Connect with us

Politica

Kompatscher incontra la difensora civica, PA più vicina ai cittadini

Pubblicato

-

Sono state oltre 6.000 le persone che, nel corso del 2018, si sono rivolte alla Difesa civica, l’organo del Consiglio provinciale che si occupa di esaminare i reclami e di offrire consulenza e mediazione in caso di conflitti tra cittadini e pubblica amministrazione. Nei giorni scorsi la difensora civica, Gabriele Morandell, ha incontrato il presidente della Provincia Arno Kompatscher per fare il punto della situazione in Alto Adige.

I numeri risultano essere in crescita non solo per quanto riguarda le consulenze, ma anche per quanto concerne i reclami, che per la prima volta hanno superato quota 1.000: un terzo a carico dei comuni, il 20% nei confronti dell’amministrazione provinciale e il 17% (in aumento) nei confronti dell’Azienda sanitaria.

Si tratta di cifre da tenere in elevata considerazione – spiega Kompatscher – e che devono spingerci a migliorare ulteriormente l’efficienza della pubblica amministrazione nei confronti dei cittadini. L’obiettivo comune è quello di ridurre le controversie e rendere la macchina pubblica sempre più moderna ed efficace. Un contributo fondamentale, da questo punto di vista, dovrebbe arrivare dalla digitalizzazione che sarà in grado di ridurre la distanza tra cittadini e PA”.

Pubblicità
Pubblicità

Il presidente altoatesino, infine, ha ribadito l’importanza della presenza di un organo come quello della Difesa civica “in grado non solo di tutelare e sostenere la popolazione, ma anche di rivolgere alle istituzioni gli input necessari a migliorare le proprie procedure”.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza