Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Le nostre storie

Senza cassa integrazione da mesi, una mamma bolzanina racconta: “La mia odissea per tirare avanti”

Pubblicato

-

Pubblicità


Pubblicità

La crisi dovuta all’emergenza Coronavirus ha colpito duramente l’Alto Adige: famiglie, singoli, mamme e papà soli con bambini e molte, troppe altre categorie, dai commercianti ai lavoratori dipendenti di realtà private fino ai piccoli e grandi imprenditori.

Ed è proprio di mamme sole che oggi andiamo a parlare attraverso una testimonianza che ben sintetizza il livello di disagio economico e sociale che l’emergenza sanitaria sta portando con sé durante tutto questo 2020.

Lei si chiama Maura, 43enne bolzanina di professione commessa. Vive sola con il suo bimbo di sei anni. Ferma da sei mesi a causa della cassa integrazione, non dispone di altre entrate e dipende unicamente dal contributo statale che la ‘potenza di fuoco’ del governo Conte aveva promesso di fare arrivare rapidamente a milioni di italiani tramite l’Inps.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

Ma è dalla metà di marzo, come del resto hanno avuto modo di sperimentare centinaia di migliaia di italiani, che l’Istituto nazionale di Previdenza Sociale latita o meglio, farebbe arrivare il sussidio con il contagocce. E’ proprio il caso di Maura che esasperata, oggi rende pubblica la sua testimonianza di donna e lavoratrice portata al limite delle proprie possibilità economiche.

Della somma complessiva che avrebbe dovuto incassare in sei mesi complessivi di cassa integrazione e uno stipendio che supera di poco i 1000 euro, la donna ha ricevuto solamente 1489 euro.

Cedolini alla mano, vi mostro come negli ultimi mesi io abbia dovuto arrancare con gli spiccioli per mantenere il bimbo e sostenere le spese per l’alloggio – ha detto sconfortata – . Il 19 giugno ho ricevuto la somma corrispondente al periodo che va dal 16 marzo al 30 aprile (1049 euro) e il 24 giugno 440 euro per il periodo 1-16 maggio. Mercoledì 28 ottobre è previsto invece l’arrivo del versamento che coprirebbe l’arco temporale che va dal 18 maggio al 20 giugno: solo 789 euro. Nel frattempo mi sono dovuta arrangiare come meglio potevo“.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

Uno scarto di ben 4 mesi sui versamenti e un bilancio molto triste: non contando l’ultimo acconto che arriverà solo il 28 ottobre, a conti fatti Maura, con buona pace dell’Inps, ha dovuto ‘tirare la carretta’ fino ad ora con meno di 300 euro al mese. Oltre al ritardo nei versamenti, pesa anche la quota persa sugli stipendi (che dall’Inps arriva in misura ridotta rispetto a quello che è lo stipendio originario).

Ho dovuto chiedere soldi in prestito non solo per comprare beni di prima necessità, ma anche per l’acquisto del materiale scolastico del bimbo che altrimenti non avrebbe potuto nemmeno cominciare l’anno – sottolinea – . Sono consapevole di non essere l’unica in questa situazione, ma ritengo inaccettabile il trattamento che l’Inps riserva ai cittadini, di fatto abbandonati in situazioni di forte disagio sociale ed economico. Spero che la mia testimonianza serva quantomeno a sollevare un dibattito sull’opportunità o meno di una protesta collettiva per la vergognosa situazione che si sta venendo a creare per l’intera collettività“, conclude Maura.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Val Pusteria4 settimane fa

Pannelli fotovoltaici da balcone per attutire il caro-bollette

Vita & Famiglia3 settimane fa

Peppa Pig. Pro Vita Famiglia: RAI non trasmetta episodio con “due mamme”

Bolzano3 settimane fa

Giorgia Meloni sabato pomeriggio a Bolzano

Alto Adige4 settimane fa

IPES, insostenibili per le famiglie gli importi delle spese condominiali richieste a partire da settembre

Italia ed estero3 settimane fa

Morta la regina Elisabetta, aveva 96 anni. Fine del regno più lungo della storia

Bolzano4 settimane fa

Benno Neumair in aula: tanta arroganza e poca chiarezza

Alto Adige3 settimane fa

Sanità: formati dodici nuovi medici di medicina generale

Merano4 settimane fa

Il Vice Questore aggiunto Carlo Casaburi è il nuovo dirigente del Commissariato di P.S. di Merano

Bolzano4 settimane fa

Bolzano, arrestato dalla Squadra Mobile un rapinatore seriale

Laives3 settimane fa

Tragico scontro auto – moto che prendono fuoco, due morti

Val Pusteria4 settimane fa

Incidente in moto nel tardo pomeriggio di ieri sulla strada tra Brunico e Falzes

Bolzano4 giorni fa

Bolzano, pessime condizioni igienico sanitarie e presenza di stupefacenti: disposta la chiusura del “Bar Ristoro Baccio” in via Milano

Bolzano3 settimane fa

Furto del monopattino elettrico, subito individuati dalla Polizia di Stato ladro e ricettatore

Alto Adige4 settimane fa

Percorre la corsia telepass in contromano al casello di Bolzano sud, fermato dalla Polizia Stradale

Bolzano3 settimane fa

Minacce di morte in una lettera anche ad Alessandro Urzì e Alessia Ambrosi

Archivi

Categorie

di tendenza