Connect with us

Alto Adige

Caserma Mercanti di Appiano: ok all’intesa con lo Stato per Carabinieri e protezione civile

Pubblicato

-

La Giunta provinciale ha autorizzato oggi (12 marzo) il presidente della Provincia Arno Kompatscher a firmare il protocollo d’intesa per l’ex caserma Mercanti di Appiano.

L’accordo regola i rapporti fra Stato e Provincia rispetto all’utilizzo di 1,6 ettari dell’area, parte dei 6,5 complessivi su cui si estende l’intero areale militare.

Entro fine marzo il direttore nazionale dell’Agenzia del Demanio Riccardo Carpino, il presidente Kompatscher per la Provincia di Bolzano, il Commissariato del Governo di Bolzano e il Comune di Appiano firmeranno il protocollo d’intesa. Potranno poi partire le procedure propedeutiche al riutilizzo dell’area.

Pubblicità
Pubblicità

L’area di 1,6 ettari oggetto del protocollo sono attualmente di proprietà dello Stato, che intende realizzarvi la nuova caserma dei carabinieri di Appiano.

L’accordo prevede che la struttura venga realizzata dalla Provincia di Bolzano (Ripartizione edilizia) con un investimento di 5.480.000 euro. In cambio lo Stato cederà alla Provincia una superficie di pari valore, ossia circa 1,6 ettari.

Parte di questa superficie verrà ceduta dalla Provincia al Comune di Appiano, che vi realizzerà la nuova sede della Protezione civile (caserma dei vigili del fuoco e soccorso alpino) e un’area di espansione della vicina zona produttiva. In questo modo si restituisce alla comunità locale un bene pubblico prezioso non più utilizzato dallo Stato.

La collettività recupera così 1,6 ettari di superficie edificabile in una zona di valore strategico, consentendo di ampliare la zona produttiva senza consumare verde agricolo.

La firma del protocollo d’intesa è il frutto di una collaborazione riuscita che valorizza il territorio. Grazie all’accordo fra tutte le parti, civili e militari, siamo oggi in grado di raccogliere risultati concreti a vantaggio della collettività” ha sottolineato Arno Kompatscher.

Pubblicità
Pubblicità

Alto Adige

Doveva scontare due anni per reati di prostituzione minorile: rumeno arrestato a Brennero

Pubblicato

-

Nella serata di ieri, nel corso di alcuni controlli alla barriera autostradale di Vipiteno, gli agenti della Polizia di Brennero hanno fermato un’auto con targa tedesca guidata da un cittadino rumeno di 44 anni, residente in Germania.

Dopo alcune verifiche è stato accertato che l’uomo risultava destinatario di un’ordine di carcerazione emesso nel 2014 dalla Procura di Reggio Calabria, con una pena da espiare di 2 anni e 10 mesi di reclusione, per i reati di concorso aggravato in sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione minorile  e di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, commessi ed accertati a Reggio Calabria nel novembre del 2006.

Pertanto il cittadino romeno è stato arrestato e portato in carcere a Bolzano.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Alto Adige

Il satellite “Max Valier Sat” in orbita da due anni

Pubblicato

-

Esattamente due anni e un giorno fa – il 23 giugno 2017 – è stato lanciato in orbita il satellite Max Valier Sat, il primo satellite altoatesino. In collaborazione con l’impresa di tecnologie spaziali OHB con sede a Brema e il Max-Plank-Institut per la Fisica extraterrestre di Garching gli studenti e gli insegnanti dell’Istituto Tecnologico in lingua tedesca Max Valier di Bolzano hanno costruito il satellite.

Hanno sviluppato l’elettronica per l’alimentazione energetica, il sistema di guida del satellite e gli algoritmi per determinarne e modificarne la posizione, affinché i pannelli solari che ne garantiscono l’alimentazione siano sempre orientati verso il sole. Anche una parte dell’armatura in alluminio è stata realizzata dagli studenti stessi.

“A due anni dal lancio possiamo affermare con grande soddisfazione che tutto ciò che è stato sviluppato dalla scuola funziona ancora oggi. Il radiofaro del satellite invia segnali ancora oggi senza problemi” chiarisce la direttrice dell’Istituto tecnico Barbara Willimek.

Pubblicità
Pubblicità

Il satellite Max Valier Sat con il codice identificativo II3MV segue un’orbita polare dalle quattro alle sei volte al giorno sorvolando qualsiasi punto della Terra. Grazie alla sua potenza di trasmissione di 500 mW, il radiofaro può essere ricevuto con una semplice radio portatile.

Con mezzi molto semplici quindi, vale a dire una radio palmare o un sistema di ricezione SDR, qualsiasi insegnante sulla Terra potrebbe consentire ai propri studenti l’ascolto dei segnali trasmessi dai satelliti in transito, fanno sapere dall’Istituto Max Valier.

L’attuale posizione del satellite si trova cercando su internet la formula “N2YO 42778”. Ulteriori informazioni sono reperibili sul sito del satellite. Qui è riportato anche un indirizzo mail tramite il quale si può ottenere un permesso ufficiale alla ricezione (QSL-Karte).

“Finora abbiamo ricevuto innumerevoli richieste dall’Argentina al Canada, dal Giappone al Kazakistan” ha sottolineato Willimek. Molti radioamatori finora hanno documentato le proprie ricezioni tramite video pubblicati su Youtube, che si possono visionare cercando la parola chiave Max Valier Sat.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Alto Adige

Prima edizione per le gare dei giovani vigili del fuoco dal 28 giugno

Pubblicato

-

Oltre 3.000 giovani vigili del fuoco provenienti da Tirolo, Alto Adige, Trentino e Baviera prenderanno parte, dal 28 al 30 giugno 2019 a Telfs in Tirolo, la prima edizione delle “Gare di rendimento per gruppi giovanili dei vigili del fuoco delle regioni alpine”.

Sotto la regia della Federazione dei vigili del fuoco del Tirolo in collaborazione con quelle dell’Alto Adige e del Trentino, nonché dell’Euregio, per la prima volta si terrà un’edizione delle “Gare di rendimento per gruppi giovanili dei vigili del fuoco delle regioni alpine”. La cerimonia conclusiva con premiazione dei vincitori si terrà

sabato 29 giugno alle 18 a Telfs con la partecipazione dei tre presidenti dell’Alto Adige Arno Kompatscher, del Tirolo Günther Platter e del Trentino Maurizio Fugatti.

Pubblicità
Pubblicità

I preparativi per le gare

I preparativi sono già iniziati. Oltre alla competizione verrà organizzato un grande campo-tenda e molte attività ricreative per tutti i giovani che parteciperanno. Numerosi membri dei vigili del fuoco volontari di tutti i distretti del Tirolo collaborano per organizzare al meglio questo evento. L’obiettivo degli organizzatori è quello di far vivere ai ragazzi un weekend indimenticabile, il motto dell’evento sará “Unione Gaudi Amicizia”.

Le regole della competizione

Alle gare di rendimento una squadra (composta da 9 membri) dovrà misurarsi in due diverse discipline. La prima parte consiste in un percorso ad ostacoli dove i membri della squadra dovranno stendere una linea antincendio e simulare uno spegnimento con una pompa a mano, dovranno inoltre mostrare le loro conoscenze sui nodi e sulle attrezzature utilizzate dai vigili del fuoco.

La seconda parte prevede una staffetta di 400 metri, i concorrenti dovranno correre lungo il tracciato dove troveranno degli ostacoli da superare portando con sé una lancia antincendio che fungerà da testimone e verrà passata di concorrente in concorrente.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza