Connect with us

Ambiente Natura

Inseriti 17 “insiemi” nel piano urbanistico e paesaggistico di Lagundo

Pubblicato

-

La Giunta provinciale ha approvato martedì 14 luglio una delibera presentata dall’assessora provinciale competente Maria Hochgruber Kuenzer con la quale vengono inseriti 17 “insiemi” da tutelare nel piano urbanistico e paesaggistico del Comune Lagundo.

Nel dettaglio gli insiemi riguardano: Bachguter – Latteria, Steinach, Steinhuber, Rio Molino – Centro, Foresta, Unterdorner – Lasarus, Vecchio Paese, Ochsentod, Waalweg, Zollbinder, Bogner – Stickler, Castello Plars,  Plars di Sopra – Oberwiester-Rabeiner, Plars di Sopra – Sant’Ulrico, Velloi, seggiovia Velloi – Leiteralm ed infine Riolagundo.

Il catalogo degli “insiemi” di Lagundo – Nel periodo compreso tra il 2006 ed il 2013 una commissione, nominata dal Comune di Lagundo, ha elaborato, assieme allo storico Martin Laimer, un catalogo degli insiemi da tutelare.

Pubblicità
Pubblicità

Con il termine “insieme” la legge intende “insiemi di elementi, in particolare vedute di strade, piazze e parti edificate come pure i parchi ed i giardini, compresi i singoli elementi di tali impianti costituiti dal verde, da spazi liberi e specchi d’acqua.”

Il catalogo bilingue degli “insiemi” del Comune di Lagundo elaborato dalla commissione può essere consultato al seguente link.

“Il catalogo elaborato dal Comune di Lagundo contiene insiemi che hanno rilievo sotto il profilo storico, paesaggistico e della cultura architettonica. Lo scopo della definizione degli insiemi da tutelare non è quello di limitare la pianificazione paesaggistica, bensì di evidenziare le notevoli potenzialità esistenti nel territorio del Comune di Lagundo” sottolinea l’assessora provinciale.

 – Il catalogo è stato redatto sulla base della legge sul territorio ed il paesaggio in vigore all’epoca, ma la tutela degli insiemi è parte integrante anche della nuova legge entrata in vigore il 1° luglio 2020.

La tutela degli insiemi fa parte del programma di sviluppo dei Comuni e rientra quindi nelle competenze dell’Ufficio per la programmazione paesaggistica.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza