Connect with us

Musica

Sabato 8 dicembre “Suggestioni dal mondo” al Teatro di S. Giacomo

Pubblicato

-

 «Groovy world music experience…»!

Se il titolo può suonare fascinosamente enigmatico ai più, illuminante è il sottotitolo, da cui l’essenza del ‘concerto-evento’ fuoriesce in pieno e attrae: “un viaggio attraverso ritmi africani, atmosfere caraibiche e improvvisazioni notturne”.

Protagonista del live sarà la JEMM Music Project, formazione che rappresenta una delle eccellenze della scena artistica altoatesina e regionale, ma proiettata ben oltre i confini locali, e che unisce artisti del gruppo etnico ladino, italiano e tedesco.

Pubblicità
Pubblicità

L’appuntamento è per sabato 8 dicembre alle 20.30, con ingresso libero, al Teatro di S. Giacomo di Laives. Qui sono attesi per l’occasione il mago delle percussioni del mondo Max Castlunger e altri cinque colleghi di razza: Jack Alemanno alla batteria modificata, Marco Stagni al basso elettrico, Matteo Cuzzolin al sax, Mirko Pedrotti al vibrafono, Hannes Mock al trombone.

Max Castlunger spazierà a cavallo di una gamma di strumenti a percussione (e non) provenienti dalla sua ricca collezione, composta da pezzi raccolti in giro per i continenti e da altri autocostruiti, che connoteranno anche visivamente la scena: steel drumcaraibico, balafon africano, didgeridoo australiano, un set di tamburi delle Alpi di sua concezione chiamato “tapi”, un nuovissimo hang e svariati altri strumenti particolari quanto intriganti.

Sarà un’immersione fresca e al tempo stesso caliente nella dimensione groove, in bilico fra l’etnico, il jazzato, l’onirico, il ‘contemporaneo occidentale’ (frutto della ricerca dei JEMM), l’evocativo di luoghi e situazioni.

Nel corso del concerto, la strabiliante dotazione di Castlunger si interfaccerà e intreccerà con strumenti appartenenti alla cultura musicale occidentale, creando dialoghi musicali unici nel loro genere.

Il suono e i ritmi incalzanti del balafon africano e dello steel drum (xylofono africano) si mescoleranno ad esempio alla energica sezione di fiati composta da Matteo Cuzzolin e Hannes Mock, rispettivamente al sax tenore e al trombone, due musicisti noti nell’ambiente del jazz altoatesino e nazionale.

Il tutto troverà un supporto ritmico di spessore nel basso elettrico del poliedrico Marco Stagni e nella batteria modificata dell’affermato batterista vipitenese Jack Alemanno.

Completerà il connubio musicale il virtuoso vibrafonista roveretano Mirko Pedrotti, donando all’insieme un raffinato tocco di contemporaneità.

A incorniciare la serata ci penseranno i “visuals” dell’artista dell’immagine Gustav Willeit. Il suo occhio, la sua mano, la sua sensibilità, gli consentono di tradurre in immagni momenti di vita – ora più delicati, ora più crudi – e di creare al tempo stesso luoghi immaginari, evocativi, di pura fantasia: e al Teatro di S. Giacomo presenterà appunto un percorso visivo di questo genere, fatto di suggestioni che si rincorreranno, fondendosi alla musica.

Una proposta, nell’insieme, che strizza l’occhio tanto a chi è in cerca di ritmo e di solarità, quanto agli amanti della dimensione eterea.

E all’appello manca ancora un dettaglio non di poco conto: nella sua veste rinnovata, la band presenterà in anteprima proprio l’8 dicembre il suo nuovo repertorio musicale, che nel 2019 si tradurrà nell’uscita di un atteso CD per la prestigiosa etichetta Three Saints Records.

Organizza il Centro culturale S. Giacomo.

 

Pubblicità
Pubblicità

Musica

Tiziano Ferro si è sposato con il compagno Victor a Sabaudia

Pubblicato

-

Viktor entra a fare parte della mia famiglia“.

Tiziano Ferro ha portato ieri (13 luglio) “all’altare” il compagno Viktor Allen con il quale sta da tre anni e lo ha fatto nella sua casa di Sabaudia circondato da una quarantina di persone tra parenti e amici.

La coppia si era già segretamente sposata lo scorso 25 giugno a Los Angeles, città di origine di Allen.

Pubblicità
Pubblicità

Victor, 54 anni, ha detto si al 39enne cantante con una cerimonia blindatissima avvenuta al tramonto.

La notizia delle nozze civili è stata pubblicata su Instagram con una foto che ritrae Ferro assieme al neo marito mentre mostrano le fedi.

La vita e le sue imprevedibili e meravigliose svolte. Non vedo l’ora di raccontarvi questa ennesima storia di gioia e celebrazione dell’amore” si legge nel post.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Musica

Mandela Day: il 18 luglio Flexus in concerto al Parco delle Semirurali

Pubblicato

-

Nell’ambito del progetto ″Semirurali Social Park”, il Centro per la Pace del comune di Bolzano, sotto la gestione della Caritas Diocesi Bolzano-Bressanone, porta avanti il tradizionale appuntamento del MANDELA DAY, giorno che vede l’anniversario della nascita di Nelson Mandela, con un concerto del gruppo FLEXUS durante il quale verrà presentato il loro ultimo prodotto musicale dal titolo THIS LAND IS YOUR LAND.

L’appuntamento è per il 18 luglio alle ore 21 al Parco delle Semirurali di Bolzano.

L’evento è organizzato in collaborazione con la cooperativa 19, la cooperativa Eureka e la cooperativa Oasis e in caso di pioggia verrà spostato presso la Sala Europa in via del Ronco 11.

Pubblicità
Pubblicità

Si tratta di un nuovo concerto con cui i Flexus cantano il rapporto tra gli uomini e le proprie terre.

Dal Messico a Cuba, dall’Irlanda al Sud Africa, dai Balcani alla Spagna, fino a giungere all’Italia. Luoghi, lingue e tempi diversi che hanno una sola voce: quella dell’uomo che canta la sua terra, dell’emigrante costretto ad abbandonare la sua casa, dell’oppresso che lotta sotto l’occupazione.

Le atmosfere del concerto affondano le radici nelle antiche musiche tradizionali di molti popoli: dall’antica ballata irlandese “The foggy dew” che racconta un episodio delle lotte dell’indipendenza di inizio secolo per arrivare alla “Shosholoza” che Nelson Mandela cantava durante la lunga prigionia fino a toccare una “Cielito lindo” completamente riarrangiata, simbolo dell’identificazione del popolo messicano e a giungere infine agli antichi ritmati canti degli scaricatori del porto di New York.

I Flexus inseriscono alcune nuove canzoni che si riallacciano al tema del concerto, creando ponti narrativi tra i brani, tratteggiando storie di uomini di tempi diversi, raccontando il rapporto con la propria terra. Un viaggio di musiche e parole lontane che raccontano fatti sempre più vicini, in un vortice di ritmi, lingue, suggestioni e speranze che vuole essere canto di pensiero, gioia, emozione e libertà.

Dalle ore 18.00 alle ore 20.00, sempre presso il Parco delle Semirurali, l’associazione Donne Nissà, in collaborazione con il Centro per la Pace, propone l’iniziativa “Tessere la pace”: 

un laboratorio a cielo aperto di “Tessitura Collettiva” dove grandi e piccoli possono intessere a piacimento strisce di stoffa colorata: rosse, gialle, verdi , azzurre, a fantasia, a righe, a fiori, di seta, di panno, di lana o di cotone…e così costruire un manifesto tessile.

Un grande telaio verticale sarà luogo d’incontro e d’intreccio di più mani. Mani che giocheranno con i fili e giocando creeranno frammenti di tessitura quasi fossero ideogrammi di una nuova scrittura: quella di un futuro di pace.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Musica

Trapianto di rene per Stevie Wonder a settembre. Il cantante ha già trovato un donatore

Pubblicato

-

Stevie Wonder lo ha annunciato la sera del 6 luglio durante un concerto all’Hyde Park di Londra: a settembre si sottoporrà a un trapianto di rene.

La leggenda del pop ha 69 anni e ha già trovato un donatore. Prima dell’intervento si esibirà in altri tre spettacoli.

Sono qui per testimoniarvi il mio amore e ringraziarvi del vostro – ha proseguito – non credete alle voci infondate sulle mia salute che sono circolate, sono qui e sto bene“, ha detto davanti a una folla di fan entusiasti.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza