Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Alto Adige

Abusi: progetto diocesano per elaborare e prevenire

Pubblicato

-

Condividi questo articolo




Pubblicità

I vari step del progetto diocesanoIl coraggio di guardare” per elaborare e prevenire abusi e altre forme di violenza sono stati illustrati oggi (17 novembre) a Bolzano nel convegno annuale della Chiesa altoatesina. In primo piano l’ascolto delle persone che hanno subìto abusi e altre forme di violenza, poi il lavoro con due studi legali.

Il tradizionale convegno di novembre organizzato dal Servizio diocesano per la tutela dei minori e delle persone vulnerabili è stato dedicato quest’anno all’avvio del progetto diocesano “Il coraggio di guardare“.

Nel Centro pastorale a Bolzano sono state approfondite le prospettive di attuazione del percorso che si basa su tre fasi per affrontare gli abusi e le forme di violenza: chiarire, elaborare, prevenire. Il progetto si estende fino a giugno 2026, sviluppato in collaborazione con l’Istituto di antropologia della Pontificia Università Gregoriana.

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Con questo convegno la nostra diocesi lancia un chiaro segnale: affrontare i casi di abuso è uno dei compiti prioritari e pastorali della Chiesa. Come diocesi, continuiamo a sforzarci di assolvere questo compito con grande responsabilità”, ha detto il vescovo Ivo Muser in apertura. Si tratta, ha precisato monsignor Muser,di un cambiamento di mentalità di tipo culturale e strutturale. Ciò che è richiesto e incoraggiato è un atteggiamento cristiano consapevole e interiorizzato, che garantisca che la Chiesa sia in tutti i suoi ambiti un luogo sicuro per i minori e le persone vulnerabili.”

Al vescovo sta a cuore in primo luogo “che il maggior numero possibile di persone sia coinvolto in tutte le fasi necessarie. Sono abbastanza realista da rendermi conto che questo progetto incontrerà anche incertezze, preoccupazioni e riserve. Queste, insieme all’invito a guardare con coraggio e ad imparare dagli errori commessi, devono essere prese in seria considerazione.”

Il vescovo ha poi ampliato il discorso a tutta la società, “che è chiamata a tornare ai suoi valori di base, in modo da garantire concretamente i diritti fondamentali a tutte le persone, soprattutto ai bambini e ai giovani. È qui che la Chiesa e la società possono entrare in un nuovo dialogo, un dialogo così importante in questo ambito, soprattutto per le persone colpite.”

Pubblicità - La Voce di BolzanoPubblicità - La Voce di Bolzano

Il concetto dell’elaborazione dei casi parte da una visione per il futuro: la diocesi come luogo sicuro per i minori e le persone bisognose di tutela. Don Gottfried Ugolini, che presiede il gruppo direttivo incaricato del lavoro preparatorio, ha definito le caratteristiche centrali del progetto diocesano:L’ascolto dalla prospettiva delle persone coinvolte, l’indipendenza delle indagini, un approccio trasparente, la considerazione delle particolarità linguistiche e culturali del nostro territorio”.

Al convegno tre vittime di abusi hanno raccontato esperienze, preoccupazioni e desideri. Richard Kick, oggi presidente del Comitato consultivo delle vittime dell’arcidiocesi di Monaco, ha sottolineato l’importanza di ascoltare le persone colpite, di prenderle sul serio e di coinvolgerle come esperti nel processo di elaborazione.

I sopravvissuti devono essere considerati nel loro essere persone. Le ferite restano ferite“, ha detto nella sua testimonianza Roland Angerer di Stilves, che fa parte del gruppo direttivo insediato dal vescovo per accompagnare il progetto.

Alla diocesi ha chiesto di adottare un approccio ai casi che sia coraggioso e coerente e di attuare il progetto con forza e perseveranza, anche di fronte ai venti contrari. La terza persona colpita, Anna, è intervenuta solo in voce chiedendo un cambiamento nella Chiesa e nel modo in cui si rapporta con le persone ferite.

Il progetto triennaleIl coraggio di guardare ha come primo passo l’esame degli archivi diocesani. Questa verifica sarà svolta sotto la guida del rinomato studio legale Westpfahl-Spilker-Wastl di Monaco di Baviera in collaborazione con lo studio legale Kofler-Baumgartner-Kirchler & Partner di Brunico.

Su queste basi verranno raccolte informazioni sui casi di abuso tramite la compilazione di questionari e saranno intervistati testimoni dei fatti. I risultati verranno pubblicati e costituiranno la base per il lavoro di elaborazione e prevenzione.

Al convegno hanno partecipato circa 80 persone provenienti da organizzazioni ecclesiali e non, rappresentanti delle istituzioni, di magistratura e forze dell’ordine, a conferma che il problema degli abusi è un fenomeno sociale che riguarda non solo la Chiesa ma anche la società altoatesina nei diversi ambiti. Le informazioni sul progettoIl coraggio di guardaresono disponibili sulla homepage della diocesi al link www.bz-bx.net/it/coraggio-di-guardare.

NEWSLETTER

Alto Adige6 giorni fa

In fuga dalla giustizia si è rifugiato in montagna, ma è stato tradito dalla propria personalità

Bolzano3 settimane fa

Tifoso bolzanino istiga dei giovani alla violenza contro dei supporters albanesi. Scatta il daspo triennale

Bolzano2 settimane fa

Scoperto magazzino di droga a Bolzano: 42enne denunciato

Bolzano3 settimane fa

Ancora problemi per l’ordine pubblico e la sicurezza dei cittadini. Il questore chiude il bar Cristallo

Alto Adige3 settimane fa

Frana a Longiarù, Val Badia (Video) proseguono senza sosta i lavori per limitare i danni. Evacuate 56 abitazioni

Bolzano4 settimane fa

Casa e lavoro del domani: visione sinergica per progettare il futuro di Bolzano

Alto Adige3 settimane fa

Alto Adige flagellato dal maltempo, alberi abbattuti, grandine e forte vento

Italia ed estero3 settimane fa

Strage a La Mecca: almeno 800 morti tra i pellegrini durante l’Hajj: cosa è successo

Oltradige e Bassa Atesina3 settimane fa

Tragedia sui binari: donna investita e uccisa da un treno a Salorno

Sport3 settimane fa

Il Bolzano Baseball Club coglie la seconda vittoria sul campo amico

Alto Adige3 settimane fa

ConnX: La Rivoluzione della Mobilità Urbana Presentata da Leitner

Alto Adige2 settimane fa

Bolzano: 43 nuovi agenti rinforzano la Polizia di Stato

Bolzano3 settimane fa

Danneggia le autovetture in sosta in zone diverse della città e minaccia gli agenti

Politica4 settimane fa

La giunta regionale ha approvato il piano d’azione per il reinserimento sociale dei detenuti

Bolzano3 settimane fa

Magazzini pieni e poca liquidità: negozi altoatesini in difficoltà

Archivi

Categorie

più letti