Connect with us

Sport

I Foxes perdono a Graz nell’ultimo turno del pick round. Di nuovo Bolzano-Klagenfurt ai quarti

Pubblicato

-

Foto G99/Krainbucher

HCB Alto Adige Alperia contro EC KAC.

Per il secondo anno consecutivo sarà una sfida tra “pluricampioni” quella che prenderà vita nei quarti di finale playoffs della Erste Bank Eishockey Liga.

I carinziani hanno infatti deciso di giocarsi la rivincita, dopo che i Foxes l’anno scorso avevano avuto la meglio alzando alla fine del loro straordinario percorso il Karl Nedwed Trophy. Nei sei precedenti stagionali gli austriaci hanno avuto la meglio per ben cinque volte e possono vantare non solo la migliore difesa della lega (118 goal subiti), ma anche il miglior portiere (Lars Haugen, 92,8% svs).

La sfida inizierà mercoledì sera alla Stadthalle di Klagenfurt, per poi spostarsi venerdì sera al Palaonda. Gli incontri dei quarti vedranno affrontarsi Vienna contro Znojmo, Graz contro Linz e Fehervar contro Salisburgo.

Intanto il Bolzano ha chiuso ieri sera (10 marzo) con una sconfitta l’ultimo turno del pick round in casa dei Graz99ers. 6 a 3 il risultato finale, nonostante i biancorossi siano andati vicini a una grande rimonta, smorzata però nel finale dai padroni di casa.

Coach Kai Suikkanen deve fare i conti con una squadra decimata: out gli infortunati Geiger, MacKenzie, Findlay e Crescenzi, così come l’influenzato Insam e lo squalificato Catenacci. I Foxes giostrano così a tre linee d’attacco e con quattro difensori di ruolo, ai quali si aggiungono Carozza e Schweitzer.

Ritmi piuttosto bassi e poche occasioni da goal. Il Bolzano ci prova prima con Petan, che da due passi spara fuori dopo l’ottimo assist di Brace, poi con Blunden, fermato da un grande intervento di Rönning. Sul ribaltamento di fronte di quest’ultima azione i Foxes si fanno sorprendere e Garbowsky si presenta solo davanti a Smith, saltandolo e insaccando l’1 a 0.

Il Bolzano non concretizza poi un powerplay, nonostante una buona pressione, poi riesce a resistere per due volte in penalty killing, portando il minimo svantaggio fino alla prima sirena.

I Foxes provano ad aumentare il ritmo in avvio di periodo centrale, ma è il Graz a passare ancora, grazie a Kevin Moderer che raccoglie il rebound concesso da Smith sul tiro di Johansson e fa 2 a 0. I biancorossi rispondono, ma Rönning abbassa la saracinesca sui tentativi di Nordlund, Miceli, Petan e Blunden.

La guardia del goalie dei 99ers cade soltanto al 28:41, quando Daniel Glira in powerplay lascia partire un siluro che finisce in rete e accorcia le distanze. La gioia del goal dura pochi minuti, perché Travis Oleksuk approfitta dell’assist di Oberkofler per calare il tris e poco più tardi, con Graz in powerplay, Yellow Horn cala anche il poker. 4 a 1 dopo 40 minuti di gioco.

Il Bolzano ci crede in avvio di terzo drittel e accorcia le distanze con Deluca, che in contropiede spara in rete il 2-4. Biancorossi che poi non riescono a concretizzare un powerplay, ma poco dopo pervengono nuovamente al goal, questa volta con Viktor Schweitzer che trasforma al meglio l’assist di Frank.

Il momentum è in favore del Bolzano, che però si divora due occasioni colossali prima con Frank e poi con Petan.

Il Graz ringrazia e, sfruttando un errore in uscita di zona di Nordlund, chiude i giochi a un minuto e mezzo dal termine con Travis Oleksuk. Nel finale c’è ancora spazio per l’empty-net-goal firmato da Dwight King, che fissa il risultato sul definitivo 6 a 3.

Foto HCB/Vanna Antonello

Pubblicità
Pubblicità

Sport

Pallamano: il tricolore si gioca al derby regionale tra Bolzano e Pressano

Pubblicato

-

Il titolo tricolore del campionato 2018 – ‘19 sarà assegnato dal derby regionale tra Bolzano e Pressano.

Gara1 sarà già mercoledì alle 18,45 in diretta su Sport Italia. Bolzano e Pressano hanno giocato entrambe gara3 di semifinale: Bolzano l’ha vinta in scioltezza per 34 a 25 ai danni di Cassano; mentre Pressano ha sofferto di più con Conversano.

Primo tempo contrassegnato da una serie di errori offensivi di entrambe le squadre con i gialloneri di Dumnic a sprecare un’ottima opportunità. Sul parziale di 6 a 6 cambio irregolare del Conversano che costa un’espulsione temporanea e manda Pressano in doppia superiorità numerica, ma due errori di Dedovic sprecano tutto.

Conversano non molla e costruisce il vantaggio del 10 a 8. L’ultimo affondo giallonero è firmato Dedovic per un 9 a 10 all’intervallo che lascia completamente aperti i giochi. Ripresa e Pressano parte alla grande: D’Antino s’inventa la rete del pareggio ( 10 a 10) poi va a prendersi un rigore che sarà realizzato da Di Maggio per il vantaggio dell’ 11 a 10.

Pressano deve però fare i conti con l’ex Stabellini che fa di tutto pur di mantenere Conversano attaccato alla partita. La risposta arriva da Giongo e Dallago che spingono Pressano sul 16 a 13.

Sarà un vantaggio che resterà costante per tutto il resto della partita anche se Conversano non smetterà mai di mettere pressione alla squadra di Dumnic. Il 24 a 21 finale premia la squadra del presidente Lamberto Giongo che potrà continuare a lottare per il suo primo scudetto.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Sport

Basket Serie D, finale Playoff: ai Piani Junior la prima partita della serie

Pubblicato

-

C’era grande attesa per la prima sfida di finale del Campionato di Serie D, in programma sabato sera al Palamazzali tra Piani Junior e BC Gardolo.

Atmosfera che non si respirava da tempo sugli spalti gremiti in ogni ordine di posto ed in campo i giocatori non hanno deluso le attese per la sfida tra le due squadre più forti del campionato.

Partenza decisa dei padroni di casa che impongono un gran ritmo alla gara, ma gli ospiti non sono da meno e primo quarto chiuso sul 17-12.

Secondo quarto sulla stessa falsariga ed i Piani Junior che incrementano il vantaggio, all’intervallo il punteggio è 36-24.

Dopo il riposo ci si aspetta la reazione del Gardolo, unica formazione che quest’anno è riuscita a infliggere una sconfitta ai ragazzi di coach Fiorani, ma i bolzanini riescono a mantenere le distanze grazie alla buona vena dei due giocatori più giovani, Pedron e Trentini – classe 2002, autori rispettivamente di 16 e 15 punti finali.

Il terzo quarto si chiude sul +20, 54 – 34.

L’ultimo quarto non riserva particolari sorprese, i Piani Junior amministrano il vantaggio e chiudono con il risultato finale di 80 – 62.

La serie ora è sul 1-0 per i Piani Junior che, archiviata la prima gara, pensano già a recuperare le energie per gara 2 in programma mercoledì 22 maggio, sempre al Palamazzali alle ore 21:30.

Parziali: 17-12; 19-12; 18-10; 26-28

 

Tabellini Piani Junior:
Cravedi 2, Tognotti 6, Antonelli 10, Bonavida 12, D’Alessandro 4, Braghin 13, Pedron 16, Trentini 15, Dieng, Zanderigo, Valerio, Morghen

Tabellini BC Gardolo:
Bailoni 8, Dellai 2, Savoia 6, Trivarelli 9, Bertoluzza 2, Angelini, Valer 20, Perenzoni, Claus 5, Gambino 6, Trinca 4

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Sport

Un’altra conferma in casa Foxes: Dan Catenacci al suo secondo anno in biancorosso

Pubblicato

-

In attesa di altri volti nuovi, l’HCB Alto Adige Alperia prosegue il suo mercato in vista della stagione 2019/20 con la conferma dell’attaccante italo-canadese Dan Catenacci, che si prepara così a vivere il suo secondo campionato con la maglia dei Foxes.

La direzione sportiva biancorossa sta lavorando duramente per costruire una squadra competitiva a fronte del nuovo sistema a punti della Erste Bank Eishockey Liga, che inoltre quest’anno vede i punteggi dei giocatori italiani alzarsi sensibilmente rispetto alla stagione passata. La conferma di un attaccante con passaporto italiano del calibro di Catenacci si rivela quindi importantissima nell’ottica della finalizzazione del roster.

Il 26enne attaccante nativo di Richmond Hill, Ontario, sbarca in Europa un anno fa, seguendo le orme “italiane” del padre (Maurizio Catenacci tra gli anni ’80 e ’90 giocò in Serie A vestendo le maglie di Varese, Milano, Cortina, Fiemme e Brunico) e scegliendo la casacca biancorossa.

Arriva a Bolzano con un curriculum di tutto rispetto: 309 partite e 113 punti in AHL, il draft di Buffalo del 2011 e le 12 presenze in NHL tra i Sabres e i New York Rangers. Nei primi mesi altoatesini convince il pubblico con le sue giocate e la sua indubbia qualità, mettendosi in luce sia in Champions Hockey League che in campionato, per poi rallentare il ritmo accusando un calo di prestazione generale da parte della squadra. Conclude la stagione con 32 punti in 50 partite (12+20).

Adesso Catenacci è pronto a ricominciare, schiacciando il piede sull’acceleratore dal primo all’ultimo minuto della prossima stagione: “Sono felicissimo di tornare – spiega – l’anno scorso ho finito il campionato arrabbiato e poco soddisfatto: abbiamo avuto un’ottima prima metà di stagione, poi le mie prestazioni e quelle della squadra sono calate. Sono grato di avere l’opportunità di tornare e dare tutto quello che ho per vincere la coppa. Ho imparato tanto dalla mia prima stagione in Europa e sto contando i secondi che ci separano al nuovo inizio: voglio essere un leader per questa squadra, lavorare duro e dare il 110% ogni giorno”.

Poi parole dirette alla tifoseria biancorossa: “Perché ho deciso di tornare? Per i fans e per la città. I tifosi del Bolzano non sono secondi a nessuno per passione e attaccamento e come squadra non possiamo fare altro che portar loro un’altra vittoria. Da parte mia prometto che questa stagione sarà fantastica e che ci sbatteremo fino all’ultima goccia di sudore per voi, ragazzi! Tornerò più forte e migliore e darò tutto il mio cuore per il Bolzano e per i tifosi”.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza