Connect with us

Sport

Lo sport riparte, Kompatscher: appello alla responsabilità personale

Pubblicato

-

Dopo l’entrata in vigore della legge statale sulla Fase 2 dell’epidemia da nuovo coronavirus, il presidente della Provincia e assessore allo sport Arno Kompatscher ha invitato il 12 maggio tutte le associazioni e i club sportivi a un incontro virtuale.

Circa 50 rappresentanti di spicco del mondo sportivo altoatesino hanno accettato l’invito e hanno parlato con il governatore della graduale ripresa, passo dopo passo, delle attività sportive.

La nuova legge provinciale riporta nuovamente libertà maggiori in molti settori. Questo vale anche per lo sport” ha informato il presidente.

Pubblicità
Pubblicità

Le questioni di cosa è permesso, cosa non lo è e quali misure di protezione devono essere osservate sono state al centro dello scambio di informazioni, al quale hanno partecipato anche la direttrice della Ripartizione sport, Marion Markart, nonché il direttore dell’ufficio responsabile Armin Hölzl e la sua vice Laura Savoia.

Sport all’aperto consentiti senza autodichiarazione

E’ stato sottolineato che, secondo la normativa statale, solo gli atleti di alto livello (atleti di interesse nazionale) sono attualmente autorizzati a partecipare ad allenamenti organizzati nel rispetto di tutte le misure di prevenzione e protezione.

Gli sport all’aperto, invece, sono permessi per tutti. L’autodichiarazione non è più necessaria.

Tutte le attività sportive individuali sono possibili. In considerazione dell’aumentato rischio di infezione, gli sport di squadra non possono essere praticati al momento” ha spiegato Kompatscher.

Per lo sport vale una distanza di sicurezza di tre metri. Se questa non può essere mantenuta, le vie respiratorie devono essere protette. Fanno eccezione le persone che vivono insieme nella stessa casa.

Nuova legge, ok agli impianti sportivi all’aperto

La nuova legge provinciale consente l’uso all’aperto degli impianti sportivi. Tuttavia, gli spogliatoi e le docce devono rimanere chiusi.

Sull‘apertura degli impianti sportivi decide il gestore, che è anche responsabile del rispetto delle misure di prevenzione e protezione e dei sistemi di supervisione.

Questo significa che si può aprire un campo da tennis, un campo da golf, un poligono di tiro o una pista da corsa” ha detto il presidente.

Sono state discusse anche le possibilità di sostegno finanziario. Il presidente ha annunciato un finanziamento speciale per i club per l’autunno, per tenere conto delle minori entrate derivanti dalle tasse dei corsi, dalle sponsorizzazioni e dagli eventi.

Kompatscher ha concluso con un appello alla responsabilità personale e ha invitato gli oltre 900 club e associazioni con più di 151.200 soci e oltre 20.000 dipendenti a diffondere consapevolezza per convivere con il virus.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza