Connect with us

L’impertinente

Scrivere Gallo o 666: chi ha paura del dottore di Padova

Pubblicato

-

Avevamo sette Senator, or nemmeno più l’ombrello a riparar”.

Un peccato, perché la stagione delle grandi piogge per l’Alto Adige è ricominciata. Con chiaroscuri meteorologici altalenanti, in sincrono con gli umori che nelle ultime settimane aleggiano nel settore Sanità in provincia di Bolzano.

Umori che, a seconda delle onde d’urto, devono aver lasciato aperto in notturna più di qualche occhio.

Pubblicità
Pubblicità

Piogge di preoccupazioni politiche ed istituzionali per richieste respinte, possibili incarichi di inidoneità oggetto di indagini, contrattazioni assenti per affinità sfumate. Presenze considerate insidiose.

E quindi, l’ora dei Regenschirme è arrivata. Ombrelli e orecchie rimangono aperti, perché l’affaire sanitaire dell’anno, lungi dalla sua archiviazione, sembra al contrario appena cominciato.

A partire dagli ennesimi sibili striscianti che sussurrano questa volta di una lettera partita dal piano più alto di palazzo Widmann, all’indirizzo del ministro della Salute Giulia Grillo.

Mittente: Arno Kompatscher.

Se così fosse, il gesto politico del presidente della Provincia autonoma di Bolzano si potrebbe configurare come un tentativo diplomatico di contenere parzialmente il terremoto ancora in atto all’interno dell’Azienda sanitaria altoatesina o per mettere la famosa pezza, di vivace color, alla situazione di imbarazzo seminato la settimana precedente dalla visita ministeriale del direttore generale Florian Zerzer, che bene abbiamo descritto nel nostro recente articolo Chi di monolinguismo ferisce…”.

Due le richieste da parte del dg, in quella sede, alla delegazione ministeriale: la prima, capace di scatenare le ire del sindacato regionale infermieri Nursing Up, è stata quella di un ampliamento dell’orario di lavoro oltre le 48 ore settimanali, limite peraltro insormontabile e stabilito dalla legge italiana e dalle normative europee.

La seconda, richiedeva invece il placet del ministero per l’assunzione di infermieri non bilingui. Quindi che parlano una sola lingua, direte voi. Certamente. Ma solamente la lingua tedesca.

Richiesta che potrebbe sembrare legittima data l’allarmante carenza di personale medico e infermieristico a livello locale. Meno se si pensa che la legge, quella dello Stato italiano, ha delle regole chiare in materia e non permette la mossa.

Chi vuole lavorare in ambito sanitario in territorio italiano, deve dimostrare di aver superato un esame di conoscenza della lingua dantesca come stabilito dal DPR 31.08.1999 e dalla Circolare del Ministero della Salute del 12.04.2000.

Niente idioma del Walther, per intenderci, se non è accompagnato dalla verifica della conoscenza linguistica dell’italiano, che dà accesso all’esercizio della professione sul territorio.

Un preambolo importante, se si pensa che i membri della mezzaluna ministeriale, con gli occhi fissi e lo sguardo perplesso, hanno dovuto ricordare ai vertici dell’Asl Alto Adige che la richiesta non sarebbe stata accolta proprio in virtù della contraddizione sulla quale la stessa era fondata.

No Walther senza Dante. Il valzer si balla in due. Questa è la regola.

Lo deve aver ripetuto, certamente con altre parole, anche il segretario generale del viceministro Mara Tessaro, e con lo sguardo forse anche il silenzioso dg delle professioni sanitarie e delle risorse umane del Servizio Sanitario Nazionale Rossana Ugenti e perché no, i due funzionari presenti con il tecnico designato Costantino Gallo.

Scrivere Gallo o 666

La presenza del dottor Costantino Gallo all’incontro ministeriale, giustificata dall’invito del sottosegretario alla Salute Luca Coletto in qualità di esperto per le tematiche inerenti la Sanità altoatesina, non deve essere stato per nulla gradito al dg Zerzer se questi, alla vista del Dottore, ne ha immediatamente chiesto l’estromissione. 

Una specie di suicidio istituzionale la richiesta a un sottosegretario di Stato, peraltro in quel momento assente, di espellere il suo emissario dalla stanza dei bottoni nel corso di un incontro ufficiale. Questione che, alla fine, porterà il dg e il suo accompagnatore a lasciare prematuramente il palazzo sul Lungotevere Ripa per fare rapido ritorno a Bolzano.

Gallo, nemico numero uno del sistema Alto Adige.

Un esperto “troppo esperto” delle questioni sudtirolesi. Quell’esperto “troppo esperto” che fece tremare addirittura i muri dell’azienda sanitaria del Veneto per il solo merito di aver fatto risparmiare all’ente 800 milioni di euro, bloccando il costosissimo project financing del Centro Protonico di Mestre.

Quel dirigente scomodo che ha lavorato come medico a Bolzano, e che parrebbe saperne una più del diavolo. Pardon, di Zerzer.

Più caparbio del sistema nel candidarsi più volte, con le carte in regola, per il posto di direttore sanitario dell’Asl Alto Adige venendo escluso proprio per il mancato bilinguismo: cosa che stride con la leggerezza con cui oggi Zerzer chiede di poter assumere personale unicamente di lingua tedesca e con la quale parrebbe sorvolare sulle sue stesse presunte mancanze a livello di requisiti per accedere alla carica di dg.

Più competente nel dimostrare che il requisito che gli era costato l’esclusione non era indicato nel bando di selezione ufficiale per l’accesso al ruolo. Non così paziente nell’accettare tuttavia di essere informato solo dalla stampa e non dall’Azienda di un’ulteriore esclusione dalla successiva selezione.

La letterina

E torniamo alla missiva, presunta, che il presidente Kompatscher avrebbe spedito allo stesso indirizzo romano dal quale Zerzer è fuggito contrariato e deluso da presenze insidiose, contrattazioni assenti, possibilità sfumate.

Un atto politico in cui pare si chieda di ripristinare i rapporti caratterizzati da serena e leale collaborazione nel rispetto dei rispettivi ruoli istituzionali. Una rilevanza di rapporti che pare tuttavia valere solo in talune occasioni, ovvero quelle in cui non è necessario accordarsi preventivamente e in direzione contraria alla legge nazionale con le istituzioni austriache per la gestione dell’assetto sanitario territoriale.

Un atto politico che diventa indebito nel momento in cui si chiederebbe, se fosse confermato, il motivo della presenza del Gallo all’incontro ministeriale (nonché, tra le righe, la sua successiva esclusione dai prossimi eventuali), negando in quel frangente la titolarità di qualcuno nominato come tecnico dal sottosegretario alla Salute del governo italiano in qualità di esperto per le tematiche inerenti l’Alto Adige per il settore Sanità e in questa veste, invitato ufficialmente a presenziare all’incontro/confronto con i vertici della Sanità altoatesina.

Dire Gallo o dire Satana. Perché il dottore risulta ancora in causa con l’Azienda per un presunto caso di malasanità che costò la vita all’anziano padre, operato a Brunico nel 2013 e deceduto nove mesi dopo.

Oltre a presunte irregolarità sull’applicazione del consenso informato, la supercazzola sulla richiesta della cartella clinica del paziente, consegnata  nella sola lingua tedesca perché la traduzione, è stato detto, sarebbe stata troppo onerosa.

Ancora un caso di sovranità poco limitata in conflitto con le leggi dello Stato, che sappiamo, prescrivono esattamente il contrario.

Walther è solo, senza Dante.

 

Pubblicità
Pubblicità

L’impertinente

Suedtirol zuerst. STF: “Via il Commissariato del governo”. Ed è tradimento Lega

Pubblicato

-

Torna in auge l’antica iniziativa della Volkspartei di trasferire alla Provincia di Bolzano le competenze del Commissariato del governo in Alto Adige.

Una storia vecchia, quella della volontà di assorbimento del “prefetto” da parte provinciale, data l’approvazione all’unanimità, già nel 2014, di una mozione che avrebbe allora impegnato la Giunta ad avviare delle trattative con il governo di Roma in tal senso.

La mozione, questa volta di Sued Tiroler Freiheit, è stata votata a larga maggioranza con il supporto, a sorpresa ma non troppo, della Lega di Salvini. Astenuti solo i consiglieri Diego Nicolini del MoVimento 5 Stelle e Sandro Repetto del Partito Democratico.

Pubblicità
Pubblicità

E qui la faccenda assumerebbe toni grotteschi, dato che il supporto di voto a favore della destituzione della figura del prefetto in Alto Adige sarebbe stato dato proprio dal Carroccio.

Stiamo parlando del partito del “prima gli italiani”, anche se in campagna elettorale per le provinciali lo slogan non a caso si era teutonicamente trasformato in quel “Sudtirolo ai sudtirolesi“, corredato addirittura da errore grammaticale. Ma come si suol dire, a contare è sempre l’intenzione.

Stiamo parlando di quella Lega che, solo nell’azione di voto contro i poteri del commissario del governo, tradisce il mandato di una figura istituzionale che fa capo proprio al suo leader Matteo Salvini, in qualità di ministro dell’Interno.

Assente dall’aula solo l’assessore Massimo Bessone, ma la sostanza non cambia. La Lega vota contro i poteri dello Stato e la difesa dell’italianità in Alto Adige, come nell’occasione dei tagli contributivi alla cultura italiana. E questo dovrebbe bastare.

L’appoggio all’iniziativa di STF per l’abolizione di una istituzione che è garante a tutti gli effetti della politica nei confronti dell’intera comunità altoatesina e in particolare della minoranza italiana a livello territoriale non lascia molti dubbi sul rinnovo di uno “scendilettismo” che l’elettorato altoatesino di madrelingua italiana pensava fosse proprio solo del PD degli anni migliori, nel corso delle passate legislature provinciali.

Scendilettismo. Non avremmo mai voluto dover usare nei confronti della Lega, proprio noi della Voce, un termine che richiama quell’asservimento politico che da sempre caratterizza gli italici partner di giunta alla Corte della Stella alpina.

Il “carico da 20”.

A breve il commissario Cusumano è atteso in Consiglio per un’audizione perché “non ci sono garanzie per la lingua tedesca negli ambiti della vita pubblica” ha inoltre tuonato il leader STF Sven Knoll.

Knoll si riferisce a Sanità, uffici pubblici e documentazione pubblica in genere. Nel contenuto della mozione approvata, vi è infatti anche la richiesta di sanzioni da parte del commissariato del governo nel caso di violazioni nel diritto all’uso della propria madrelingua e di eventuali altre violazioni dell’obbligo di utilizzo della lingua tedesca nei diversi ambiti.

La Repubblica autonoma dell’Alto Adige è servita.

Forze dell’ordine che spesso rifiutano di esprimersi nella lingua del Walther, limite tale per cui “è necessaria l’istituzione di una polizia provinciale“, dice il consigliere provinciale della Svp Franz Locher.

Un sistema di digitalizzazione autonoma, ovvero autonomia digitale attraverso una norma di attuazione –  aggiunge il Landeshaptmann Kompatscher – garantendo comunque gli scambi dati con Roma (e ci mancherebbe ndr)”.

Il diritto ad esprimersi nella propria lingua, però, vale anche per l’italiano” affermano.

Ma eliminiamo le garanzie politiche per cui tutto questo possa concretizzarsi, come ad esempio la superflua figura del commissario del governo. A cosa servirà mai? Qui bastiamo noi. Quelli della Repubblica autonoma dell’Alto Adige“, sembra essere la traduzione.

Brutto affare per la Lega di Salvini, questo matrimonio politico conveniente solo a uno dei due coniugi istituzionali.

Brutto affare davvero se il prezzo del tanto agognato posto in giunta si traduce nella cessione della dignità politica e dei principi sui quali si fonda l’animus del partito, o sul tradimento della fiducia di un intero elettorato il quale, auspichiamo, conservi lunga memoria di quanto sta accadendo in questi mesi.

Brutto affare. Salvini intervenga.

 

 

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

L’impertinente

“Cara ministra ti scrivo”…

Pubblicato

-

 

Cara Ministra Grillo, chi ti scrive è il Direttore Generale dell’Azienda Sanitaria dell’Alto Adige Florian Zerzer, ultimamente frustrato e deluso perché non trova accoglienza presso di Lei…

Pubblicità
Pubblicità

E’ così che inizia (o dovrebbe iniziare) l’ultima epistola di marca Zerzer, l’ennesimo pianto greco, indirizzata al ministro della salute Giulia Grillo, nella quale il “divino” affetto dalla sindrome di Ponzio Pilato, declina ogni responsabilità sulla sciagurata gestione dell’azienda da lui guidata, additando a colpevole tale dott. Costantino Gallo.

Zerzer deve aver confuso il Ministro della Salute con il più classico “amico di penna”, quello che conosci in quei campeggi estivi adolescenziali e col quale stringi un forte legame di amicizia, di quelli resistenti anche alle distanze e al tempo.

Solamente che il nostro “letterataio seriale” non smette di mettersi in imbarazzo e, ancor più grave, di mettere in imbarazzo un’intera provincia con missive di proprio pugno, nelle quali si innalza a vittima di una sistematica denigrazione a mezzo social messa in atto dal “Dirigente Taglia Sprechi”, al secolo dott. Costantino Gallo.

La penna è più potente della spada, vero, ma quella di Zerzer più che una penna sembra una di quelle matitine che l’Ikea mette a disposizione dei clienti per appuntare misure e modelli, totalmente ininfluenti a qualunque scopo.

Dalla sua elevazione al soglio sanitario, il gradimento della gestione Zerzer non è mai stato così basso, tanto da attirare l’attenzione del ministero della Salute e le ire della politica locale. Nessuno prima aveva mai fatto peggio di Zerzer, ed in così poco tempo.

Eppure il dg imbraccia carta penna e calamaio e dichiara che l’attività denigratoria del dott. Gallo, si riflette negativamente sul buon andamento dell’attività dell’azienda sanitaria.

 

Vi prego, trattenetevi dal ridere.

Quindi se Zerzer riesce a peggiorare la situazione delle liste d’attesa per le prestazioni sanitarie, la colpa è del dott. Gallo perché avrà twittato le lamentele dell’utenza locale.

Se gli sportelli per l’accettazione delle prestazioni radiologiche sono chiusi è per colpa del dott. Gallo, non perché il personale è ammalato e non sanno con chi sostituirlo. Se i reparti ridimensionano i posti letto d’estate è colpa del dott. Gallo, non è colpa di una inadeguata programmazione delle ferie.

Se viene espulso un medico dall’Ordine dei medici è colpa del dott. Gallo, perché è lui che ha iscritto un medico all’Ordine senza la verifica dei requisiti della lingua nazionale ed è stato sempre lui ad assumerlo in azienda senza concorso. È colpa del dott. Gallo se il NAS dei Carabinieri rileva che suo papà (di Gallo) è stato operato senza l’indispensabile consenso informato, non dei medici che lo avevano in cura.

E di chi è la colpa che l’azienda sanitaria in diversi casi ha rilasciato cartelle cliniche in tedesco a pazienti di madrelingua italiana, contravvenendo alle stesse normative provinciali? Naturalmente il dott. Gallo, mentre guardava in silenzio i medici che le compilavano.

E chi ha assunto presso l’azienda sanitaria almeno una trentina di medici in pensione, di cui tre quasi ottantenni? Naturalmente il dott. Gallo, in preda ad una estasi assuntoria mentre il Direttore Zerzer ne stilava le relative delibere.

E chi è che ha affidato più incarichi con contratto d’opera ad uno stesso medico che ha il dono dell’ubiquità?

Senza parlare degli appalti di prestazioni sanitarie affidate ad agenzie interinali non iscritte all’Albo istituito presso il Ministero del Lavoro? Sempre lui, il dott. Gallo, utilizzando le piattaforme social di Tweet e di Facebook, perché come è risaputo, la vita istituzionale dell’azienda è regolata dal loro utilizzo.

Chi ha rinnovato il contratto a tutti quei primari (vedi il caso Regele) senza la relazione del Nucleo di Valutazione e del Collegio Tecnico, molti dei quali sono gli stessi che hanno denunciato il dott. Gallo? E addirittura, chi non ha ancora nominato il Nucleo di Valutazione ed il Collegio Tecnico?

Chi ha appaltato il servizio di copertura assicurativa per responsabilità civile dell’azienda di cui non si comprende bene la natura, le prestazioni che offre ed a chi è rivolta? Chi se non il dott. Gallo? Però nel frattempo la Guardia di Finanza e la Procura di Bolzano indagano i vertici sanitari proprio sugli argomenti precedentemente descritti, non indagano il dott. Gallo.

Ed allora caro Zerzero Ortis, perché inviare una lettera diffamatoria nei confronti del dott. Gallo auspicando ad un diretto intervento del Ministro?

E perché mettere in copia la dott.ssa Rossana Ugenti, direttore generale delle professioni sanitarie e delle risorse umane del Servizio Sanitario Nazionale?

Qual è il messaggio che tale messa in copia dovrebbe tacitamente trasmettere? Non ti basta lo stalking giudiziario messo in atto da una quarantina di medici con richieste di risarcimento? 

È così che vuoi risollevare il dissesto della tua azienda sanitaria, mettendo a tacere le voci di critica? Ma vuoi seriamente che per la prima volta nella storia della Repubblica, un ministro ti ci mandi?

Aspettate, c’è il dolce.

E chi ha nominato Florian Zerzer Direttore Generale, nonostante la falsa dichiarazione dei requisiti al concorso e il mancato possesso del corso di management sanitario? Il dott. Gallo? No, Arno “Geppetto” Kompatscher. La sola colpa di Gallo è stata di rendere pubblica tale illegittimità, come ha reso pubbliche tutte quelle sopra descritte.

 

pastedGraphic_1.png

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

L’impertinente

Sanità, l’Impero altoatesino scricchiola. Parla Costantino Gallo

Pubblicato

-

Pubbliche insinuazioni, accuse, sospetti di personalismi e persino querele per presunte diffamazioni. La banda trombettante delle giustificazioni ufficiali ha sfilato in gran stile fino a quando il lenzuolo candido della verità non si è steso davanti agli occhi della pubblica piazza: Costantino Gallo aveva ragione.

E non servono proclami di sorta se si guarda con attenzione all’impugnazione da parte del governo di Roma della Legge Omnibus provinciale (nel cui mirino ci sono soprattutto alcuni punti dei fallimentari tentativi di “autonormazione” e rattoppamenti vari del sistema sanitario altoatesino) o alla visita ministeriale con tanto di ispezioni dei Nas nei nosocomi altoatesini di Bolzano e Brunico, per comprendere la portata di una sola dichiarazione veritiera a fronte delle mille giustificazioni propagandistiche messe a punto dalla macchina istituzionale locale negli ultimi mesi.

Alla luce di quanto pubblicato dal nostro giornale attraverso la rubrica di inchiesta “Angolo di Bellerofonte” curata da Fabrizio Pollinzi e alcuni degli editoriali de “L’Impertinente”, che più volte hanno citato l’operato del dottor Gallo cercando di cogliere anche nella metodologia genialmente dissacrante della sua espressione il senso più autentico di ciò che veniva comunicato ai suoi lettori, oggi a parlare è proprio Gallo.

Pubblicità
Pubblicità

Scrive dunque al nostro giornale il dottore di Padova, direttore dell’Unità di ricerca Uosd dell’Università degli Studi di Padova e consulente tecnico ministeriale:

E’ giunto il momento di dare il nome alle cose, di guardare alla luna e non al dito che la indica, di andare alla sostanza e di non fermarsi alla forma.

Ma di che cosa? Ma rispetto a che cosa?

In questi anni ho fatto uso dell’ironia, del sarcasmo arrivando fino ad essere irriverente con l’unico scopo di evidenziare e denunciare sequele di abusi, di privilegi, di mancanza di responsabilità di fronte a quanto di più grande abbiamo: il bene comune!

Il senso di appartenenza ad una Nazione; il rispetto delle Leggi e sopratutto della Costituzione quale legge fondamentale dello Stato; l’attenzione ai bisogni di tutti e non di una parte.

L’Alto Adige come spazio geografico della Repubblica Italiana, le sue istituzioni ed in particolare il suo servizio sanitario sono da tempo oggetto delle mie attenzioni e segnalazioni per far emergere le vistose anomalie, volendo essere generosi nel definirle come tali, che non trovano alcuna legittimazione rispetto al “resto dello Stato”.

Ho portato alla luce disservizi, atti normativi e deliberativi carenti o privi di fondamento giuridico, carriere poco trasparenti, retribuzioni da paese dei balocchi.

Tutto questo fa a pugni con una certa mitologia, anzi la favola, della provincia pulita e ordinata che si vuol continuare a vendere e spendere sul mercato turistico.

Se l’Alto Adige ha indubbiamente le sue bellezze paesaggistiche e naturalistiche, le sue istituzioni e gli uomini che le esprimono non possono sentirsi autorizzati ad essere” legge a se stessi “.

Per questi motivi, oltre alle pubbliche segnalazioni, ho motivatamente denunciato alle competenti autorità dello stato ciò che “grida vendetta” e che da tanti, troppi, anni si finge di non voler vedere.

Che cosa mi muove e mi determina? Non ho, come i maliziosi adombrano, vendette da consumare.

Ho solo una costellazione di astri che mi guidano e determinano: la giustizia, il bene comune, il senso di appartenenza ad un unico stato, la guerra senza quartiere agli abusi…

Ma Gallo si fermerà o si stancherà? No! Volete sapere perché?

Per la semplice ragione che Gallo non è mosso da alcun interesse personale né economico né di carriera.

Quindi, mi sentirete ogni giorno ed ogni giorno vi dirò: “ Ci vedremo anche domani. Promesso”.

E noi de La Voce di Bolzano, come sempre, non facciamo fatica a credergli.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza