Connect with us

Qua la zampa

Ente nazionale cinofilia italiana: Fulvio Cobaldi ci spiega il pedigree

Pubblicato

-

Cos’è’ un pedigree ? A cosa serve ? Questi sono gli interrogativi che talvolta  bisognerebbe farsi prima di prendere un cane di razza. Una realtà che e’ ancora troppo poco conosciuta e che purtroppo permette di essere truffati.

Fulvio Cobaldi e Eva Marchetti sono i due responsabili che operano presso la delegazione ENCI ( ente nazionale cinofilia italiana ) per la provincia di Bolzano, con sede presso la fiera e apertura al pubblico tutti i lunedì dalle 17,30 alle 19,15.

L’obiettivo dell’associazione riguarda non solo il rilascio di tutte le documentazioni che interessano i cani di razza ma anche il fornire informazioni per evitare raggiri e fregature ad ignari proprietari cinofili.

Fulvio Cobaldi spiega quali sono la accortezze di base per evitare che ciò accada:“ Innanzitutto, mi sento di dire che un pedigree non è un certificato di nobiltà, e non definisce nessun cane di serie A o di serie B. In termini di affetto, un cane di razza non ne da di più o di meno rispetto ad uno adottato dal canile o trovatello”.

In Italia l’ente che cura l’iscrizione di un cane ai libri genealogici è l’ENCI (Ente Nazionale cinofilia italiana), affiliato alla FCI (Federazione cinofila internazionale) che raggruppa le federazioni cinofile di oltre 80 Paesi.

“Ecco perchè sul documento che viene rilasciato, ci deve essere il timbro di entrambi.” afferma Cobaldi.

“Ricordo inoltre – continua Cobaldi – che a livello europeo vige il divieto di commercializzare cuccioli privi di questo documento. Proprio per questo i negozi di animali e gli allevatori professionali sono tenuti a vendere solo animali con pedigree a norma con il decreto legislativo n. 529, del 30 dicembre 1992“.

Quindi, un cane privo di questa certificazione ufficiale, non è da considerarsi di razza, anche se a livello morfologico ha tutte le caratteristiche per esserlo.

I dati che si trovano sul pedigree sono:

  • dati anagrafici e identificativi del cane (razza, nome, sesso, data di nascita, colore del mantello, microchip);
  • numero d’iscrizione ad uno dei Registri di cui si compone il Libro genealogico;
  • genealogia del cane (genitori, nonni, bisnonni e trisnonni);
  • chi, tra gli antenati, è stato campione di bellezza o di lavoro in Italia o all’estero e ha conseguito risultati in prove, brevetti, selezioni e/o è stato sottoposto a controlli sanitari per le displasie.
    (Dati non sempre con obbligo di trascrizione);
  • dati anagrafici del proprietario e dell’allevatore;
  • tutti i  passaggi di proprietà avuti del cane.

Per sfatare la leggenda metropolitana fatta da alcuni negozianti che vendono cuccioli e che fanno discorsi del tipo “ cucciolo senza pedigree 400 euro o cucciolo con pedigree 800”, – continua Cobaldi – “ci tengo a precisare che ad un allevatore la richiesta di questo documento, costa tra una cosa e l’altra, circa una cinquantina di euro in totale. Quindi, se vengono fatti certi tipi di discorsi, consiglio vivamente di raddrizzare le antenne“.

Per concludere, se volete un cane perché volete che porti gioia alla vostra famiglia e condivida con voi il tempo libero, si può tranquillamente adottarne uno senza pedigree.

Se invece, avete la convinzione di prendere un cane di razza pura perché volete fare mostre, esposizioni, lavoro o perché siete fissati con un certo tipo, dovete prenderlo per forza con il Pedigree perché solo il cane col Pedigree è ufficialmente dichiarato di razza pura.” – continua Fulvio Cobaldi – “I cani acquistati senza Pedigree perché così “non spendo molto ‘” o “tanto il documento non mi serve”, per la legge italiana, equivalgono a dei meticci. Quindi, se non ha un Pedigree ufficiale, vi stanno truffando. A meno che il venditore non avvisi subito che il cane non ha il Pedigree, ma che ha molte caratteristiche in comune con il cane di quella razza“.

NEWSLETTER

Archivi

  • Isola in Irlanda cerca custodi: l’occasione per cambiare stile di vita per sei mesi
    La meta ideale per chi vuole entrare a contatto con la natura più incontaminata, allontanarsi dai ritmi frenetici della città, godendosi contemporaneamente un’esperienza di vita unica, si trova a Great Blasket Island, al largo della costa irlandese, dove è stata data l’opportunità attraverso un annuncio di lavoro, di cambiare stile di vita per sei mesi. […]
  • Illuminazione stradale accesa dal vento delle auto con l’innovativa di Turbine Light
    Con l’aumento di strade, autostrade e di reti viarie che necessitano di essere illuminate l’intera giornata, il fabbisogno energetico risulta essere in continuo aumento, costringendo a cercare diverse alternative per soddisfare e integrare le mutevoli esigenze di mercato. Uno dei problemi principali nel coprire la gestione territoriale urbana di reti periferiche e di grandi autostrade, […]
  • Auto elettriche, ricarica rapida: arriva la batteria del futuro che “fa il pieno” in cinque minuti
    I veicoli elettrici con tutti i loro vantaggi legati ai livelli di prestazioni e di emissioni, stanno diventando una componente essenziale per affrontare la crisi climatica internazionale. Un passo da compiere quasi inevitabile e già avviato in molti Paesi con l‘avvio di sussidi per l’acquisto di veicoli elettrici, ma ancora scoraggiato dai lunghi tempi di […]
  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]
  • Path, l’universo sotterraneo di Toronto
    Quando il cielo cede velocemente il passo alle perfette geometrie della selva di grattacieli del centro, dominati dalla Canadian National Tower si apre la città di Toronto in Canada, con i suoi grandi villaggi residenziali, i suggestivi quartieri periferici e le enormi strade che corrono verso il cuore della metropoli. Nonostante si mostri davvero affascinante, […]
  • Il primo cuore artificiale ottiene marchio CE: ora può essere venduto in tutta Europa
    La tutela della salute è una sfida che coinvolge medici, scienziati ed ingegneri, insieme impegnati da secoli per rendere sempre più concreta la possibilità di trovare soluzioni in grado di compensare le scarse disponibilità dei donatori e aiutare la vita delle persone che soffrono di particolari patologie. Negli ultimi anni la ricerca ha reso questa […]
  • Liberare l’agricoltura dai vincoli climatici con intelligenza artificiale e serre verticali
    L’inarrestabile evoluzione dell’intelligenza artificiale allarga si suoi già immensi confini coprendo anche l’importante mondo dell’agricoltura, puntando ad una vera rivoluzione agricola. L’esperimento di respiro europeo porta l’intelligenza artificiale nella conduzione di serre verticali che aiutano a rendere la produttività 400 volte superiore rispetto a quella tradizionale di colture orizzontali. Sfruttando l’intelligenza artificiale, con l’aiuto di applicazioni […]
  • Cereria Ronca: il posto dove alta qualità e rispetto per l’ambiente si incontrano
    Da oltre 160 anni, le candele della Cereria Ronca danno un tocco di luce e calore agli spazi dei propri clienti: cilindri, sfere, tortiglioni adatte ad ogni occasione vengono create ad hoc per illuminare e profumare l’ambiente. Dal 1855, infatti, Cereria Ronca produce e vende candele made in Italy a marchio, personalizzate o per conto di […]
  • Locherber Milano e l’arte della profumazione di ambiente
    Candele, diffusori, intense fragranze ed eccellenza sono i pilastri di Locherber Milano, brand creato dopo tre generazioni di sviluppo di prodotti cosmetici e grazie al connubio tra precisione svizzera e passione Italiana. L’azienda, gestita autonomamente grazie alla conduzione familiare, permette di mantenere un ethos invariato ed una propria libertà creativa. Le fragranze esclusive di Locherber Milano […]
  • Thun: l’atelier creativo simbolo di Bolzano e dell’Alto Adige
    La storia di THUN ha inizio nel 1950 con la nascita del primo Angelo di Bolzano, la dolce figura ceramica che Lene Thun modellò guardando i figli che dormivano. Oggi l’Angelo è universalmente riconosciuto come simbolo dell’Alto Adige e della città di Bolzano, ed è presente in moltissime case italiane ma non solo. Negli anni […]

Categorie

di tendenza