Connect with us

Sport

I Foxes perdono a Graz nell’ultimo turno del pick round. Di nuovo Bolzano-Klagenfurt ai quarti

Pubblicato

-

Foto G99/Krainbucher

HCB Alto Adige Alperia contro EC KAC.

Per il secondo anno consecutivo sarà una sfida tra “pluricampioni” quella che prenderà vita nei quarti di finale playoffs della Erste Bank Eishockey Liga.

I carinziani hanno infatti deciso di giocarsi la rivincita, dopo che i Foxes l’anno scorso avevano avuto la meglio alzando alla fine del loro straordinario percorso il Karl Nedwed Trophy. Nei sei precedenti stagionali gli austriaci hanno avuto la meglio per ben cinque volte e possono vantare non solo la migliore difesa della lega (118 goal subiti), ma anche il miglior portiere (Lars Haugen, 92,8% svs).

La sfida inizierà mercoledì sera alla Stadthalle di Klagenfurt, per poi spostarsi venerdì sera al Palaonda. Gli incontri dei quarti vedranno affrontarsi Vienna contro Znojmo, Graz contro Linz e Fehervar contro Salisburgo.

Intanto il Bolzano ha chiuso ieri sera (10 marzo) con una sconfitta l’ultimo turno del pick round in casa dei Graz99ers. 6 a 3 il risultato finale, nonostante i biancorossi siano andati vicini a una grande rimonta, smorzata però nel finale dai padroni di casa.

Coach Kai Suikkanen deve fare i conti con una squadra decimata: out gli infortunati Geiger, MacKenzie, Findlay e Crescenzi, così come l’influenzato Insam e lo squalificato Catenacci. I Foxes giostrano così a tre linee d’attacco e con quattro difensori di ruolo, ai quali si aggiungono Carozza e Schweitzer.

Ritmi piuttosto bassi e poche occasioni da goal. Il Bolzano ci prova prima con Petan, che da due passi spara fuori dopo l’ottimo assist di Brace, poi con Blunden, fermato da un grande intervento di Rönning. Sul ribaltamento di fronte di quest’ultima azione i Foxes si fanno sorprendere e Garbowsky si presenta solo davanti a Smith, saltandolo e insaccando l’1 a 0.

Il Bolzano non concretizza poi un powerplay, nonostante una buona pressione, poi riesce a resistere per due volte in penalty killing, portando il minimo svantaggio fino alla prima sirena.

I Foxes provano ad aumentare il ritmo in avvio di periodo centrale, ma è il Graz a passare ancora, grazie a Kevin Moderer che raccoglie il rebound concesso da Smith sul tiro di Johansson e fa 2 a 0. I biancorossi rispondono, ma Rönning abbassa la saracinesca sui tentativi di Nordlund, Miceli, Petan e Blunden.

La guardia del goalie dei 99ers cade soltanto al 28:41, quando Daniel Glira in powerplay lascia partire un siluro che finisce in rete e accorcia le distanze. La gioia del goal dura pochi minuti, perché Travis Oleksuk approfitta dell’assist di Oberkofler per calare il tris e poco più tardi, con Graz in powerplay, Yellow Horn cala anche il poker. 4 a 1 dopo 40 minuti di gioco.

Il Bolzano ci crede in avvio di terzo drittel e accorcia le distanze con Deluca, che in contropiede spara in rete il 2-4. Biancorossi che poi non riescono a concretizzare un powerplay, ma poco dopo pervengono nuovamente al goal, questa volta con Viktor Schweitzer che trasforma al meglio l’assist di Frank.

Il momentum è in favore del Bolzano, che però si divora due occasioni colossali prima con Frank e poi con Petan.

Il Graz ringrazia e, sfruttando un errore in uscita di zona di Nordlund, chiude i giochi a un minuto e mezzo dal termine con Travis Oleksuk. Nel finale c’è ancora spazio per l’empty-net-goal firmato da Dwight King, che fissa il risultato sul definitivo 6 a 3.

Foto HCB/Vanna Antonello

Pubblicità
Pubblicità

Sport

La stagione del Bolzano si chiude a Klagenfurt: il KAC vince e vola in semifinale

Pubblicato

-

Foto: HCB/VannaAntonello

Si chiude alla Stadthalle di Klagenfurt la stagione dell’HCB Alto Adige Alperia.

I biancorossi, che si presentavano in gara 5 già sotto per 3 a 1 nella serie, non riescono a dare continuità alla vittoria in gara 4 e, nonostante un vantaggio di 2 a 0 maturato fino alla metà del match, devono cedere il passo all’EC KAC. 5 a 3 il risultato finale in favore degli austriaci, che volano così in semifinale. La stagione dei Foxes, che cedono lo scettro di campioni, arriva quindi al capolinea. 

Coach Clayton Beddoes ripropone lo stesso schieramento di gara 4, rinunciando quindi al solito quartetto di infortunati: Irving, Findlay, MacKenzie e Crescenzi. 

Il Klagenfurt parte con il piede ben premuto sull’acceleratore, ma i Foxes possono sfruttare il primo powerplay del match e al 04:14 passano a condurre i giochi: conclusione dalla distanza di Campbell e deviazione vincente di Ivan Deluca. Biancorossi che poi sprecano una seconda superiorità numerica, ma si difendono molto bene quando si ritrovano con l’uomo in meno (Geiger in panca puniti).

I padroni di casa provano a fare la partita, ma trovano pochi spiragli davanti a un attento Smith. Nel finale di frazione gli errori di Brace e Geiger aprono la strada a due conclusioni in uno contro zero di Kraus e Wahl, ma l’estremo difensore biancorosso abbassa la saracinesca. Bolzano avanti di uno dopo 20 minuti di gioco. 

La seconda frazione si apre con una bella giocata di Petan, che serve Brace per una conclusione però troppo centrale per sorprendere Haugen.

I Foxes però giocano bene e anche in inferiorità numerica sfiorano il raddoppio, con Insam che in contropiede colpisce in pieno il palo. Il 2 a 0 non si fa comunque attendere e arriva poco dopo, ad opera di Anton Bernard che con il rovescio beffa Haugen tra i gambali sull’assist di Miceli. La prima linea biancorossa continua a creare occasioni e sfiora il tris con Miceli, che servito da Frigo viene fermato da una parata sensazionale di Haugen.

L’occasione è lo spartiacque del periodo centrale, perché il KAC si sveglia, cambia marcia e al 29:59 accorcia le distanze con il tiro dalla distanza di Fischer, che attraversa il traffico e batte Smith.

Il goalie biancorosso deve fare gli straordinari per i minuti successivi, ma gli austriaci trovano la via di ribaltare tutto in appena 63 secondi, nell’ultimo minuto di gioco del secondo tempo: prima Comrie trova lo spiraglio giusto per pareggiare i conti con una rasoiata dalla blu, poi a 6 secondi dalla sirena Neal da due passi ribadisce in rete l’assist di Koch, portando in vantaggio i padroni di casa. 

Nel terzo drittel il Bolzano fatica a rimettere il match sui binari giusti, deve anche difendersi in inferiorità numerica, ma al 48:05 ecco comunque il pareggio: disco di Petan per Mike Blunden, che si invola sulla destra e spara il puck all’incrocio dei pali. La gioia del goal dura appena 55 secondi, il tempo per Marcel Witting di risolvere una situazione caotica davanti alla porta di Smith e riportare quindi avanti i suoi.

I Foxes non riescono più a reagire, il cronometro scorre inesorabile e l’unica occasione – seppur importante – è quella sulla stecca di Insam, che liberato da Catenacci non impatta bene il puck. I biancorossi non riescono nemmeno a lanciare l’assalto con il sesto uomo di movimento e, anzi, a 54 secondi dal termine Kozek mette la parola fine sul match e sulla serie con raccogliendo l’assist di Neal e trasformando da distanza ravvicinata. 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Sport

Grande successo per la 9° edizione dell’International Spring Tournament U8 – Cassa di Risparmio

Pubblicato

-

Un altro grande successo per la nona edizione dell’International Spring Tournament U8 – Cassa di Risparmio, uno dei tornei di categoria più importanti a livello internazionale, organizzato dall’HCB Foxes Academy e patrocinato dal Comune di Bolzano.

Centinaia di piccoli atleti arrivati da tutta Europa hanno dato vita a match spettacolari sul ghiaccio, accompagnati da tifoserie colorate ed entusiaste sugli spalti. Ad alzare la coppa alla fine sono stati gli svizzeri dell’EHC Kloten, che hanno battuto in finale per 3 a 2 i piccoli dell’HCB Foxes Academy, protagonisti di un torneo davvero straordinario.

Il Kloten riesce così a mettere le mani sul trofeo dopo il secondo posto ottenuto l’anno scorso ed è anche la prima squadra ad ottenere per la seconda volta la vittoria finale.

Al terzo posto il North-East United Südtirol, formazione comprendente ragazzi di Dobbiaco, Brunico, Bressanone e Vipiteno che l’anno scorso aveva vinto il torneo e che quest’anno si è dovuta accontentare del terzo gradino del podio, dopo la vittoria nella “finalina” contro l’EC KAC.

A consegnare trofeo e medaglie il presidente del comitato FISG Alto Adige, Stefan Zisser, l’assessore allo sport del Comune di Bolzano Angelo Gennaccaro, i vicepresidenti di HCB Foxes Academy Christian Battisti e Manuela Carrucciu e la leggenda biancorossa Gino Pasqualotto.

Messaggi di saluto sono stati inviati anche dal capo del servizio comunicazione della Cassa di Risparmio Stephan Konder e dal presidente della Provincia di Bolzano Arno Kompatscher. Il premio per la “tifoseria più colorata”, invece, è andato ai supporters dei Junior Vienna Capitals.

Il torneo, a cui hanno partecipato più di 250 bambini, è stato anche quest’anno un grande successo – spiega Oskar Plörer, uno degli organizzatori dell’evento – siamo nuovamente riusciti a portare a Bolzano squadre di sei diversi Paesi e il livello del gioco è stato molto alto per la categoria. Inoltre, la gran parte delle partite è stata molto equilibrata, e ciò giova sempre allo spettacolo.

La macchina organizzativa è molto complessa, per cui un grande e sentito ringraziamento va ai tanti volontari che hanno consentito, con il loro appassionato apporto, di garantire uno svolgimento ottimale della manifestazione, molto apprezzata anche e soprattutto dalle società straniere, per la quale i genitori e parenti dei bambini hanno creato, con il loro tifo colorito e rumoroso, una fantastica cornice”.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Sport

Basket, Serie D: per la capolista Piani Junior 3 vittorie in 6 giorni

Pubblicato

-

Terza vittoria in tre gare, in 6 giorni, per i ragazzi di coach Fiorani.

Dopo aver superato senza troppi patemi Charly Merano (100 – 48) giovedì 14 marzo e Pergine Audace (76 – 44) domenica 17, ieri sera i bolzanini hanno dovuto soffrire per strappare la vittoria in casa del GS RIVA (65 – 73).

Partita sofferta, dicevamo, sulle rive del lago per la formazione di coach Fiorani che trova i padroni di casa agguerriti e con voglia di rivincita per la pesante sconfitta patita nella precedente sfida.

I bolzanini partono bene e trovano un buon vantaggio già nel primo quarto, il GS Riva dal canto suo non molla e riesce a mantenere la scia. Nell’ultimo quarto la capolista riesce a parare gli attacchi rivani che a due minuti dal termine arrivano a -5.

Una bomba di Pedron sulla sirena dei 24 secondi gli allontana di nuovo -8 e da lì si esauriscono le speranze di rimonta.

Da sottolineare come anche in questa partita i Piani Junior riescono a mettere diversi giocatori in doppia (Tognotti, Bonavida, D’Alessandro, Pedron).

Vittoria di buon auspicio visto che già domenica si ritorna sul Garda per un’altra trasferta insidiosa, questa volta contro la Virtus Alto Garda.

Parziali: 14-20; 14-18; 17-16; 20-19

Tabellini:
Cravedi 6, Tognotti 16, Antonelli 8, Bonavida 10, D’Alessandro 11, Braghin, Pedron 13, Trentini 4, Dieng, Zanderigo, Valerio, Morgen 1

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Metti un like

Archivi

Categorie

di tendenza