Connect with us

Alto Adige

Le Start up più “smart” grazie ai fondi del Ministero. Da lunedì 20 scatta la presentazione delle domande per le nuove imprese innovative.

Pubblicato

-

Riparte “Smart&Start Italia”. Da lunedì 20 gennaio potranno essere presentate, esclusivamente per via telematica, le domande per chiedere le agevolazioni alle Start up innovative secondo le modifiche apportate dal Decreto Crescita a questo regime di aiuti.

Lo rende noto CNA Trentino Alto Adige, che precisa: “Sarà importante non perdere l’attimo: le agevolazioni verranno concesse in base all’ordine cronologico di arrivo delle istanze”.

CNA regionale mette a disposizione il Digital Innovation Hub Nordest di Padova. I cambiamenti introdotti dal Decreto Crescita riguardano la semplificazione dei criteri di valutazione e di rendicontazione, il rafforzamento delle agevolazioni e l’introduzione di nuove premialità, in particolare nei confronti delle imprese meridionali, femminili e giovanili.

Pubblicità
Pubblicità

Nello specifico, il finanziamento agevolato è concesso in misura pari all’80 per cento delle spese ammissibili (dal 70 per cento cui ammontava) e con un periodo di ammortamento decennale, mentre il precedente era di otto anni. Per le Start up già attive nelle regioni settentrionali che sono intenzionate e realizzare piani d’impresa nel Mezzogiorno sono stati previsti nuovi criteri premiali.

Per le Start up localizzate nel Sud la quota di agevolazioni a fondo perduto è salita dal 20 al 30 per cento. Per le imprese costituite da sole donne (con meno di 36 anni o con un socio ricercatore nella compagine) il finanziamento agevolato viene condotto fino al 90 per cento delle spesse ammissibili, segnando un incremento del 10 per cento rispetto alle disposizioni abrogate. Fra le nuove premialità sono state inserite quelle legate alla collaborazione con organismi di ricerca e con i Digital Innovation Hub.

Smart&Start Italia” è una misura riservata alle Start up innovative di piccole dimensioni localizzate su tutto il territorio nazionale, iscritte nella sezione speciale del Registro imprese e costituite da non oltre cinque anni al momento in cui viene presentata la domanda.

Alle agevolazioni possono essere ammessi i piani d’impresa, dall’importo compreso tra 100mila euro e 1,5 milioni, finalizzati alla produzione di beni e all’erogazione di servizi.

Tali piani devono presentare almeno una delle seguenti caratteristiche: 1) significativo contenuto tecnologico e innovativo; 2) sviluppo di prodotti, servizi e soluzioni nel campo dell’economia digitale (oppure dell’intelligenza artificiale, della blockchain o dell’Internet delle cose); 3) valorizzazione economica dei risultati del sistema della ricerca pubblica e privata.

Alto Adige

Furti in appartamento in provincia di Bolzano: pronto l’inventario della merce rubata

Pubblicato

-

Come si ricorderà, poco prima di Natale i Carabinieri del Nucleo Investigativo di Bolzano hanno arrestato due ladri residenti nel veronese ma di origine albanese, di 27 e 26 anni, accusati  di aver compiuto, nel periodo novembre – dicembre 2019, numerosi furti e tentati furti in tutta la provincia di Bolzano (“Furti in serie negli appartamenti dai “ladri pendolari”: fermati due albanesi“).

Nel proseguo dell’indagine – commentano i militari dell’Arma – è stato possibile allargare il “periodo di azione” con furti effettuati sin dal gennaio 2019 e fino alla data del loro arresto, avvenuto nel dicembre scorso, anche operando nella provincia di Trento.

Sono in corso ulteriori verifiche per accertare il coinvolgimento di altre province limitrofe. In tale frangente è stata recuperata moltissima merce e valori considerati provento di furto.

Pubblicità
Pubblicità

Sono terminate quindi le operazioni di inventario e molti dei proprietari dei valori sono già stati contattati dai Carabinieri per la loro restituzione.

In alcuni casi invece si è ancora in attesa dell’effettivo riconoscimento, e per velocizzare le operazioni i Carabinieri di Bolzano hanno trasmesso il fascicolo fotografico ai rispettivi Comandi dell’Arma per la relativa competenza territoriale ove si è accertato essere avvenuto il furto o dove è stata sporta la denuncia.

Per tale motivo si invitano le eventuali vittime a prendere contatto con i Carabinieri del proprio luogo di residenza o dove è stata sporta la denuncia di furto (anche se si è sporta presso un ufficio della Polizia di Stato si devono contattare i Carabinieri del posto).

Allo stato attuale i furti accertati attribuiti ai due ladri (al momento ancora in Carcere) sono 57 colpi. In alcuni casi non era stata formalizzata la denuncia ma su input dei Carabinieri si è potuto ricostruire esattamente i fatti e restituire i valori rubati.

Si ricorda che il modus operandi dei due malfattori è sempre stato quello di colpire le abitazioni in orario del tardo pomeriggio / serale, penetrando negli appartamenti lasciati momentaneamente incustoditi dai proprietari. In alcuni casi grazie alla grande scaltrezza e determinazione dei due, bastava anche una breve assenza di pochissimi minuti dei proprietari per colpire.

I colpi attribuibili ai due cittadini albanesi arrestati sono quelli solamente avvenuti in tale fascia oraria“, sottolineano i Carabinieri.

 

Continua a leggere

Alto Adige

Controlli dei Nas nei negozi per animali: sequestrati più di 350 chili di alimenti irregolari in provincia di Bolzano

Pubblicato

-

I Carabinieri del NAS di Trento assieme ai Carabinieri di Bolzano, hanno eseguito nei giorni scorsi in tutta la provincia di Bolzano, numerosi controlli in negozi per la vendita di alimenti e mangimi per animali.

Al pari di chi somministra e vende alimenti per il pubblico, gli esercenti di questi esercizi sono obbligati a rispettare le norme di conservazione ed etichettatura per i mangimi ed alimenti dedicati agli animali da compagnia.

In un negozio di Laives tali norme sono state in parte disattese, avendo trovato circa 170 confezioni di alimenti per cani con data di scadenza già passata e circa 20 scatole di cibo con etichette non conformi ai requisiti di Legge.

Pubblicità
Pubblicità

Più di 350 kg di alimenti sono stati sequestrati per un valore di circa 2.000 euro, e ne è scaturita una segnalazione al Servizio Veterinario di Bolzano (autorità preposta per le sanzioni) che ha subito emesso un decreto di distruzione del mangime, togliendolo di fatto dal mercato.

Continua a leggere

Oltradige e Bassa Atesina

Minibus in fiamme a Caldaro, salvo l’autista

Pubblicato

-

Minibus in fiamme (fortunatamente senza passeggeri a bordo) questa mattina poco prima delle sei a Caldaro, lungo la strada del Vino, all’altezza del ristorante Ritterhof.

Immediato l’intervento di circa 40 uomini dei vigili del fuoco di San Giuseppe al Lago, Caldaro e Termeno che in poco tempo hanno domato l’incendio.

L’autista ha abbandonato il veicolo in tempo per non essere inghiottito dal rogo. Durante le operazioni di soccorso la strada è stata chiusa al traffico.

Pubblicità
Pubblicità

Sull’accaduto indagano ora i carabinieri.

Continua a leggere

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza