Connect with us

Italia ed estero

Rieti, esplosione in un distributore sulla Salaria: muore un vigile del fuoco

Pubblicato

-

Foto roma.corriere.it

E’ di due morti e 18 feriti il bilancio della violentissima esplosione avvenuta oggi (5 dicembre) in una stazione di servizio sulla via Salaria a Rieti.

Le fiamme sono partite da un’autocisterna che scaricava gpl. Una seconda deflagrazione è avvenuta mentre i soccorritori erano all’opera.

La tragedia si è verificata al chilometro 39, poco distante da Passo Corese.

Pubblicità
Pubblicità

Il pompiere, Stefano Colasanti di 52 anni, non era nella squadra di soccorsi giunta sul posto ma si è fermato in una via ad una decina di metri dalla pompa di benzina per prestare soccorso, quando è stato investito dalle fiamme.

La seconda vittima, invece, si trovava nei pressi del distributore e incuriosito si era fermato con la sua auto a pochi metri dalla pompa.

L’esplosione è stata talmente violenta che l’autocisterna insieme ad un mezzo dei vigili del fuoco sono stati sbalzati per una decina di metri finendo in una strada adiacente al distributore.

Un particolare inquietante: il giorno prima,  in occasione dei festeggiamenti di Santa Barbara presso la caserma di Rieti, il vigile del fuoco deceduto aveva preso parte alle esercitazioni simulando il decesso proprio per una deflagrazione di una cisterna Gpl.

I vigili del fuoco altoatesini hanno espresso vicinanza alla famiglia del collega che ha perso la vita nel tragico incidente.

Ci uniamo al dolore di tutti i coinvolti nell’esplosione autocisterna a Rieti sulla Salaria, vicini ai familiari delle vittime, ai feriti e al Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco“, si legge sulla pagina Facebook Landesfeuervehrverband dell’Alto Adige.

Pubblicità
Pubblicità

Italia ed estero

Giappone, record di suicidi tra i giovani

Pubblicato

-

Il Giappone è il Paese con uno dei più alti tassi di suicidio del mondo e sebbene per il nono anno consecutivo il fenomeno risulti in calo, il numero è pericolosamente in aumento tra i giovani e giovanissimi sotto i 19 anni.

Non solo. Il numero dei giovanissimi nipponici che decidono di togliersi la vita sarebbe allarmante: nel 2018 i suicidi complessivi in Giappone sono stati 20.840, ovvero 16,5 persone ogni 100mila abitanti (il più basso dal 1978).

Per gli adolescenti invece il rapporto è di 2,8 per ogni 100mila abitanti, per un totale di 599 soggetti.

Pubblicità
Pubblicità

Il gesto estremo è addirittura praticato dai bambini di scuola elementare per conflittualità con i genitori e i rimproveri nell’ambito domestico, mentre i cattivi risultati scolastici e i timori generali sul futuro – associati alla depressione – sono i motivi più frequenti che spingono al suicidio gli studenti di liceo e i giovani universitari.

Il Giappone è al quinto posto nei Paesi dell’OCSE per rilevanza del fenomeno. Prima in classifica la Lituania, seguita dalla Corea del Sud e dalla Slovenia.

I dati sono del  ‘White Paper’ pubblicato dall’ufficio di Gabinetto.

 

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Italia ed estero

Ambizioso e attento ai dettagli: la regina Elisabetta cerca un nuovo chef reale

Pubblicato

-

Un impiego full time, dal lunedì al venerdì a 22mila sterline l’anno.

La regina Elisabetta è a caccia di un nuovo chef, “con standard elevatissimi, attento ai dettagli e con il giusto grado di ambizione, amante del cibo e portato per il gioco di squadra”.

L’annuncio emesso da Buckingham Palace è per un Demi Chef de Partie con base a Londra ma disposto a spostarsi tra le varie residenze della famiglia reale.

Pubblicità
Pubblicità

Il servizio comprende la preparazione di un’ampia gamma di piatti differenti e la copertura di diversi ruoli in tutti i reparti della cucina.

Il requisito dell’esperienza in cucine famose non è fondamentale: per Queen Elisabeth sono sufficienti abilità ed entusiasmo e, ovviamente, la capacità di soddisfare ogni giorno ognuno degli esigentissimi palati reali.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Italia ed estero

Sotto coca e metadone investe una giovane mentre getta la spazzatura: arrestato 34enne

Pubblicato

-

Con l’accusa di omicidio stradale è stato arrestato un uomo di 34 anni che la scorsa notte, intorno alle 2, ha investito e ucciso sotto l’effetto di cocaina e metadone la 25enne Martina Aprile.

La giovane, mamma di un bambino di pochi mesi, aveva terminato il suo turno di lavoro in un ristorante di Cava d’Aliga, nel ragusano, mentre stava gettando la spazzatura nei cassonetti sulla strada provinciale.

Ferito il suo collega di lavoro che era uscito dal locale per aiutarla a riporre i sacchi di rifiuti e si trova ora ricoverato in ospedale.

Pubblicità
Pubblicità

Le analisi effettuate all’ospedale di Modica hanno confermato come l’uomo guidasse la sua Y10 sotto l’effetto delle sostanze stupefacenti.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza