Connect with us

Società

Scuole guida e sentenza CGUE su IVA: possibili gli aumenti di prezzo per i servizi in corso?

Pubblicato

-

La Corte di Giustizia Europea ha di recente sentenziato che in Italia deve essere applicata, alla pari di quanto praticato negli altri Stati dell’Unione, l’IVA sulle prestazioni delle scuole guida con l’aliquota ordinaria del 22%. Sono parecchi i consumatori che ci stanno chiedendo lumi a riguardo, in quanto si chiedono quali potrebbero essere le ripercussioni sui loro contratti in essere.

La signora Sara ha contattato il CTCU di Bolzano, la cui figlia sta frequentando una scuola guida a Bolzano, e alla quale è stato prospettato un aumento del costo del corso inizialmente pattuito. La consumatrice vorrebbe ora sapere cosa prevede la legge a riguardo e quali sono le opzioni che ha a disposizione.

Prezzo concordato

Di norma, i contratti d’acquisto di beni o servizi sono da eseguire al “prezzo stabilito e concordato”. Eccezioni sono possibili soltanto se una specifica norma di legge (vedasi ad es. nel caso di modifiche unilaterali al costo dei conti bancari) o specifiche clausole contrattuali (ad es. molti servizi di telefonia mobile) prevedono esplicitamente che si possa ritoccare il prezzo; il termine tecnico usato è quello di “ius variandi”.

La situazione migliore (lato consumatori)

La miglior situazione in cui la consumatrice possa trovarsi è senz’altro quella di aver stipulato un contratto scritto con la scuola guida. Nel contratto si trovano chiare indicazioni e clausole riguardo a prezzi, prestazioni e possibili loro modifiche.

In questo caso, Sara può semplicemente controllare il contratto, per trovare risposta alle proprie domande. Ma anche in questo caso, riteniamo che un aumento di costo del servizio sia possibile solo laddove il prezzo sia stato indicato, ad esempio quale: “euro XX più IVA vigente”, oppure se nel contratto sia presente una specifica clausola che consenta di modificare, a posteriori, il prezzo.

Accordi verbali

Anche un contratto concluso “a voce” può essere valido. La legge, infatti, impone la forma scritta solo per determinati tipi di contratto (vedi ad es. l’acquisto di un immobile). Non ci risulta che sia prevista la forma scritta per la frequenza di corsi presso scuole guida per il conseguimento della patente. Anche in presenza di accordo verbale, le parti contrattuali sono quindi vincolate ai rispettivi obblighi, ma diventa molto più difficile provare cosa sia stato concordato esattamente.

Regolamenti esposti

Le condizioni generali di contratto potrebbero anche essere state esposte nei locali della scuola guida, e in tal caso si potrebbe supporre una loro “tacita” accettazione all’atto dell’iscrizione alla scuola. Lato consumatore, un simile modus operandi non lo consideriamo fra i più trasparenti, a meno che non venga provato che le scuole guida rimandino esplicitamente ai propri regolamenti, e che i loro clienti li abbiano, altrettanto esplicitamente, accettati.

Cosa fare se la scuola guida vi chiede un prezzo maggiorato?

Se la scuola guida dovesse richiedervi un pagamento superiore a quello inizialmente pattuito, chiedete innanzitutto che la richiesta vi venga inviata per iscritto. Carte alla mano, sarà poi più semplice esaminare la questione ed esporre le proprie controdeduzioni.

Risolvere il contratto

Risolvere unilateralmente un contratto in seguito ad un aumento richiesto dall’esercente non è un’opzione immune da possibili conseguenze legali negative per il consumatore. Al pari dell’esercente, anche i clienti hanno infatti degli obblighi contrattuali: l’esercente si era vincolato a prestare il servizio al prezzo “X”; i clienti si erano impegnati a pagare tale prezzo.

Se una delle parti viene meno al proprio obbligo contrattuale (se ad es. l’esercente si rifiuta di offrire ore di guida in quanto il cliente non vuole pagare la maggiorazione di prezzo richiesta), essa diviene inadempiente, e non è escluso che la cosa potrebbe comportare anche la richiesta di controparte di un risarcimento danni.

Il consiglio del Centro Tutela Consumatori e Utenti di Bolzano

Per quanto possibile, il CTCU consiglia di non trasformare la questione in una battaglia legale. Nel caso in cui, infatti, i termini dell’accordo originario siano poco chiari oppure difficili da provare, spetterebbe comunque ad un giudice stabilire quale parte abbia ragione; fondamentale è chiedersi “se il gioco (di una causa) valga la candela”.

Chi invece abbia concluso il corso di guida già da tempo, dovrebbe essere invece, in linea generale, al sicuro da eventuali richieste di pagamento postume da parte dell’esercente.

La legge riconosce, fra i diritti fondamentali dei consumatori, quello della correttezza, della trasparenza e dell’equità nei rapporti contrattuali. Se per una prestazione era stato concordato un determinato prezzo, questo deve poi valere. Che i gestori delle scuole guida cerchino una via d’uscita da questa situazione è comprensibile e anche giustificato; per noi, però, è altrettanto certo che a rimetterci non devono essere gli utenti finali” riassume il Direttore del CTCU, Walther Andreaus.

Società

Scuole Sicure: il “pullman azzurro” della Polizia di Stato arriva a Bolzano

Pubblicato

-

Accompagnati dagli insegnanti, questa mattina una delegazione di studenti, in rappresentanza di alcuni istituti scolastici di Bolzano, ha visitato il “Pullman Azzurro” della Polizia di Stato, posteggiato dinanzi al Commissariato del governo.

L’iniziativa “Scuole Sicure” punta a sensibilizzare i ragazzi sull’importanza del rispetto delle regole in materia di sicurezza stradale.

Il prefetto Vito Cusumano ha accompagnato i ragazzi nella visita del pullman, una sorta di aula scolastica multimediale itinerante dove il personale e gli operatori della Polizia Stradale diventano i maestri di sicurezza per i più giovani.

Ai ragazzi sono state proposte lezioni di sicurezza stradale a tema, filmati e immagini finalizzate a raccomandare il rispetto delle regole di sicurezza stradale in un modo innovativo e coinvolgente, evidenziando le gravi conseguenze che possono derivare dalla guida in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di sostanze stupefacenti.

Continua a leggere

Società

“AppleCare”: curare l’allergia al polline di betulla mangiando mele

Pubblicato

-

Una mela al giorno toglie il medico di torno”: recita un detto popolare, che ora una volta di più ha trovato fondamento scientifico.

Un team di ricerca interdisciplinare, guidato dal biologo molecolare del Centro di Sperimentazione Laimburg Thomas Letschka, ha sviluppato una terapia naturale per curare l’allergia al polline di betulla consumando mele.

Al progetto hanno partecipato anche il Reparto di Dermatologia dell’Azienda Sanitaria dell‘Alto Adige, l’Istituto di Chimica Organica dell’Università di Innsbruck, e il Reparto di Dermatologia, Venereologia e Allergologia dell’Università di Medicina Innsbruck.

Il 04.12.2019, presso il Centro Laimburg, è stata presentata per questa terapia al pubblico.

Durante l’evento una paziente, che da anni soffriva di allergia al polline di betulla, ha raccontato la sua esperienza con la terapia del progetto AppleCare.

Uno studio per evitare l’utilizzo di farmaci sintetici nella cura dell’allergia al polline di betulla “L’allergia è una reazione infiammatoria del sistema immunitario a una sostanza specifica — spiega Klaus Eisendle, primario del Reparto di Dermatologia all’ospedale di Bolzano — Al primo contatto, il corpo forma anticorpi contro questa sostanza e a ogni ulteriore esposizione se ne formano sempre più, fino a quando non si arriva a una reazione eccessiva del corpo, che si manifesta in genere in sintomi come gonfiore, arrossamento, stanchezza cronica etc.”

In Alto Adige, dal 20 al 25% della popolazione soffre di allergie.

I principali fattori scatenanti sono pollini, animali domestici o acari.

L’allergia al polline di betulla ha il suo picco tra marzo e aprile e colpisce una persona su cinque in Europa Centrale.

Ogni anno si registra un chiaro incremento di questa percentuale, anche nel Tirolo e in Alto Adige.

I sintomi più ricorrenti sono rinite e congiuntivite, prurito e lacrimazione, congestione nasale, affaticamento e mal di testa e possono manifestarsi da lievi a molto invalidanti.

Numerosi pazienti sono costretti a ricorrere a soluzioni farmacologiche per arginare i fastidi.

Per questa terapia di iposensibilizzazione all’allergia, i pazienti devono farsi iniettare l’allergene in forma di preparato sintetico per diversi anni al fine di abituare il proprio sistema immunitario.

Alla luce di questo scenario, l’obiettivo del progetto AppleCare era quello di sviluppare un’immunoterapia per la cura dell’allergia al polline di betulla.

In un’immunoterapia, viene somministrata al corpo la sostanza allergenica in piccole dosi, aumentandole gradualmente fino a quando il corpo non si è abituato e la sostanza non viene più riconosciuta come estranea”, afferma Bettina Nothegger dell’Università di Medicina Innsbruck.

Il punto di partenza del progetto è stato l’osservazione che coloro che soffrono di allergia al polline di betulla, presentano gli stessi sintomi anche mangiando mele.

Cross-allergie tra mela e polline Come funziona la terapia in pratica?

Per lo sviluppo dell’immunoterapia, il team di ricerca interdisciplinare ha sfruttato la somiglianza strutturale tra la proteina del polline di betulla che innesca la reazione allergica e una proteina correlata della mela.

In alcuni frutti come mele, pesche, ciliegie, in alcune verdure, quali ad esempio carote, sedano e finocchio e frutta secca, sono presenti proteine molto simili all’allergene del polline di betulla e che possono quindi scatenare i classici sintomi allergici.

Si tratta in questo caso di un’allergia crociata.

Infatti, l’allergene alla mela (Mal d1) e l’allergene ai pollini di betulla (Bet v1) sono difficilmente distinguibili l’uno dall’altro.

Questa somiglianza è stata esaminata nel progetto AppleCare per sviluppare una terapia naturale per curare l’allergia al polline di betulla.

Il principio di base della terapia è che con l’assunzione controllata di allergeni alle mele si può contrastare anche l’allergia al polline di betulla.

Quando un paziente ingerisce una piccola quantità di una certa varietà di mele, e quindi piccole quantità di allergene, il sistema immunitario viene “iposensibilizzato“, in altre parole, il corpo si abitua lentamente all’allergene e non risponde più in modo difensivo.

La “terapia delle mele”.

I ricercatori del progetto AppleCare hanno esaminato attentamente 23 varietà di mele per scoprire quali promettono i migliori risultati terapeutici.

Tra queste c’erano varietà disponibili in ogni supermercato, ma anche vecchie varietà locali che sono state dimenticate, e varietà a polpa rossa, l’ultima tendenza nel mondo delle mele.

Dopo sperimentazioni sia in laboratorio che in test clinici, sono state selezionate tre varietà adatte ad essere incluse nel protocollo terapeutico: la varietà a polpa rossa RM-1, conosciuta con il marchio Red Moon®, la varietà Cripps Pink, nota anche come Pink Lady® e la Golden Delicious.

La terapia naturale sviluppata nell’ambito del progetto prevede il consumo progressivo delle tre varietà in un ordine preciso, partendo dalla mela meno allergenica fino a quella più allergenica.

Il paziente dovrebbe iniziare a consumare delle piccole quantità della prima varietà, la RM1/Red Moon®, nel periodo da settembre a ottobre fino ad arrivare a mangiare una mela intera al giorno.

Successivamente passa alla varietà Cripps Pink/Pink Lady®, da consumare via via fino una al giorno da novembre a dicembre.

Infine, da gennaio in poi, per la durata di tutto il periodo dell’allergia e anche oltre, si consiglia di consumare una Golden Delicious al giorno, partendo anche in questo caso da piccole quantità dovessero insorgere sintomi o fastidi.

La Golden Delicious si è dimostrata essere una varietà altamente allergenica ma, una volta iposensibilizzato il corpo con le prime due fasi della terapia, anche i pazienti più sensibili dovrebbero tollerarla.

È importante continuare a mangiare mele quotidianamente anche a terapia terminata, in modo da mantenerne l’effetto“, sottolinea Bettina Nothegger dell’Università di Medicina Innsbruck.

Il nostro studio ha dimostrato che la terapia con le mele può portare a numerosi vantaggi per i pazienti allergici — dichiara Thomas Letschka, responsabile del settore Genomica Applicata e Biologia Molecolare del Centro di Sperimentazione Laimburg, nonché coordinatore del progetto AppleCare — Finalmente possono mangiare mele fresche, tollerano anche frutta e verdura che prima non potevano mangiare e, non ultimo, finalmente respirano liberamente in primavera”.

A confermare ciò, una paziente che per anni ha sofferto di allergia al polline di betulla, nonché a mele e altre verdure e, partecipando agli studi clinici della terapia a base di mele sviluppata del team di ricercatori, ha potuto notare sensibili miglioramenti.

È meraviglioso poter mordere di nuovo una mela dopo 15 anni senza provare alcun fastidio“, ha detto. “Inoltre, ho resistito molto meglio alla stagione dei pollini quest’anno e ho avuto molti meno problemi con la l’allergia da fieno. Sono contenta di questo successo terapeutico, raggiunto semplicemente mangiando mele.

La terapia non va intesa come sostituta di una dieta variata ed equilibrata e di uno stile di vita sano.

Si consiglia in ogni caso di sentire il parere del medico.

Il progetto AppleCare è stato finanziato dal Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale e da Interreg V-A Italia-Austria 2014–2020.

Il Centro di Sperimentazione Laimburg  è l’istituto di ricerca nel settore agroalimentare in Alto Adige e si occupa soprattutto di ricerca applicata diretta ad aumentare la competitività e la sostenibilità dell’agricoltura altoatesina per garantire la qualità dei prodotti agricoli.

Ogni anno, i 150 collaboratori del centro lavorano a 350 progetti e attività in tutti campi dell’agricoltura altoatesina, dalla frutticoltura e viticoltura fino all’agricoltura montana e alle tecnologie alimentari.

Il Centro di Sperimentazione Laimburg è stato fondato nel 1975 a Vadena nella Bassa Atesina.

Continua a leggere

TrovaTutto

Le rubano la 500 al parcheggio della stazione di Settequerce: “Aiutatemi a ritrovarla”

Pubblicato

-

“Mi hanno rubato la macchina, una Fiat 500L di colore rosso, targata EV546KC dal parcheggio della stazione di Settequerce, Terlano (BZ). Grazie per l’aiuto e per la condivisione”.

E’ questo l’appello accorato che Sara Donà ha affidato anche al suo profilo Facebook: l’auto è stata rubata nella notte tra il 2 e il 3 dicembre nella frazione del Comune di Terlano.

Chiedo a chiunque abbia volontà di aiutarmi la massima condivisione – scrive Sara al nostro giornale – . Ci sono delle tendine parasole, un passeggino, un seggiolino antiabbandono e altri oggetti personali. La macchina è riconoscibile dal particolare di una piccola rana verde attaccata sul cruscotto“.

Chi avvistasse l’automobile è pregato di rivolgersi ai carabinieri o di segnalarlo al nostro quotidiano.

Continua a leggere

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza