigenare molti bilanci aziendali. La BERS, la Banca per la Ricostruzione e lo Sviluppo è un’ente ancora poco conosciuto soprattutto in Italia anche se... The post Banca per la Ricostruzione e lo Sviluppo: un’opportunità per le imprese italiane appeared first on Benessere Economico.
  • Il Regno Unito tutela le aziende assicurate: le polizze pagano danni per interruzione attività
    Dopo numerose controversie legali, nel Regno Unito saranno circa 370 mila le aziende che, avendo stipulato un’assicurazione potrebbero ricevere rimborso per l’interruzione di attività. In tutta Europa, i provvedimenti emanati per il contenimento della pandemia... The post Il Regno Unito tutela le aziende assicurate: le polizze pagano danni per interruzione attività appeared first on Benessere […]
  • “Nuove imprese a tasso zero”: agevolazioni e contributi a donne e giovani
    Il Ministero dello Sviluppo Economico sosterrà giovani e donne che vogliono avviare nuove imprese, attraverso finanziamenti agevolati a tasso zero. Recentemente è stata pubblicata la circolare dello stesso Ministero che definisce i termini e le... The post “Nuove imprese a tasso zero”: agevolazioni e contributi a donne e giovani appeared first on Benessere Economico.
  • Trasformare l’azienda in Società Benefit per migliorare appeal commerciale
    La recente situazione pandemica sta avendo un impatto travolgente sui mercati e sull’economia generale, mettendo in discussione il ruolo stesso dell’azienda che dovrà necessariamente evolversi per assecondare nuove variabili. L’attuale situazione economica: In questo contesto,... The post Trasformare l’azienda in Società Benefit per migliorare appeal commerciale appeared first on Benessere Economico.
  • WORKATION – Lavoro vista mare o monti
    Il nuovo trend che interessa anche gli operatori del ricettivo Mare, montagne, lago, acqua, natura. Chi non sogna di lavorare stando in vacanza? Pensate ad una riunione vista Dolomiti, ad una pausa pranzo in un... The post WORKATION – Lavoro vista mare o monti appeared first on Benessere Economico.
  • I FIL GOOD – Alla ricerca della Felicità Interna Lorda, il paradigma del futuro
    Che i soldi non facciano la felicità è probabilmente vero, ma è altrettanto inconfutabile che siano un potente rilassante. Nel nostro mondo dominato dalla cultura capitalistica, il denaro è diventato una pietra angolare della struttura... The post I FIL GOOD – Alla ricerca della Felicità Interna Lorda, il paradigma del futuro appeared first on Benessere […]
  • Vaccinazioni sui luoghi di lavoro: cosa prevede il Protocollo
    Le registrazioni nei corridoi, i box per le somministrazioni nelle sale riunioni: il protocollo firmato al Ministero del Lavoro da Confidustria e organizzazioni sindacali declina le possibilità del vaccino sui luoghi di lavoro. Il documento... The post Vaccinazioni sui luoghi di lavoro: cosa prevede il Protocollo appeared first on Benessere Economico.
  • Bonus cultura 2021: 500 euro a tutti i neo 18enni, come funziona
    Anche per quest’anno è stato confermato il bonus cultura di 500 euro per tutti i neo 18enni nati nel 2002, ed erogato dallo Stato per l’acquisto di musica, corsi online, libri ed altre attività culturali.... The post Bonus cultura 2021: 500 euro a tutti i neo 18enni, come funziona appeared first on Benessere Economico.
  • FMI: “ tassare redditi alti e grandi patrimoni per sostenere ripresa economica”
    Il Fondo Monetario Internazionale propone la sua ricetta per aiutare i Paesi da uscire dalla crisi economica, suggerendo una tassa di solidarietà per finanziare le spese e i sostegni necessari a combattere la crisi. All’interno... The post FMI: “ tassare redditi alti e grandi patrimoni per sostenere ripresa economica” appeared first on Benessere Economico.

Categorie

di tendenza