Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Italia ed estero

Global compact: aderiscono 164 paesi. Assente l’Italia in attesa del voto parlamentare

Pubblicato

-

Sono 164 i Paesi che oggi (10 dicembre), durante il vertice di Marrakech, hanno aderito al global compact, il patto Onu sui migranti.

Fuori dall’accordo gli Stati Uniti: per il presidente americano Trump, l’idea che le migrazioni possano essere gestite da organismi sovranazionali come Onu o Oim, senza la possibilità di alcun controllo democratico da parte dei cittadini di una nazione nasce da un presupposto ideologico errato.

Assieme agli States, tra i paesi ostili ci sono Australia, Repubblica Dominicana, Austria, Lettonia, Bulgaria, Croazia, Cile, i quattro paesi di Visegrad (Ungheria, Polonia, Repubblica ceca e Slovacchia) e Israele.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

Assente anche l’Italia da Marrakech, dove fino all’11 dicembre saranno riuniti i leader e i rappresentanti di circa 150 paesi. Il governo aveva infatti annunciato la sospensione della firma del Global Compact in attesa di un voto parlamentare. Stessa posizione è stata assunta dalla Svizzera.

Il segretario generale dell’Onu, Antonio Guterres, ha definito il Global Compact un “percorso per evitare sofferenze e caos“, affermando che l’intesa non viola la sovranità degli Stati e non crea nuovi diritti per migrare.

Il numero uno dell’Onu ha sottolineato che il global compact non darà alle Nazioni Unite la possibilità di imporre politiche migratorie agli stati membri e non è un trattato legalmente vincolante.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

Restano tuttavia delle lati dubbi riguardo all’accordo e ai principi di fondo che lo regolano.

Tra i punti oscuri il paragrafo 24-a, in cui si chiede di “assicurare che l’assistenza di natura umanitaria non sia considerata illegale” e in cui si proibiscono le “espulsioni collettive di migranti“.

Clausola particolarmente pericolosa per i Paesi europei geograficamente più esposti al rischio dell’arrivo incontrollato come l’Italia, la Spagna o la Grecia.

Sottoscriverlo, significherebbe non solo rinunciare a bloccare il traghettamento di migranti attuato dalle navi delle Ong, permettendo loro di tornare ad operare a pieno regime ma anche a perseguire penalmente chi fornisce assistenza indebita all’immigrazione.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

Nel report Making migration work for all, redatto dallo stesso Segretario Generale delle Nazioni Unite da cui il Global Compact prende la sua forma attuale, la migrazione viene inoltre descritta come un fenomeno di massa necessario e continuativo atto a “ridurre le disparità economiche” e “anticipare i trend demografici futuri nonché future necessità di lavoratori”.

Articolo 25

25. “We further commit to ensure that migrants shall not become liable to criminal prosecution for the fact of having been the object of smuggling, notwithstanding potential prosecution for other violations of national law“.

L’articolo 25 dell’accordo suscita ulteriori ostilità da parte dei governi contrari alla sua applicazione internazionale, soprattutto nella parte che impegna “ad assicurare che i migranti non siano perseguibili penalmente per il fatto di essere oggetto del traffico o per altre violazioni della legge nazionale”: ciò presupporrebbe un’estensione dei diritti ai migranti indipendentemente dalla condizione di legalità, compreso l’accesso all’accoglienza.

Concetto che ritroviamo anche nell’articolo 31: “Ci impegniamo ad assicurare che tutti i migranti, qualsiasi sia il loro status migratorio, possano esercitare i loro diritti umani attraverso un accesso sicuro ai servizi di base“.

(31. “We commit to ensure that all migrants, regardless of their migration status, can exercise their human rights through safe access to basic services“).

Un disposto non privo di rischi dunque verso la creazione di obblighi crescenti in merito ai servizi da fornire agli immigrati, indipendentemente dal loro status giuridico.

Tra gli altri, anche l’Austria ha sottolineato come il documento miri a una limitazione della sovranità nazionale sul tema migratorio, oltre a non marcare a sufficienza la differenza tra migranti legali e non, orientandosi invece verso la creazione di un indifferenziato e apparentemente superficiale ”diritto umano a migrare”.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Alto Adige7 ore fa

La Giunta provinciale ha approvato il contratto di servizio e il piano delle attività e d’investimento di NOI Spa per il 2022

Alto Adige7 ore fa

Il presidente della Provincia alla commemorazione di Falcone e Borsellino: «La mafia ci riguarda tutti»

Ambiente Natura7 ore fa

Parco Vedrette di Ries Aurina: giovani al lavoro per ravvivare i prati

Alto Adige8 ore fa

I viaggiatori “riscrivono” gli orari di autobus e treni

Vita & Famiglia10 ore fa

CEI. Pro Vita Famiglia: Buon lavoro al Cardinale Zuppi per la difesa della Vita e della Famiglia

Politica10 ore fa

Dipendenti nelle case di riposo: servono finalmente soluzioni sostanziali, invece di pura politica simbolica

Arte e Cultura10 ore fa

Artist Club, cambio al vertice dell’associazione: Davide Mariotti è il nuovo presidente

Alto Adige10 ore fa

Coronavirus: 13 casi positivi da PCR e 299 test antigenici positivi

Bressanone12 ore fa

Studio teologico accademico: a Bressanone i diplomi di fine anno

Bolzano13 ore fa

Ladri rubano in un asilo di Appiano, aperte le indagini

Arte e Cultura14 ore fa

Escursione nella Valle dell‘arte: il Museum Ladin organizza l’evento “Natura, arte e cultura”

Scienza e Cultura14 ore fa

Passeggiata sul bordo di un antico vulcano: la caldera di Bolzano

Alto Adige14 ore fa

Digitalizzazione e sostenibilità nella produzione: evento di settore al NOI Techpark sul lavoro del futuro

Bolzano14 ore fa

Twenty: domenica movimentata, la Polizia arresta due stranieri

Valle Isarco16 ore fa

Barbiano, violento scontro tra un autobus e due auto: due feriti trasportati in ospedale

Bolzano3 settimane fa

Bolzano, alla fermata dell’autobus trovato il corpo senza vita di un 60enne

Alto Adige3 settimane fa

Coronavirus: 8 casi positivi da PCR e 124 test antigenici positivi

Alto Adige3 settimane fa

Coronavirus: 45 casi positivi da PCR e 496 test antigenici positivi

Bolzano3 settimane fa

Il Lido di Bolzano riapre al pubblico sabato 21 maggio: tariffe invariate

Bolzano3 settimane fa

Bolzano, sgomberato uno stabile in disuso: tunisino aggredisce 4 agenti, arrestato

Sport3 settimane fa

Biglietti FC Südtirol – Modena. Le modalità di acquisto dei ticket per gara-3 della Supercoppa di Serie C 2022

Musica4 settimane fa

Bolzano Festival Bozen 2022 «Musica senza confini»

Merano3 settimane fa

Referendum abrogativi popolari del 12 giugno 2022

Alto Adige2 settimane fa

Coronavirus: tre i nuovi decessi, inoltre14 casi positivi da PCR e 536 test antigenici positivi

Benessere e Salute3 settimane fa

Come avviene un richiamo di prodotti alimentari? Mangiare, bere ed altre delizie: lo sapevate che…?

Alto Adige2 settimane fa

Bolzano: controlli della Polizia di Stato nel capoluogo, un denunciato per detenzione di cocaina e due espulsioni

Bolzano1 settimana fa

Eroina e kit per lo spaccio: coppia arrestata a Don Bosco dalla Polizia

Italia ed estero4 settimane fa

Stop al canone RAI in bolletta. Cosa cambia dal 2023?

Vita & Famiglia3 settimane fa

DDL Zan. Coghe, Pro Vita Famiglia: emergenza omofobia è fake news

Società4 settimane fa

Anziani: Deeg ha incontrato il direttivo dell’Associazione pensionati

Archivi

Categorie

di tendenza