Connect with us

Economia e Finanza

Costruzioni, spaventa l’aumento dei costi delle materie prime. CNA: “No alle speculazioni sui prezzi”

Pubblicato

-

Gli interventi per la riqualificazione del patrimonio immobiliare, e in particolare il Superbonus 110%, stanno aiutando il settore delle costruzioni a risollevarsi da una crisi che dura dal 2008 e l’emergenza sanitaria ha in parte accentuato. Ma su questa ripresina pende una sorta di ‘spada di Damocle’: la fiammata delle materie prime. Un effetto – temono le imprese, anche quelle altoatesine e trentine – che potrebbe addirittura ridurre la portata espansiva delle agevolazioni.

A rilevarlo una indagine condotta dal Centro studi della CNA, dedicata a “La ripresa del settore delle costruzioni tra agevolazioni e aumenti delle materie prime”, cui ha partecipato un campione rappresentativo di imprese artigiane, micro e piccole della filiera, che operano nei comparti della installazione di impianti, dell’edilizia, dei serramenti. CNA Trentino Alto Adige non nasconde le preoccupazioni per l’impatto territoriale.

Il 57% delle imprese – si evince dallo studio – assicura che l’introduzione delle misure agevolative a favore della filiera delle costruzioni sta avendo un impatto positivo sulla propria attività. Con picchi del 65,9% nel comparto dei serramenti (contro il 56,3% dell’installazione e il 55,4% dell’edilizia) e del 64,2% nelle imprese con oltre dieci dipendenti a fronte di un 56% nelle imprese fino a dieci addetti.

Pubblicità
Pubblicità

Oltre a dare un impulso alla domanda nella filiera delle costruzioni, gli incentivi stanno avendo un effetto benefico anche sulla organizzazione delle imprese, mettendole nelle condizioni di accrescere competenze e “catalogo”. In particolare, il 33,7% ha ampliato il ventaglio dell’offerta di lavori e servizi, adeguandola agli interventi sostenuti; il 27,8% ha assunto nuovo personale; il 23,3% sta sperimentando nuovi fornitori.

Questo scenario vede addensarsi all’orizzonte – sottolinea Claudio Corrarati, presidente di CNA Trentino Alto Adige – nuvole cupe che potrebbero stravolgerlo. Quasi quattro imprese su cinque (il 79%, per la precisione) del campione segnalano aumenti nei prezzi dei materiali, delle materie prime e delle apparecchiature rispetto ai corsi di un anno fa, prima che scoppiasse la pandemia”.

Nel dettaglio, nel settore delle costruzioni gli aumenti più importanti in un anno riguardano i metalli (+20,8%), con punte che superano il +50%; i materiali termoisolanti (+16%) con punte che oscillano tra il +25% e il +50%; i materiali per gli impianti (+14,6), con punte che superano il +25%, e il legno (+14,3%). Elevata anche la crescita per altri materiali, che oscilla tra il +9,4% di malte e collanti e il +11,3% dei laterizi. Meno marcati ma comunque poco sotto il +10% gli incrementi sofferti dall’impiantistica e anche dal settore dei serramenti, dove ha inciso maggiormente il rialzo dei prezzi di semilavorati in alluminio o altri metalli.

Il 72% delle imprese addebita la fiammata dei prezzi, in parte o del tutto, ai comportamenti speculativi della catena di fornitura.

Quale che sia la causa di questa fiammata – aggiunge Corrarati – il rischio, gravissimo, di tali aumenti è la drastica riduzione della marginalità delle imprese e, di conseguenza, del loro eventuale rafforzamento dopo tanti anni di crisi. Oltre la metà delle imprese ammette di essere impotente di fronte alla speculazione non potendo adeguare alla crescita dei costi il controvalore dei contratti già sottoscritti, anche per l’obbligo di legge che impone di dover giustificare i costi attraverso i prezzari ufficiali che ancora non sono aggiornati rispetto agli aumenti che le imprese stanno subendo”.

Già accusano una sensibile diminuzione dei profitti a causa dell’aumento dei costi di produzione il 51,5% delle imprese di installazione impianti, il 58,3% del settore edilizio e il 64,6% della serramentistica. Le altre imprese, per ora, cercano di attenuare i danni rinegoziando i prezzi applicati alla clientela o rivolgendosi al mercato per trovare nuovi fornitori. Alternative deboli, tanto che quasi il 70% delle imprese teme una riduzione dell’effetto espansivo delle agevolazioni che, per una impresa su cinque, potrebbe assumere una dimensione davvero significativa. Un danno destinato a riverberarsi sull’intero sistema Italia, compreso il Trentino Alto Adige, in termini di mancata crescita dell’occupazione, dei consumi, del prodotto interno lordo e delle entrate fiscali.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Archivi

  • Giovani e prima casa: sostegni e sgravi fiscali in arrivo
    All’interno del nuovo Decreto Sostegni Bis, insieme a nuovi aiuti per lavoratori, imprese e famiglie in crisi a causa della pandemia, dovrebbero trovare spazio anche sgravi fiscali per i giovani che decidono di acquistare la... The post Giovani e prima casa: sostegni e sgravi fiscali in arrivo appeared first on Benessere Economico.
  • La Global Tax di Biden potrebbe toccare anche le imprese italiane: possibile accordo internazionale
    L’arrivo di Biden alla Casa Bianca ha segnato sotto numerosi aspetti il cambio di rotta con il suo predecessore. Una delle ultime novità è la riforma fiscale voluta dallo stesso presidente che interesserebbe a livello... The post La Global Tax di Biden potrebbe toccare anche le imprese italiane: possibile accordo internazionale appeared first on Benessere […]
  • Novità bonus vacanze 2021, spendibile anche in agenzia di viaggio
    Nonostante le chiusure, con l’estate in arrivo si torna a parlare di Bonus Vacanze, che oltre ad essere stato rinnovato per tutto il 2021 quest’anno il bonus potrà essere speso anche in agenzia di viaggio.... The post Novità bonus vacanze 2021, spendibile anche in agenzia di viaggio appeared first on Benessere Economico.
  • Bonus casalinghe 2021: un’opportunità per una scelta più libera e consapevole
    Il Bonus Casalinghe 2021 istituito nel Decreto Agosto 2020 risulta ancora fermo a causa della mancanza di un Decreto attuativo del Ministero delle Pari opportunità e la Famiglia che regoli i 3 milioni messi disposizione... The post Bonus casalinghe 2021: un’opportunità per una scelta più libera e consapevole appeared first on Benessere Economico.
  • Banca per la Ricostruzione e lo Sviluppo: un’opportunità per le imprese italiane
    L’Istituto offre interessanti opportunità anche per le imprese italiane, permettendo di ossigenare molti bilanci aziendali. La BERS, la Banca per la Ricostruzione e lo Sviluppo è un’ente ancora poco conosciuto soprattutto in Italia anche se... The post Banca per la Ricostruzione e lo Sviluppo: un’opportunità per le imprese italiane appeared first on Benessere Economico.
  • Il Regno Unito tutela le aziende assicurate: le polizze pagano danni per interruzione attività
    Dopo numerose controversie legali, nel Regno Unito saranno circa 370 mila le aziende che, avendo stipulato un’assicurazione potrebbero ricevere rimborso per l’interruzione di attività. In tutta Europa, i provvedimenti emanati per il contenimento della pandemia... The post Il Regno Unito tutela le aziende assicurate: le polizze pagano danni per interruzione attività appeared first on Benessere […]
  • “Nuove imprese a tasso zero”: agevolazioni e contributi a donne e giovani
    Il Ministero dello Sviluppo Economico sosterrà giovani e donne che vogliono avviare nuove imprese, attraverso finanziamenti agevolati a tasso zero. Recentemente è stata pubblicata la circolare dello stesso Ministero che definisce i termini e le... The post “Nuove imprese a tasso zero”: agevolazioni e contributi a donne e giovani appeared first on Benessere Economico.
  • Trasformare l’azienda in Società Benefit per migliorare appeal commerciale
    La recente situazione pandemica sta avendo un impatto travolgente sui mercati e sull’economia generale, mettendo in discussione il ruolo stesso dell’azienda che dovrà necessariamente evolversi per assecondare nuove variabili. L’attuale situazione economica: In questo contesto,... The post Trasformare l’azienda in Società Benefit per migliorare appeal commerciale appeared first on Benessere Economico.
  • WORKATION – Lavoro vista mare o monti
    Il nuovo trend che interessa anche gli operatori del ricettivo Mare, montagne, lago, acqua, natura. Chi non sogna di lavorare stando in vacanza? Pensate ad una riunione vista Dolomiti, ad una pausa pranzo in un... The post WORKATION – Lavoro vista mare o monti appeared first on Benessere Economico.
  • I FIL GOOD – Alla ricerca della Felicità Interna Lorda, il paradigma del futuro
    Che i soldi non facciano la felicità è probabilmente vero, ma è altrettanto inconfutabile che siano un potente rilassante. Nel nostro mondo dominato dalla cultura capitalistica, il denaro è diventato una pietra angolare della struttura... The post I FIL GOOD – Alla ricerca della Felicità Interna Lorda, il paradigma del futuro appeared first on Benessere […]

Categorie

di tendenza