Connect with us

Economia e Finanza

Export Alto Adige per 4,83 miliardi di euro: a trainare è il manifatturiero

Pubblicato

-

Nel 2018 le imprese altoatesine hanno esportato merci e prodotti del valore di 4,83 miliardi di euro.

Si tratta di un nuovo record a cui hanno contribuito in particolare le aziende industriali: i tre settori che hanno fatto registrare l’export maggiore – “macchinari e apparecchi”, “prodotti alimentari e bevande” e “mezzi di trasporto” – appartengono tutti al comparto produttivo.

Nell’anno appena trascorso quasi il 90 per cento del nostro export è stato generato dalle imprese manifatturiere che continuano ad essere i migliori ambasciatori dell’Alto Adige nel mondo e che grazie al successo sui mercati internazionali sono in grado di garantire investimenti e posti di lavoro sul nostro territorio”, sottolinea il Presidente di Assoimprenditori Alto Adige, Federico Giudiceandrea.

Le imprese esportatrici sono quelle che pagano stipendi più elevati e investono maggiormente in ricerca e innovazione: misure a sostegno della loro competitività globale promuovono lo sviluppo dell’intero territorio”.

Secondo Giudiceandrea la leggera contrazione dell’export altoatesino fatta registrare nel secondo semestre dell’anno dipende da diversi fattori: “Misure che frenano il libero scambio come le politiche protezionistiche negli Stati Uniti o i continui blocchi ai mezzi di trasporto in Tirolo, ma anche l’incertezza politica sul mercato interno, sono fattori che rendono più difficile il commercio estero.

Dovremo essere capaci di rafforzare ulteriormente l’Unione Europea realizzando al più presto infrastrutture di collegamento moderne ed efficienti, abbattendo barriere interne e tornando ad essere maggiormente uniti per porci come un partner commerciale che possa trattare alla pari con altre potenze economiche come USA, Cina o Russia”, spiega il Presidente di Assoimprenditori.

Pubblicità
Pubblicità

Economia e Finanza

Addio reddito di cittadinanza se si vincono 6mila euro al gioco

Pubblicato

-

Per tutti coloro che hanno ottenuto il reddito o la pensione di cittadinanza, vincere al gioco potrebbe essere una sfortuna.

L’acquisizione di somme sopra gli importi previsti a seguito di vincite o donazioni potrebbe infatti causare la perdita dei requisiti per la richiesta della misura di sostegno al reddito.

L’importo “incriminato” è di 6.000 euro con un incremento di 2.000 euro per ogni familiare successivo al primo, fino ad un massimo di 10.000 euro.

Ci sono poi ulteriori incrementi dal terzo figlio in poi e per eventuali familiari con disabilità. Dal terzo figlio la somma si incrementa di 1.000 euro mentre per ogni disabile di 5.000 euro.

Se si supera la soglia, il limite massimo per comunicarlo è di 15 giorni.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Economia e Finanza

Quanto costa all’anno un conto corrente? Possibili risparmi fino a 200 euro

Pubblicato

-

Nell’estratto conto di fine anno, le banche devono indicare in un apposito riepilogo tutte le spese che il conto corrente ha generato nel corso dell’anno e solitamente è il mese di gennaio il momento più opportuno per fare una verifica del costo annuale del proprio conto corrente.

Il confronto conti correnti effettuato di recente dal Centro Tutela Consumatori Utenti (CTCU) può aiutare a confrontare i costi del proprio conto con le condizioni attualmente offerte dal mercato.

Il CTCU ha confrontato i costi dei conti correnti di banche locali e nazionali.

Siccome le indicazioni fornite dalle banche nei cd. fogli informativi non sono sempre aderenti alla realtà – una banca indica, ad esempio, che il suo conto online non è adatto all’uso online (sic!) – nel confronto abbiamo creato dei profili-tipo ad hoc, calcolando poi a quanto ammonterebbe il costo complessivo del conto corrente per ciascun profilo (in allegato si possono esaminare le tabelle con i costi per le varie tipologie di correntisti).

Conti correnti allo sportello

Una famiglia, cliente di banca “tradizionale”, che utilizza quindi un classico conto allo sportello, spende, in media, più di 160 euro all’anno. La forbice fra l’offerta più economica e quella più cara è di oltre 200 euro. La migliore offerta su piazza è quella della Raika Ritten, con un costo di 54,60 euro/annuo, oltre imposta di bollo, qualora dovuta.

Nota negativa per alcune banche locali che richiedono commissioni per i bonifici entranti: se in una famiglia due persone percepiscono regolari emolumenti, quali stipendio, pensione o assegno di mantenimento, queste spese possono arrivare anche a 25 euro all’anno e oltre.

Conti correnti online

Il tempo del “costo zero” sembra essere agli sgoccioli anche per l’online. I conti a canone zero si possono trovare ancora, ma la gratuità è, di norma, subordinata alla presenza di determinate condizioni (es. bonifici in entrata regolari, giacenza minima, ecc..).

Sensibile poi è l’aumento del costo per le carte di credito: dall’ultimo nostro confronto si registrano aumenti anche di 10-15 euro, con analogo aumento dei costi totali. In media, la nostra famiglia online paga attualmente 115 euro, con una differenza fra conto meno caro e conto più costoso di 180 euro.

In caso di accredito di regolare stipendio mensile o di pensione o simili, il conto più economico risulta essere il conto corrente “Arancio” di ING con costo uguale a zero. Per chi, invece non ambisca alla completa gratuità del conto online, può trovare una buona alternativa nel conto di Fineco, a 19,95 euro annui.

Pensionati

Stando alle informazioni disponibili online, il conto corrente base gratuito per i pensionati pare aver finalmente preso piede: una ricerca sotto la voce “conto pensione” rimanda, infatti, a tale tipologia di conto su quasi tutti i siti delle banche oggetto del confronto. È auspicabile che anche nei colloqui in banca questa alternativa sia la prima ad essere proposta.

I pensionati faranno comunque bene a chiedere esplicitamente di questo conto, previsto obbligatoriamente per legge (per le caratteristiche di questa tipologia di conto si veda anche ns comunicato stampa di giugno 2018, https://www.consumer.bz.it/it/conti-base-tutti-i-criteri-fissati-dal-mef).

Missing in action: calcolatori di raffronto ufficiali

La legge sulla concorrenza del 2017 aveva annunciato misure per la “certificazione” dei siti di confronto, misure che, a quanto ci risulta, non sono state mai adottate. Il Ministero per l’economia e le finanze, ancora a giugno 2018, aveva avviato una consultazione sull’argomento. Dopo tale data, non si rinvengono però più tracce di altre attività da parte del legislatore: per il momento quindi niente “confronti a portata di click e certificati”.

Per i clienti delle banche il consiglio è quindi quello di verificare bene se i servizi e le prestazioni contenute nel proprio pacchetto di conto corrente corrispondano alle proprie, reali esigenze. È bene prestare particolare attenzione a quei movimenti che generano più di una spesa: alcune banche, infatti, imputano costi per riga di scritturazione e costi per l’operazione stessa. In questo modo, un bonifico allo sportello può arrivare a costare anche 4-5 euro.

Utile anche confrontare i costi che la banca ha elencato nel riepilogo dell’estratto conto di fine anno con quelli che abbiamo ricavato per i profili di famiglie-tipo del nostro confronto, al fine di scovare i potenziali risparmi di spesa.

Un raffronto dei dati attuali con quelli dell’ultima rilevazione mostra, che i costi per stessi servizi sono aumentati, in un anno, anche fino a quasi il 40%” spiega Walther Andreaus, Direttore del CTCU.

Anche le famiglie faranno pertanto bene a tenere monitorata l’evoluzione dei costi del proprio conto corrente, e in caso, non ritardare la ricerca di nuove e migliori offerte.

Grazie alle nuove norme sul trasferimento dei conti da un banca all’altra, la procedura per cambiare conto non dovrebbe durare più di 10 giorni e deve essere molto semplice. Un ultimo consiglio: trattare con la banca è possibile e anche i costi dei conti correnti sono trattabili”.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Economia e Finanza

Mediazione lavoro aiuta le imprese: Kammerer Tankbau di Chienes cerca saldatori e fabbri

Pubblicato

-

Nel corso della recente visita all’impresa di Chienes “Kammerer Tankbau” da parte dei collaboratori dei centri di mediazione al lavoro di Bressanone e Brunico si è parlato in particolare delle difficoltà dell’azienda nel reperire personale sul mercato del lavoro locale.

Il titolare dell’impresa, Andy Kammerer, ha sottolineato la necessità di trovare con urgenza fabbri e saldatori.

Non è necessario si tratti di figure professionali altamente qualificate, bensì anche di semplici operatori caratterizzati da serietà ed interesse nei confronti di questa attività lavorativa. Le necessarie specializzazioni potranno quindi essere acquisite direttamente in azienda.

I coordinatori dei centri di mediazione al lavoro di Bressanone e di Brunico, Klaudia Palfrader e Georg Sapelza, hanno quindi informato delle opportunità offerte dalla eJobLavoro, la borsa lavoro dell’Alto Adige (www.jobs.bz.it), allo scopo di aumentare la visibilità dell’impresa nell’ambito del mercato del lavoro.

In considerazione dell’urgenza della ricerca i fabbri ed i saldatori interessati possono quindi inviare le loro candidature, unitamente al loro curriculum vitae, ai Centri di mediazione al lavoro di Bressanone e di Brunico (avz-brixen@provinz.bz.it o avz-bruneck@provinz.bz.it).

I Servizi alle imprese dei Centri di mediazione al lavoro di Bressanone-Vipiteno e Brunico sono competenti per tutte le imprese della Val d’Isarco, dell’Alta Val d’Isarco e della Val Pusteria.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Metti un like

Archivi

Categorie

di tendenza