Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Alto Adige

L’assessore Achammer ha incontrato il ministro Giorgetti a Roma

Pubblicato

-

Pubblicità


Pubblicità

L’assessore provinciale e il ministro si sono confrontati sulla necessità dell’Alto Adige di avere regole proprie per gli orari di apertura dei negozi e sul fabbisogno di forza lavoro specializzata.

In quanto agli orari di apertura dei negozi l’Alto Adige segue una sua chiara direzione: la regolamentazione degli orari di apertura deve garantire ai dipendenti il diritto alle domeniche libere ed ai giorni di ferie, giorni da dedicare al riposo ed alla famiglia.

Con una regolamentazione autonoma e per legge degli orari di apertura dei negozi, come Provincia di Bolzano possiamo rendere giustizia in modo migliore non solo ai cittadini, ma anche alle esigenze e alle caratteristiche peculiari del nostro piccolo territorio“, ha detto l’assessore provinciale Philipp Achammer, che sul tema si è confrontato ieri (12 luglio), a Roma, con il ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

Al centro del colloquio non c’è stata solo la liberalizzazione degli orari di apertura dei negozi, Achammer e Giorgetti hanno parlato anche del fabbisogno di forza lavoro specializzata dell’economia altoatesina.Abbiamo bisogno di un’immissione, mirata e basata su criteri di qualità, di forza lavoro qualificata. Solo così i lavoratori qualificati potranno essere efficacemente, specificamente e ben integrati nelle nostre aziende“.

Regolamentazione autonoma degli orari di apertura nell’interesse dei piccoli negozi – La regolamentazione degli orari di apertura dei negozi, come è noto, rientra nelle competenze esclusive dello Stato. A questo proposito l’assessore Achammer ha ricordato al ministro Giorgetti che, prima del decreto di liberalizzazione del governo Monti, la Provincia di Bolzano aveva emanato norme proprie.

“I provvedimenti assunti con il decreto Monti non hanno avuto per l’Alto Adige l’effetto sperato, anzi, al contrario”, ha detto l’assessore Achammer. Gli acquisti vengono distribuiti su sette anziché su sei giorni settimanali, senza che il fatturato globale dei negozi sia cresciuto significativamente. “La regolamentazione ha fatto gli interessi della grande distribuzione. In una regione montana economicamente poco strutturata come l’Alto Adige, a farne le spese sono soprattutto l’offerta locale, i piccoli negozi e le botteghe di vicinato, che a loro volta svolgono un’importante funzione sociale, rendono le località attraenti e vivaci e aumentano la qualità della vita“.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

Achammer: “Difendere i piccoli negozi da una liberalizzazione selvaggia” – L’Alto Adige è caratterizzato da “una struttura commerciale molto particolare”, con tanti piccoli negozi ed imprese familiari. Una realtà che in molte regioni, ma nemmeno in altri Länder federali dell’Austria e della Germania esiste più, ha spiegato l’assessore Achammer al ministro dello Sviluppo economico. “Ed è per questo che i piccoli esercizi presenti in Alto Adige vanno tutelati dalla liberalizzazione selvaggia degli orari di apertura”.

Una norma d’attuazione in tal senso è stata approvata dalla Commissione dei Dodici nel settembre del 2021. Ora il passo successivo, cioè la procedura per l’approvazione definitiva di questa norma di attuazione dello Statuto di Autonomia del Trentino-Alto Adige, che deve essere portata avanti, ha detto l’assessore provinciale Achammer nel suo accorato appello al Ministro dello Sviluppo economico Giorgetti, che ha assicurato di sostenere la regolamentazione degli orari di apertura dei negozi.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Val Pusteria4 settimane fa

Pannelli fotovoltaici da balcone per attutire il caro-bollette

Vita & Famiglia3 settimane fa

Peppa Pig. Pro Vita Famiglia: RAI non trasmetta episodio con “due mamme”

Bolzano3 settimane fa

Giorgia Meloni sabato pomeriggio a Bolzano

Alto Adige4 settimane fa

IPES, insostenibili per le famiglie gli importi delle spese condominiali richieste a partire da settembre

Italia ed estero3 settimane fa

Morta la regina Elisabetta, aveva 96 anni. Fine del regno più lungo della storia

Bolzano4 settimane fa

Benno Neumair in aula: tanta arroganza e poca chiarezza

Alto Adige3 settimane fa

Sanità: formati dodici nuovi medici di medicina generale

Merano4 settimane fa

Il Vice Questore aggiunto Carlo Casaburi è il nuovo dirigente del Commissariato di P.S. di Merano

Bolzano4 settimane fa

Bolzano, arrestato dalla Squadra Mobile un rapinatore seriale

Laives3 settimane fa

Tragico scontro auto – moto che prendono fuoco, due morti

Val Pusteria4 settimane fa

Incidente in moto nel tardo pomeriggio di ieri sulla strada tra Brunico e Falzes

Bolzano3 giorni fa

Bolzano, pessime condizioni igienico sanitarie e presenza di stupefacenti: disposta la chiusura del “Bar Ristoro Baccio” in via Milano

Bolzano3 settimane fa

Furto del monopattino elettrico, subito individuati dalla Polizia di Stato ladro e ricettatore

Alto Adige4 settimane fa

Percorre la corsia telepass in contromano al casello di Bolzano sud, fermato dalla Polizia Stradale

Bolzano3 settimane fa

Minacce di morte in una lettera anche ad Alessandro Urzì e Alessia Ambrosi

Archivi

Categorie

di tendenza