Connect with us

non solo informatica

Bitcoin, false interviste di vip vi invitano ad investire. Occhio alla truffa!

Pubblicato

-

Bitcoin Si o NO. Molti VIP vi invitano ad investire? Vi dico subito che è una truffa!

Trovate spesso link su Facebook, o su siti di quotidiani, che alcuni VIP hanno terrorizzato le banche rivelando il loro sistema di investimento che li ha resi molto più ricchi. Ne trovate ovunque e spesso vi rimandano a pagine che sembrano di un noto giornale, ma che in realtà sono false.

E’ ben vero che il Bitcoin sta andando benino in questo periodo e che dopo i minimi è tornato sui 10.000 dollari US  ma attenzione, questo era previsto da molto tempo, le fluttuazioni delle monete virtuali sono imprevedibili, più o meno.

Sicuramente gli analisti, che spesso sbagliano, ma qualche volta ci azzeccano, danno il valore del Bitcoin sui 15.000 $ come target finale, che è poi la cifra ipotizzata da molti dei creatori di criptovalute.

Ma torniamo agli annunci eclatanti dei VIP, e ne cito solo alcuni che ho trovato in rete: Flavio Briatore, Jovanotti Mahmood e molti altri che a detta di tali articoli hanno rivelato il loro segreto, cioè hanno investito in Bitcoin i loro capitali e li hanno centuplicati.

Ebbene torno a ripetere, questi articoli sono assolutamente falsi. Ora, se uno ha un attimo di senno potrebbe fare il seguente ragionamento: se io sono già ricco, rischio tutto il mio capitale per diventare più ricco o in alternativa perdere tutto?

La solita raccomandazione è di non farsi illudere da promesse di enormi guadagni con minimi investimenti, se vi chiedeno solo 250€ e vi promettono migliaia di euro dopo pochi mesi diffidate, usate la testa, questi truffatori sono gli unici a guadagnare.

Fate quindi 2 conti, se ci cascano 10.000 persone in italia, e la cifra non è così irrealistica, hanno guadagnato bene Ii truffatori.

Se volete seriamente investire in Bitcoin, trovate un trader autorizzato e serio, investite una parte minima del vostro capitale e in bocca al lupo.

Sempre a disposizione,

Ludwig Boltzmann

non solo informatica

Software: perchè usare un originale anziché uno copiato?  

Pubblicato

-

Molto spesso mi arrivano clienti a cui il pc non funziona più, o funziona lentissimo e non fa gli aggiornamenti: la prima cosa che controllo è se il sistema operativo (parliamo del mondo Windows) è originale oppure no.

Nel 99% dei casi è un software copiato (piratato).

Ora, a parte le considerazioni deontologiche, utilizzare un software pirata è sempre comunque equivalente a commettere un reato, e giustamente Microsoft si tutela in ogni modo dalle copie, anche se di fatto su 100 pc un buon 40% risulta contenere software piratati (statistica riferita al 2017).

Per un privato il problema legale non si pone, poiché è difficile da scoprirsi, ma il drammatico è che mi arrivano pc aziendali con software piratati, e li il problema è grave.

Esistono sistemi per far credere a Microsoft che la copia sia autentica, ma di sicuro non sarò io a dirvi di farlo o come fare.

Inoltre in un’azienda, in caso di un controllo, per la verità molto raro, sono necessarie le prove documentali dell’acquisto delle licenze, le fatture per essere chiari e si rischiano sanzioni non indifferenti.

Uno dei software tra i più copiati dopo Windows è sicuramente Autocad, a causa dell’elevato costo di una licenza.

Io sconsiglio in ogni caso a chiunque di utilizzare software pirata perché ci sono valide alternative gratuite.

Non voglio dire che dovete imparare ad usare un sistema Linux, anche se non sarebbe male o anche Ubuntu che è oramai facilissimo da usare (anche se non comodissimo per alcune applicazioni), potete però usare programmi con cosiddetta licenza Open source, il software libero, che ha raggiunto e talvolta superato i prodotti commerciali.

Un esempio per tutti è Libre Office.

I vantaggi di usare un software originale o libero sono molti, e io non sono pagato dai produttori, ma dato che ci lavoro e quindi ci vivo con i pc, l’affidabilità di un sistema stabile è fondamentale.

 

Alla prossima,

Ludwig Boltzmann

 

Continua a leggere

non solo informatica

Amazon Echo (Alexa). Cos’è e a cosa serve?

Pubblicato

-

Siamo tempestati da pubblicità di questo strano coso che ci parla e può fare molte cose, ma cosè Amazon echo e chi è Alexa?

Diciamo che a livello hardware è un dispositivo che contiene un altoparlante, un microfono e si collega ad internet.

Alexa è un programma di sintesi vocale che risiede in un Cloud (letteralmente nuvola), ma trattasi di un server remoto di internet.

Detto questo, a cosa serve?

A livello psicologico forse potrebbe essere utile ai single a sentirsi meno soli, ma seriamente è un’interfaccia vocale a numerosi servizi di internet e se possedete una casa fortemente domotica, potrete interagire con i comandi vocali.

Ovviamente deve avere una connessione stabile e possibilmente veloce a internet, dopodiché molte funzioni sono disponibili gratuitamente, ma molte altre sono a pagamento.

Non pensiate che potrete scaricare gratis tutta la musica che volete, no, non funziona così.

Da quello che sono i dati di vendita nel mondo dei vari dispositivi echo, giunti alla seconda generazione, si può affermare che sia sicuramente un grande successo commerciale.

La sua utilità è soggettiva, ci sono persone che non ne potrebbero più fare a meno e altre che sinceramente proprio non saprebbero che farsene.

Io lo vedo, se implementato con i giusti protocolli, come un qualcosa che potrebbe rivelarsi molto utile per persone anziane.

In caso di malore ad esempio, oppure in caso di una caduta, vedrei bene un’integrazione con un dispositivo Wi-Fi per la segnalazione immediata ai soccorsi.

Probabilmente qualcosa si sta già muovendo in questa direzione, o almeno me lo auguro.

In ultima analisi, visto il costo non proibitivo, a chi può essere interessato lo consiglio, al massimo è un’ottima sveglia e una buona radio.

Sempre a disposizione per coloro che hanno argomenti da proporre.

A presto

Ludwig Boltzmann

Continua a leggere

non solo informatica

Parliamo di Hardware: pc nuovo che dopo poco diventa lentissimo. Che fare?

Pubblicato

-

Nella mia carriera ho perso il conto di quanti clienti si sono rivolti alla mia azienda dicendo che il pc è nuovo, all’inizio era velocissimo ma dopo pochi (?) mesi è diventato lento.

Ora il concetto di pochi mesi per il cliente differisce notevolmente da chi è nel settore, basti dire che i modelli di pc che trovate oggi nei negozi sono già superati dall’evoluzione tecnologica dell’hardware.

Il problema della lentezza dei pc dopo un certo tempo è noto e normalmente un tecnico del settore sa immediamente quali sono le cause principali. Proverò a citarne alcune delle più frequenti.

Parliamo di sistemi basati su sistema operativo Windows, perché per Apple o il mondo Linux le cose differiscono notevolmente.

In primo luogo un problema è sicuramente la quantità di programmi caricati in esecuzione automatica all’avvio: spesso infatti ho trovato miriadi di programmi inutili o non fondamentali, che dovevano essere caricati all’avvio del pc.

Altro problema significativo è la quantità di memoria fisica che il pc possiede. Oggi Windows 10 sotto gli 8 GB di RAM fa fatica, ma questo sarebbe un problema anche facilmente risolvibile senza dover incrementare la memoria, rinunciando a qualche programma inutile.

Poi ci sono le tracce della navigazione passata: se periodicamente non viene eseguita la pulizia della cache del browser (e qui devo spiegare cos’è), la navigazione sarà più lenta: quando si naviga in internet il nostro browser (Edge, Chome, etc) memorizza di tutto, pagine, cronologia, i famigerati biscottini (cookies) e molto altro, questo se da un lato può essere comodo, dall’altro penalizza l’uso del pc rallentando e non di poco le prestazioni.

Se non siete capaci di svuotare questa memoria, esistono programmi validi anche gratuiti, ma che bisogna usare con attenzione. Se svuotate troppo potreste perdere eventuali password memorizzate e, nella maggioranza dei casi, che non vi ricorderete.

Se invece il vostro pc nuovo in realtà ha qualche anno, le soluzioni sono costose, ma mai come sostituirlo.

Si può ad esempio aumentare la memoria RAM, si può sostituire il disco fisso (Hard disk) con uno a tecnologia solida SSD e non meccanico, e qui mi fermerei perchè andare oltre non si avrebbero più un buon rapporto costi/benefici.

Inoltre bisogna considerare i costi del tecnico che farà l’intervento, possibilmente dopo aver verificato le compatibilità del nuovo hardware, che clonera il disco e molto altro.

Il fai da te in questo caso mi sento di sconsigliarlo vivamente, anche se pensate di avere le competenze, errori ne fanno anche i professionisti.

Sempre a disposizione per coloro che hanno argomenti da proporre.

A presto, Ludwig Boltzmann.

Continua a leggere

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza