Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Società

Bonus idrico: cittadini altoatesini esclusi dai benefit previsti a livello nazionale?

Pubblicato

-

Il caso sembra tanto assurdo da parere inventato.

L’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA) comunica ad una cittadina di Bolzano che, dato che aveva i requisiti per beneficiare dei bonus energia elettrica e gas, al prossimo rinnovo poteva integrare tale domanda per ricevere anche il bonus idrico.

Questo bonus, introdotto e definito da norme nazionali, prevede che, ad esempio, una famiglia in situazione di disagio economico con 4 componenti non debba pagare i primi 73 metri cubi di acqua, che corrisponde a un diritto essenziale.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

La signora, la cui situazione economica non era delle migliori, era piacevolmente sorpresa: se è vero che un metro cubo d’acqua dei primi consumati costa all’incirca 30 centesimi, anche questo bonus sarebbe stato il benvenuto.

Recatasi al Centro Civico competente per fare la domanda (come indicato da Arera nella comunicazione), la signora però incorre in un ostacolo inaspettato.

Le viene riferito che il Comune di Bolzano semplicemente non accetta le domande per questo bonus: dato che il Comune non lo avrebbe mai deliberato, non ha la minima intenzione di fare quanto previsto dalla legge per permettere l’erogazione del bonus alla Consumatrice.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

La signora è, a ragione, alterata.

Com’è possibile che l’Autorità parli di un bonus spettante che il Comune, o meglio SEAB per lui, poi non eroga?

Si è pertanto rivolta agli sportelli del Centro Tutela Consumatori Utenti per ricevere consigli e aiuto.

Con il sostegno del CTCU è stato intimato a SEAB, che su incarico del Comune gestisce il servizio di ‘acqua potabile, di elargire il bonus, ma la risposta non c’è mai stata: un silenzio tanto assordante quanto imbarazzante.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

In Alto Adige, a quanto ci è dato capire, secondo l’interpretazione dei Comuni, la legge nazionale non si applicherebbe, in quanto vi è un Decreto del Presidente della Giunta Provinciale del 2017 per il settore.

Nel regolamento collegato si legge che: “Nel regolamento tariffario del Comune si può tenere conto dei casi di particolare rilevanza sociale e prevedere i criteri per l’esenzione o per la riduzione della tariffa.” ‘

Si può, appunto, ma non si ‘deve‘, sempre secondo il Comune.

Per il CTCU questo ragionamento non tiene: „Il bonus idrico nazionale è una misura posta in essere dallo Stato, sul cui vincolo di applicazione non bisogna nemmeno discutere. Se i Comuni vogliano poi, nell’ambito del DPGP, prevedere ulteriori misure a favore delle famiglie, sono assolutamente liberi di farlo. Ma che tale decreto funga da legittimazione per non elargire il bonus ai cittadini più bisognosi è da escludere nel modo più assoluto” commenta il Direttore Walther Andreaus.

Visto che l’intimazione al Comune ad adempiere ai propri obblighi e quella a SEAB di pagare il bonus sono risultate infruttuose ed inascoltate, la Consumatrice, sempre con l’appoggio del CTCU ha deciso di non rinunciare a quello che è un suo diritto e di sottoporre la questione all’Autorità Giudiziaria, affinché vengano vagliati tutti gli aspetti rilevanti della vicenda, non esclusi eventualmente anche quelli penali.

Una disposizione del Codice Penale prevede che una pubblica amministrazione che rifiuti o non compia un atto del proprio ufficio previsto dalla legge, debba, se le viene richiesto, quantomeno spiegare entro 30 giorni il motivo del ritardo o del mancato compimento degli atti per non incorrere in responsabilità penali.

Nel frattempo, dal CTCU ripetiamo la richiesta fatta ai Comuni un anno fa, richiesta rimasta senza cenno di riscontro alcuno.

I Comuni devono finalmente approntare le procedure per la gestione del bonus idrico, senza se e senza ma.

Fino ad allora porteremo in campo ogni strumento per garantire alle famiglie in condizioni di disagio economico il loro diritto a ricevere questo bonus. Nella proposta di Direttiva sull’acqua potabile della Commissione Europa si legge che “l’accesso all’acqua potabile sicura è inestricabilmente legato al diritto alla vita ed alla dignità umana, secondo la Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea” – anche in quest’ottica i Comuni farebbero bene a muoversi quanto prima, piuttosto che negare diritti propri ai loro cittadini in difficoltà.

