Connect with us

Dillo a Noi

Autobus guasti a Bolzano, perché le rampe per disabili sono spesso rotte

Pubblicato

-

Varie ipotesi sul motivo per cui le rampe della Sasa si rompono di frequente, costringendo i disabili spesso a non poter usufruire del trasporto pubblico, sono state lanciate anche tramite social network negli ultimi giorni.

Una di queste è del lettore Claudio Grasso, che analogamente a quanto avevano già fatto alcuni esponenti di Casapound e della Lega tramite social e in consiglio comunale, ha  segnalato guasti e malfunzionamenti relativi ai mezzi pubblici cittadini.

Esiste, tra il resto, una specifica norma europea che prevede l’obbligo per le aziende di trasporto di predisporre con ogni strumento possibile l’agevole accesso ai mezzi di trasporto pubblico.

Pubblicità
Pubblicità

Il problema del mancato funzionamento delle rampe disabili sugli autobus del trasporto pubblico a Bolzano sembra ultimamente più marcato. Molto spesso si vedono arrivare in fermata autobus con un foglio di carta attaccato con il nastro isolante sul finestrino del posto guida, la cui scritta recita inequivocabilmente ‘RAMPA DISABILI GUASTA‘.

Parlando con alcuni autisti, prossimi alla pensione, sono riuscito a farmi raccontare la storia di queste rampe per la salita e la discesa di persone disabili in carrozzina. Gli autobus incriminati sono quelli più vetusti che supportano un modello di rampa ad estrazione da sotto il pianale.

Inizialmente però, al momento della loro entrata in servizio, questi autobus supportavano un modello di rampa ad estrazione meccanica. Il movimento della rampa era comandato direttamente dall’operatore dal posto guida. Ancora oggi si possono vedere i pulsanti di comando sulla plancia che regolavano l’estrazione automatica della rampa disabili.

Ogni mattina l’operatore a cui veniva assegnata la vettura aveva l’obbligo di provare il funzionamento della rampa stessa prima di uscire dal deposito. C’era infatti un modulo cartaceo detto ‘foglio corsa‘ in cui bisognava relazionare, barrando una casella con una crocetta, il corretto funzionamento della stessa. Poi, forse per una serie di malfunzionamenti o altro, i motorini elettrici sono stati smontati dalle vetture e le rampe sono state modificate e riconvertite per una estrazione manuale delle stesse“.

“Io non sono un tecnico – continua Grasso – ma alla luce delle rampe manuali installate sugli autobus di recente acquisto ( quelli dal 2013 di colore giallo ) che si aprono a ribalta, conosciute come rampe ‘a libro’, mi sono fatto alcune domande.

Alla luce dei frequenti malfunzionamenti delle rampe disabili a estrazione manuale è evidente che data la loro posizione sono soggette a raccogliere tutte le impurità del suolo ( polvere, acqua, neve, terriccio ) e quindi mi pare logico che per il loro corretto funzionamento abbisognerebbero di una manutenzione perlomeno settimanale ( pulizia degli ingranaggi e loro ingrassaggio o oliatura).

Tutta questa serie di operazioni comporta sicuramente un costo non indifferente e infatti tutti i nuovi autobus non supportano più questo modello di rampa.

Mi chiedo, ma non si poteva fare una modifica del pianale e installare direttamente delle rampe ‘a libro’? Forse l’analisi costi benefici sul momento ha fatto propendere per la prima soluzione: la riconversione. Ma sul lungo termine pare proprio che non sia stata una saggia decisione.

La seconda causa di malfunzionamento delle rampe ad estrazione è il fatto che sono soggette a storcersi e quindi non essendo più allineate sono di difficile estrazione o spesso l’operatore non riesce ad estrarle o solo a metà.

Pare che qualche operatore nel tentativo di estrarre la rampa, per consentire la salita di un disabile in carrozzina, si sia infortunato perché la rampa di difficile estrazione, forse incastrata, si è invece sbloccata all’improvviso e l’operatore oltre a cadere a terra, ha subito oltre alle contusioni anche un forte trauma muscolare.

Il problema delle rampe storte è imputabile principalmente alle carrozzine motorizzate (elettriche). I vari modelli disponibili sul mercato hanno pesi e portate molto differenti. Si va dai kg 74 di peso della carrozzina con una portata utile di kg 127 https://irp-cdn.multiscreensite.com/…/files/uploaded/FOX.pdf ai modelli più evoluti dove si parla di kg 125 di peso della carrozzina con una portata utile di kg 160 https://irp-cdn.multiscreensite.com/…/fil…/uploaded/KITE.pdf.

Le rampe disabili in uso presso l’azienda di trasporto pubblico locale di Bolzano hanno una portata massima di 350 kg, peso che è indicato in calce sulla stessa. Di solito non si rompono mai. Dicono.

A Bolzano ci sono molte fermate problematiche (marciapiede troppo stretto) per la salita e la discesa di persone disabili in carrozzina. Altre impossibili per l’assenza di un marciapiede (es. P.za Domenicani). La mancanza di spazio di manovra per la ridotta misura dei marciapiedi presso le fermate degli autobus, determina delle grosse problematiche.

Nonostante il bus si fermi a circa mezzo metro dalla cordonata per guadagnare spazio, una volta estratta la rampa la carrozzina che scende sulla rampa non riesce ad avere lo spazio sufficiente sul marciapiede e quindi le ruote motrici si trovano ancora sulla rampa stessa al momento dell’inizio della manovra di curvatura.

Dato il peso della carrozzina, compreso l’utilizzatore, determina un effetto di torsione sulla rampa. Questa torsione determina il non allineamento della rampa che non riesce più a rientrare all’interno della propria sede e quindi il bus rimane bloccato in fermata. O nei migliori casi, la rampa rientra ma in modo forzato ( a scarpate ).

Negli ultimi due anni, finalmente, il Comune di Bolzano che è anche socio azionario, insieme ai Comuni di Laives e Merano, si S.A.S.A. S.p.a. ha cominciato a sistemare alcune fermate. Le più riuscite sono la nuova fermata della Linea 5 in via Duca d’Aosta direzione centro città e le due fermate in v.le Europa, direzione centro e periferia, Passaggio W. Tobagi.

Ancora, Linea 7A, 7B, 14, fermata alla rotatoria di v. Castel Weinegg. Un po’ discutibile dato che la bandierina blu di fermata è stata installata sul palo della luce al centro della rotatoria, la pensilina sta ancora nella sua posizione originale e una parte del marciapiede è stata rettificata, ma si sono dimenticati la segnaletica orizzontale che indica il punto di sosta del bus.

L’elenco delle fermate problematiche, tra le quali alcune impossibili, è talmente lungo che non comincio neanche a scriverlo.

Fermo restando le condizioni di utilizzo del trasporto pubblico http://www.sasabz.it/…/sa…/area-clienti/dirittiviaggiatore/… mi chiedo: ma se dovessimo fare un’ispezione accurata in un giorno qualsiasi su tutti i mezzi in circolazione, quanti sarebbero quelli con un malfunzionamento delle rampe disabili o con le rampe già guaste, ma circolanti ?”.

Nella prima foto vediamo una rampa a libro, non soggetta a malfunzionamenti.

Nella seconda foto vediamo una rampa ad estrazione. Che abbia il motorino elettrico o che non lo abbia, e sia quindi manuale, è soggetta a rotture continue e a costose manutenzioni.

Nella terza foto vediamo un autobus con rampa bloccata. Il disabile deve rinunciare a salire. Naturalmente si trattava di rampa ad estrazione.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Archivi

  • Il mega – yacht a forma di cigno: la straordinaria opera futurista dell’industria navale italiana
    La sintesi tra i confini della tecnologia e i massimi livelli di design applicati alla nautica è stata svelata e prende il nome decisamente caratteristico di “Avanguardia”, il nuovo yacht che nei prossimi mesi si farà sicuramente notare nei mari di tutto il mondo. Quest’opera avveniristica dell’industria navale salta agli occhi per la sua inconfondibile forma […]
  • Pacchetti “antistress “ in hotel di lusso: giornate alla ricerca del benessere
    Alternare il lavoro con il riposo, mettendo in pausa la routine quotidiana aggiunge una diversione alla vita e permette la splendida occasione di fare esperienze insolite, conoscere luoghi, persone e sopratutto non avere un’agenda giornaliera. In una società iperattiva è quindi indispensabile la ricerca dell’equilibrio perduto anche solo attraverso esclusivi pacchetti antistress in hotel di […]
  • Un solo tavolo al ristorante stellato, l’elegante genialità della ristorazione
    Il meglio delle esperienze che Venezia possa offrire è racchiuso in un luogo dove la declinazione dell’esperienza sarà il miglior servizio. Un posto non convenzionale che può essere scelto solo da coloro che accettano di non porre condizioni. Con geniale eleganza, Il Ristorante “Oro” dell’hotel Cipriani a Venezia rinasce mettendo in luce un dettaglio unico […]
  • A Bologna l’economia circolare in edilizia diventa realtà: arriva il nuovo asfalto 100% riciclato
    Un’edilizia circolare sempre più sostenibile dal punto di vista ambientale risulta una strada imprescindibile per il futuro dello sviluppo economico. Il riciclo dei materiali promette infatti oltre ad una sensibile riduzione dei rifiuti e dell’inquinamento, anche un’ottima soluzione per ottimizzare costi e ricavi. In un simile contesto risulta fondamentale lavorare sulla ridefinizione del ciclo produttivo […]
  • Una notte tra le Dolomiti e le stelle a 2055 metri di quota
    A pochi chilometri da Cortina tra cieli sconfinati e cattedrali rocciose esiste una camera che regala l’insolita emozione di ritrovarsi a dormire avvolti dall’affascinante magia di un paesaggio unico al mondo. La starlight Room, inclusa tra i dieci hotel più spettacolari del mondo, si trova infatti sopra al rifugio Col Gallina a 2055 metri in […]
  • “Vuoi costruire una piscina di pregio ma non sai bene da dove iniziare?” Comincia da qui
    Immagina un angolo di vacanza nel tuo giardino o terrazza, uno spazio accogliente e riservato dove poter dimenticare i problemi quotidiani e immergerti in momenti di benessere e relax da solo o con i tuoi cari. Magari è da un po’ che ci pensi ma qualcosa ti frena. Domande del tipo: “Da dove inizio? Mi […]
  • L’idea di rifugio si evolve in sostenibilità, design e tradizione
    Il giusto equilibrio tra sostenibilità, design e tradizione prende forma grazie all’innovativo progetto di due architetti italiani che, reinterpretando l’idea tradizionale di rifugio hanno progettato e realizzato “ The Mountain Refuge”. Si tratta di una piccola capanna modulare dalla forma semplice e minimale che vuole rievocare l’archetipo tradizionale mediante composizioni innovative e contemporanee. La struttura […]
  • Lindt realizza il sogno di ogni bambino: apre in Svizzera la Home of Chocolate
    La Lindt Home of Chocolate, in italiano “Casa del Cioccolato“, avrebbe dovuto aprire le porte al pubblico lo scorso maggio ma, a causa della pandemia di Covid-19 che sta ancora affliggendo la popolazione mondiale, Lindt ha dovuto rimandare questo dolce e atteso appuntamento al 10 settembre 2020. Questa Casa del Cioccolato, situata nella sede di Lindt& Sprüngli […]
  • Internet supera i confini del deserto con 30 palloni aerostatici
    Dal mondo della tecnologia arriva il primo passo verso una società più equa. Il 4G supera i confini del deserto e arriva in Kenya grazie a 30 palloni aerostatici alimentati ad energia solare per garantire una copertura di rete a 14 contee keniote altrimenti isolate. L’iniziativa è frutto di un accordo tra la compagnia telefonica […]
  • Percorso Kneipp: concludere le vacanze in Trentino in totale relax
    La strana e tanto discussa estate 2020 sta per giungere al termine. E, se ci si trova in Trentino Alto-Adige, cosa si può fare per concludere al meglio la propria vacanza? Una delle tappe da non perdere è sicuramente il Percorso Kneipp, Centro situato in Val di Rabbi, per la precisione nella Frazione S. Bernardo. Il […]

Categorie

di tendenza