Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Società

Influencers. Perché ci piacciono, li seguiamo e ci vergogniamo a dirlo

Pubblicato

-

Il 68% degli intervistati prova un sentimento di tristezza verso gli influencer. Meno di 1 italiano su 10 ammette che vorrebbe essere un influencer. Attenzione: solo il 4% si affida ai consigli degli influencer in modo consapevole 

Dicembre 2019. Il Natale si avvicina, e con esso aumenta in modo esponenziale il bombardamento pubblicitario a cui siamo sottoposti.

Da qualche anno a questa parte, oltre alle pubblicità tradizionali, fatte di volantini, annunci radio e tv, banner, mail e testimonial, ci sono anche loro: l’esercito degli influencer!

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

Spaziano ogni settore e si dividono in categorie a seconda del numero di follower di cui dispongono. I brand sono disposti a investire sempre di più su questa forma di pubblicità non convenzionale.

Però resta sempre il dubbio: questo investimento funziona davvero? E soprattutto, cosa ne pensano i consumatori?

Gli esperti di Guidapsicologi.it dialogano con gli utenti sul fenomeno influencer per capire fino a che punto questi personaggi possono condizionare le nostre abitudini d’acquisto, gusti e necessità.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

Vince la tristezza

Parlando di reazioni, davanti al fenomeno influencer il 68% degli intervistati prova un sentimento di tristezza, mentre si dividono in modo equo coloro che provano invidia (16%) e ammirazione (16%).

Spiega il Dott. Jacopo Biraschi, «Le dinamiche alla base della relazione follower-influencer possono essere associate a quelle spettatore-personaggi di un film. Apprezziamo un film perché la nostra mente tende automaticamente a immedesimarsi nella storia narrata, empatizzando e identificandosi con i personaggi, mezzi di trasporto del significato del film, del messaggio del regista. La mente agisce come se ciò che guardiamo fosse vero, facendoci sperimentare emozioni come simpatia e ammirazione, odio e disprezzo. L’influencer è il personaggio di un film estremamente complesso, dal titolo Social Network. I follower tendono a identificarsi con i personaggi, assimilando il massaggio da loro veicolato (brand e pubblicità) come proprio. È una sorta di danza di costruzione e strutturazione del senso di identità, mediato dalla visione del film».

Non ci piacerebbe essere influencer

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

Stando a quanto emerge dalle dichiarazioni degli intervistati, solo l’11% riconosce che vorrebbe essere un influencer, mentre l’89% non ci pensa proprio e anzi, critica aspramente la possibilità di svolgere questa attività.

Il gruppo del sì non ha dubbi, sono i guadagni ritenuti facili, a giustificare il sogno di essere influencer.

Il gruppo del no trova le proprie giustificazioni nel non volere entrare nelle dinamiche di un sistema che non condivide.

 Seguiamo o non seguiamo?

Sempre secondo le affermazioni dei consumatori, il 75% non segue nessun influencer, mentre il 25% segue qualcuno, e di questi solo il 3% ammette di seguire tutti gli influencer top del momento.

Le ragioni dei reticenti si poggiano sull’idea che è sempre meglio decidere ed eventualmente sbagliare con la propria testa piuttosto che farlo condizionati da altri.

«Tra follower e influencer la relazione è asimmetrica. Ammettendo di seguire qualcuno si riconosce e accetta di stare in platea, ponendosi sul lato “sfavorevole” della bilancia. A livello personale significa affermare un qualcosa che può suscitare vergogna: che l’altro ha più potere di noi e ricopre una posizione di maggior prestigio, che lui è l’attore e noi gli spettatori» afferma il Dott. Jacopo Biraschi.

È interessante vedere come questa forma di promozione risulti da condannare nell’immaginario collettivo rispetto a quella del più tradizionale testimonial, che è sempre esistito, e della pubblicità tradizionale, che da quando esistono muovono enormi quantità di denaro e opinioni di massa, influenzando gli acquisti, le mode e i bisogni di intere popolazioni.

«Gli influencer di oggi hanno almeno tre caratteristiche che li distinguono dai testimonial di ieri: sono più disponibili, online 24 ore su 24, 7 giorni su 7, sono più specifici, esistono talmente tanti influencer diversi da permetterci di sceglierne uno su misura per noi, sono meno distanti, rappresentano una realtà che non è più quella irraggiungibile della stella del cinema, ma raffigura la spontaneità del quotidiano».

Ci fidiamo o non ci fidiamo?

La risposta è no: solo il 4% si fida, mentre il 96% si dichiara scettico rispetto alle raccomandazioni degli influencer – o almeno così dice – perché le dinamiche di promozione sono ormai troppo evidenti.

Una conclusione che sorprende alquanto, visto che la maggior parte degli utenti di Instagram, oltre ai propri contatti diretti (amici e conoscenti), segue anche un buon numero di profili semplicemente perché ritenuti interessanti.

Sorge quindi spontaneo pensare che siano in molti a non essere pienamente consapevoli di star seguendo proprio degli influencer, e che essi condizionano le loro scelte quotidiane.

Aggiunge il Dott. Jacopo BiraschiLa consapevolezza è una parte molto ridotta della nostra mente, la quale opera per lo più in modo automatico e inconscio. Quello che avviene a livello più profondo è una fusione della persona con i social: una realtà parzialmente virtuale e composta da piattaforme differenti, divenuta ormai parte integrante del nostro senso di identità, struttura in piena regola del nostro Io, un Io che pur passando la maggior parte del tempo in platea non può fare a meno, anche se per un tempo limitato, di salire sul palcoscenico».

Resta da chiarire il perché di questo odio verso la categoria, e scopriamo che «è sostenuto dalla rabbia, la quale a sua volta si basa sul senso di ingiustizia.

Seguendo un influencer ci si potrebbe rendere conto che non è poi così diverso da noi, che non ha fatto chissà cosa per ricoprire quel ruolo, che in fondo anche noi potremmo essere la suo posto!

È qui che ha origine il senso di ingiustizia che sostiene l’odio degli haters, i quali finiscono per divenire ipercritici, addirittura aggressivi, pur di screditare ed umiliare l’influencer non ritenuto degno del suo ruolo.»

Chi sono i più seguiti?

Malgrado l’astio (apparente o veritiero) suscitato dalla categoria, gli influencer continuano ad aumentare i propri followers, e con essi i contratti e le collaborazioni con i brand.

Ma chi sono i più seguiti?
Il primo posto se lo aggiudicano la categorie Food & Travel con il 54%, seguono Moda & Design (23%) e Sport & Health (23%).

Queste nuove figure sono ormai una realtà consolidata, che al momento non sembra avvertire battute d’arresto.

Se è vero che l’opinione popolare tende a condannare pubblicamente la loro esistenza e la liceità delle loro sponsorizzazioni, dall’altro continua a premiarli in privato, elargendo cuori, facendo swipe up e probabilmente finendo per comprare negli e commerce proprio i prodotti da loro promossi, chiudendo così il ciclo di conversione e confermando il potere degli influencer.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Bolzano1 ora fa

Presentato il nuovo collegamento pedociclabile Corso Libertà, Parco Petrarca, Prati del Talvera

Alto Adige3 ore fa

Consiglio provinciale dei bambini: 5ª edizione con formula rinnovata, iscrizioni aperte

Bolzano5 ore fa

Il nuovo Alto Adige Pass business, con vantaggi per le aziende e i loro collaboratori, presentato a Bolzano

Bolzano5 ore fa

“ABC – Autostrada del Brennero in Città”: venerdì 27 maggio a Bolzano la premiazione delle classi vincitrici

Sport21 ore fa

«Rudbeckia Amarillo Gold» brilla insieme all’FCS, testimonial della splendida pianta dell’Associazione Floricoltori altoatesini

Alto Adige22 ore fa

Tavolo di coordinamento per la prevenzione della violenza di genere

Alto Adige22 ore fa

Sono 23 gli uomini che hanno completato la loro formazione da vigile del fuoco professionista

Bolzano22 ore fa

In 31 pronti a diventare segretario comunale: consegnati a Palazzo Widmann i diplomi

Alto Adige23 ore fa

I Carabinieri di Silandro e dei NAS di Trento chiudono un supermercato a causa dei topi

Bressanone24 ore fa

Centro di mobilità di Bressanone, sabato 28 maggio il taglio del nastro e la consegna del premio “Stazione dell’anno”

Alto Adige1 giorno fa

Borse di studio in medicina: 18 posti all’UMCH di Amburgo

Arte e Cultura1 giorno fa

Martedì 24 maggio alla biblioteca provinciale “Friedrich Teßmann”, autori altoatesini propongono una serie di letture dedicate al conflitto in Ucraina

Alto Adige1 giorno fa

Coronavirus: 9 casi positivi da PCR e 212 test antigenici positivi

Val Venosta1 giorno fa

Alloggi Ipes in val Venosta, italiani penalizzati, Urzì: «criteri di assegnazione da rivedere»

Merano1 giorno fa

Merano: serata informativa sui lavori in via Portici e via Leonardo Da Vinci

Bolzano2 settimane fa

Bolzano, alla fermata dell’autobus trovato il corpo senza vita di un 60enne

Alto Adige3 settimane fa

Coronavirus: 8 casi positivi da PCR e 124 test antigenici positivi

Alto Adige3 settimane fa

Coronavirus: 45 casi positivi da PCR e 496 test antigenici positivi

Bolzano2 settimane fa

Il Lido di Bolzano riapre al pubblico sabato 21 maggio: tariffe invariate

Bolzano2 settimane fa

Bolzano, sgomberato uno stabile in disuso: tunisino aggredisce 4 agenti, arrestato

Sport2 settimane fa

Biglietti FC Südtirol – Modena. Le modalità di acquisto dei ticket per gara-3 della Supercoppa di Serie C 2022

Benessere e Salute3 settimane fa

Come avviene un richiamo di prodotti alimentari? Mangiare, bere ed altre delizie: lo sapevate che…?

Musica3 settimane fa

Bolzano Festival Bozen 2022 «Musica senza confini»

Merano3 settimane fa

Referendum abrogativi popolari del 12 giugno 2022

Val Pusteria4 settimane fa

Era scomparsa a Valdaora: trovata dopo tre mesi la salma di Marianne Sagmeister

Alto Adige2 settimane fa

Coronavirus: tre i nuovi decessi, inoltre14 casi positivi da PCR e 536 test antigenici positivi

Italia ed estero4 settimane fa

Stop al canone RAI in bolletta. Cosa cambia dal 2023?

Alto Adige1 settimana fa

Bolzano: controlli della Polizia di Stato nel capoluogo, un denunciato per detenzione di cocaina e due espulsioni

Bolzano4 settimane fa

Ipertrofia Prostatica Benigna: a Bolzano i nuovi trattamenti non chirurgici

Scienza e Cultura4 settimane fa

“Rapaci: affascinanti e letali”: appuntamento il 26 aprile al Museo di Scienze

Archivi

Categorie

di tendenza