Nell’elargire il bonus dovrebbero poi scattare gli automatismi citati da ARERA” commentano dal CTCU.

“Questo tentativo di sminuire diritti previsti dal legislatore nazionale sotto il paravento della competenza legislativa in materia va fermato quanto prima, dato che crea disparità di trattamento inaccettabili.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Alto Adige2 ore fa

Guardia di Finanza e Protezione civile rafforzano la collaborazione, il bilancio di questa sinergia

Merano2 ore fa

Gli studenti dell’istituto meranese «Cesare Ritz» premiati per il loro impegno sul tema della sicurezza stradale

Alto Adige2 ore fa

Riorganizzazione servizio autobus: conclusa la consegna dei bus SAD

Alto Adige2 ore fa

Alto Adige sui pedali: presentato il Piano della mobilità ciclistica

Alto Adige3 ore fa

Giornate della sostenibilità 2022. Kompatscher: «Creare consapevolezza culturale»

Bolzano3 ore fa

Nuovo museo Otzi, Urzì: No alla demolizione del porticato, Caramaschi superficiale, Bessone fuori luogo

Bolzano3 ore fa

Ultima conferenza di servizio dei dirigenti della scuola italiana e saluto ai dirigenti pensionandi

Merano4 ore fa

Merano: controlli straordinari della Polizia di Stato, identificate oltre cinquanta persone

Alto Adige5 ore fa

Coronavirus: 5 casi positivi da PCR e 113 test antigenici positivi, due decessi

Ambiente Natura7 ore fa

Ambiente, accordo Niederstätter-Nova Levante: i mezzi elettrici contribuiscono a far rinascere la foresta distrutta da Vaia

Italia ed estero7 ore fa

L’Unione Europea fa affidamento sui prodotti durevoli: il diritto alla riparazione

Alto Adige8 ore fa

Giornata del sollievo, Seminario del Papavero: «Non ci siamo mai fermati»

Alto Adige8 ore fa

Euregio Sport Camp: iscrizioni al 2° turno al via lunedì 30 maggio

Alto Adige8 ore fa

Incendio in una segheria a Nova Ponente: intervengono prontamente i vigili del fuoco

Alto Adige9 ore fa

Incidente sul lavoro, travolto dal suo trattore: è morto Remo Rossi a 64 anni

Bolzano3 settimane fa

Bolzano, alla fermata dell’autobus trovato il corpo senza vita di un 60enne

Alto Adige4 settimane fa

Coronavirus: 8 casi positivi da PCR e 124 test antigenici positivi

Alto Adige3 settimane fa

Coronavirus: 45 casi positivi da PCR e 496 test antigenici positivi

Bolzano3 settimane fa

Il Lido di Bolzano riapre al pubblico sabato 21 maggio: tariffe invariate

Bolzano2 settimane fa

Eroina e kit per lo spaccio: coppia arrestata a Don Bosco dalla Polizia

Merano3 settimane fa

Referendum abrogativi popolari del 12 giugno 2022

Sport3 settimane fa

Biglietti FC Südtirol – Modena. Le modalità di acquisto dei ticket per gara-3 della Supercoppa di Serie C 2022

Alto Adige2 settimane fa

Bolzano: controlli della Polizia di Stato nel capoluogo, un denunciato per detenzione di cocaina e due espulsioni

Musica4 settimane fa

Bolzano Festival Bozen 2022 «Musica senza confini»

Bolzano3 settimane fa

Bolzano, sgomberato uno stabile in disuso: tunisino aggredisce 4 agenti, arrestato

Alto Adige2 settimane fa

Coronavirus: tre i nuovi decessi, inoltre14 casi positivi da PCR e 536 test antigenici positivi

Benessere e Salute4 settimane fa

Come avviene un richiamo di prodotti alimentari? Mangiare, bere ed altre delizie: lo sapevate che…?

Società4 settimane fa

Anziani: Deeg ha incontrato il direttivo dell’Associazione pensionati

Vita & Famiglia3 settimane fa

DDL Zan. Coghe, Pro Vita Famiglia: emergenza omofobia è fake news

Italia ed estero3 settimane fa

Politica energetica: energia solare invece di armamenti militari

Archivi

Categorie

di tendenza