Connect with us

Val Pusteria

Prato alla Drava: scoperto deposito illegale di rifiuti. Nei guai una ditta di San Candido

Pubblicato

-

I Carabinieri di Prato alla Drava hanno proceduto stamattina al sequestro di un’area verde dove era stato illegalmente depositato del materiale derivante da una recente demolizione del manto stradale.

I militari hanno individuato il deposito di rifiuti nel corso di un servizio di perlustrazione, notando un grosso quantitativo di blocchi di asfalto misto a fresato, che gli accertamenti hanno ricondotto all’attività di una impresa di San Candido impegnata mesi addietro in lavori di rifacimento del manto stradale.

Il materiale avrebbe dovuto da tempo essere recuperato o avviato allo smaltimento, ma di fatto così non è stato. Per questo i Carabinieri hanno delimitato l’area e sottoposto il tutto a sequestro preventivo.

Pubblicità
Pubblicità

Dell’accaduto dovrà ora rispondere il legale rappresentante dell’impresa.

Val Pusteria

Nuovi interventi sulla statale della val Pusteria

Pubblicato

-

La strada statale della Val Pusteria (SS 49) è percorsa ogni giorno da circa 15.000 veicoli, con punte di 21.000 veicoli nelle giornate da “bollino nero” nell’alta stagione turistica. Per rendere questa arteria il più funzionale possibile dal punto di vista del traffico e per garantire qualità di vita ai cittadini e concorrenzialità alle aziende “stiamo intervenendo passo per passo nei punti nevralgici con molteplici interventi per rendere la strada più transitabile”, afferma l’assessore provinciale alle infrastrutture e mobilità Daniel Alfreider. Sono molteplici gli interventi di rilievo previsti tra Versciaco e Naz-Sciaves.

“Investire nella rete stradale non significa investire in più traffico, bensì in più sicurezza e in una migliore qualità della vita“, sottolinea l’assessore il quale aggiunge che “la raggiungibilità è un valore aggiunto irrinunciabile non solo per i turisti, ma soprattutto per pendolari, studenti e attività economiche”.

La base per giungere all’attuazione dei progetti è un sostegno finanziario sicuro e continuo. “Gli investimenti in infrastrutture sono anche una condizione importante per la qualità della vita in un ambiente sensibile come la Pusteria”, sostiene l’assessore Alfreider che aggiunge “I Giochi Olimpici Invernali di Anterselva 2026 devono quindi essere visti come un’opportunità per realizzare progetti di mobilità a lungo termine per la popolazione locale”.

Pubblicità
Pubblicità

Interventi per migliorare il traffico

Sono state completate due nuove rotatorie, quella nei pressi dello svincolo per la val di Braies e quella nei pressi della zona artigianale fra Brunico e S. Lorenzo di Sebato, che possono convogliare meglio i flussi di traffico. Altre due nuove rotatorie a Dobbiaco, attualmente in fase di costruzione, dovrebbero essere pronte entro il 2020 e andare a sostituire due snodi rendendo più fluido il transito. La circonvallazione sud di Brunico è in fase di risanamento: per settembre dovrebbe essere rinnovato l’asfalto affinché la strada sia più sicura in caso di pioggia.

Procedono a pieno ritmo i lavori per il nuovo accesso alla val Badia nei pressi di S. Lorenzo di Sebato, che dal 2021 consentirà l’ingresso diretto alla valle senza incrocio per i flussi di pendolari e turisti. L’opera consentirà di alleggerire il traffico di transito a S. Lorenzo di Sebato e a Floronzo.

Stanno per essere consegnati i lavori per migliorare la sicurezza del nuovo imbocco per la zona produttiva di Vandoies., e verranno realizzate anche due nuove varianti, quella di Chienes e quella di Perca, che contribuiranno a migliorare la qualità di vita nei due centri. Per la circonvallazione di Chienes i lavori potranno essere appaltati entro il 2019, mentre per la circonvallazione di Perca è in fase di predisposizione il progetto definitivo. A breve verrà consegnato il progetto esecutivo per per un accesso con maggiore visibilità verso Versciaco di Sopra e pubblicata la gara di progettazione per un incrocio più sicuro verso Sesto Pusteria senza passaggio a livello ferroviario. Un altro intervento sarà eseguito nei pressi dell’area di sosta a Naz Sciaves al fine di ridurre le code e migliorare la sicurezza di transito.

Non solo opere stradali

Il Dipartimento mobilità investe non solo nelle infrastrutture stradali, ma anche nel trasporto su rotaia. “Intendiamo rendere ancora più attrattiva la mobilità in treno dal punto di vista dei costi, dei tempi di percorrenza della comodità”, afferma l’assessore Alfreider. Tra i progetti della Provincia vi sono la costruzione della variante della val di Riga e dei nuovi centri intermodali a Brunico, Bressanone e S. Candido che consentiranno di passare in modo semplice e veloce da una forma di mobilità all’altra, dal treno al bus, alla bicicletta e viceversa.

Continua a leggere

Val Pusteria

Ruba la borsa a una rumena e scappa: 67enne altoatesina denunciata a Brunico per furto aggravato

Pubblicato

-

Nella tarda mattinata del 15 agosto i Carabinieri di Brunico sono intervenuti presso un esercizio commerciale di via Gilm, a seguito della segnalazione di un furto ad opera di una donna la quale, dopo essersi impossessata di una borsa di proprietà di una cittadina rumena, si era allontanata cercando di far perdere le proprie tracce.

Immediatamente raggiunta e fermata, la donna è risultata essere una 67enne originaria di San Lorenzo di Sebato, ma residente a Brunico.

La stessa ha fornito versioni contrastanti di quanto successo e ha dichiarato delle generalità false ai militari.  Al termine degli accertamenti, i Carabinieri hanno riconsegnato la borsa alla vittima e denunciato l’altoatesina per furto aggravato e false dichiarazioni sulla propria identità.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Val Pusteria

Furti in serie negli appartamenti in Pusteria: tre arresti

Pubblicato

-

I Carabinieri di Bressanone in collaborazione con i colleghi di San Candido, di Brunico e della Stazione di Dobbiaco hanno denunciato un 20enne originario di Paderno Franciacorta (BS) e due diciottenni della stessa provincia, per un tentato furto all’interno di un appartamento di San Giorgio a Brunico.

Le due ragazze sono state sorprese all’interno dell’appartamento dal proprietario, il quale ha avvisato subito i Carabinieri. Le due non stavano però agendo da sole: incrociando le immagini della videosorveglianza e alcune testimonianze, è stato possibile per i militari dell’Arma rintracciare l’uomo che si trovava a bordo di un’auto poco distante dall’appartamento.

Dopo aver notato l’arrivo dei Carabinieri il ventenne ha tentato di allontanarsi ma l’allarme diramato ai colleghi ha consentito di bloccarlo a Bressanone, mentre stava per imboccare l’autostrada in direzione Sud.

Pubblicità
Pubblicità

La collaborazione fra i reparti ha dato modo di ricostruire il “modus operandi” del trio e di appurare come l’uomo, dopo aver individuato gli obiettivi, accompagnava sul posto le due ragazze e con un grosso cacciavite o un “piede di porco” forzava una porta o una finestra, dando l’accesso all’appartamento da “visitare” e  posizionandosi con l’auto poi all’esterno per fare da palo mentre le complici operavano all’interno.

Quindi, secondo i piani,  le due ladre avrebbero dovuto essere recuperate per poi allontanarsi dalla zona colpita.

Grazie ad un’indagine approfondita gli uomini dell’Arma hanno poi ricostruito gli spostamenti in provincia della banda, riuscendo ad attribuire loro non solo il tentato furto di Brunico, ma ulteriori 3 furti eseguiti tra Dobbiaco – San Candido e Brunico nel corso della giornata del 15 agosto e del giorno precedente.

All’interno della macchina sono stati sequestrati oltre agli arnesi da scasso anche due telefoni cellulari, risultati rubati, e circa 700 euro in contanti.

Ora i tre, che dovranno rispondere del reato di furto e tentato furto in concorso, sono stati segnalati per un provvedimento di divieto di ritorno nella provincia di Bolzano.

Continua a leggere

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza