Connect with us

Merano

La madre di Alexandra:”Johannes era cambiato dopo la malattia della figlia”

Pubblicato

-

“Beutel era cambiato dopo la malattia di una delle due bambine”. A riferirlo è la madre della 34enne uccisa a Merano lunedì.

Secondo Margit Riffeser, il marito della sua Alexandra non era più lo stesso dopo la leucemia che aveva colpito una delle figlie, anche se il male era stato alla fine superato.

“Alexandra stava cominciando una nuova vita dopo la guarigione della bambina e il marito non l’accettava – ha commentato la madre della donna – e in seguito alla malattia qualcosa nel rapporto di coppia si era incrinato“.

Pubblicità
Pubblicità

Una lotta per la guarigione, cominciata un paio di anni fa, aveva cambiato  profondamente la relazione della coppia. Un’esperienza segnante che aveva inferto il colpo finale al matrimonio e che li stava portando verso la separazione.

E ancora “Avevo provato ad avvertirla. Le avevo detto di stare attenta”.

Beutel, austriaco di 38 anni, ha ucciso la moglie Alexandra Riffeser con almeno una dozzina di fendenti sferrati, non è chiaro se per impeto o se in seguito a una discussione – rende noto la Procura – con un coltello a farfalla, un modello estraibile con doppia impugnatura.

Ulteriori elementi delle indagini sposterebbero l’ora dell’omicidio dalle 13.30 alle 13, poco prima del rientro da scuola delle figlie della coppia.

Era da sola Alexandra. Nessuno che potesse sentire le sue grida di aiuto. All’arrivo della sorella Isabel era riversa a terra, in una pozza di sangue. Poco distante lui, Johannes.

L’autopsia sul corpo della vittima, che verrà eseguita su incarico della Procura di Bolzano, è fissata per sabato. Solo allora l’anatomopatologo Dario Raniero riuscirà a quantificare il numero di colpi inferti e a dire quali sono sono stati quelli fatali.

La gelosia il movente, come ha spiegato l’uomo, reo confesso dell’omicidio, al sostituto procuratore di Merano Igor Secco.

Beutel affronterà l’interrogatorio di garanzia in carcere, dove è rinchiuso con l’accusa di omicidio volontario aggravato, assistito dall’avvocato meranese Markus Vorhauser.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza