Connect with us

Le nostre storie

Monica, angioletto in prima linea combatte il Coronavirus con il sorriso

Pubblicato

-

Mi sento più a mio agio a stare con i pazienti che ad andare a fare la spesa, mai più!”.

Così scrive Monica Paulati sul suo profilo Fb. Profilo seguito da amici ed amiche che ogni giorno leggono i suoi post ironici che, da sempre, sdrammatizzano situazioni di vita quotidiane.

Adesso un po’ di più. Perchè Monica, angioletto di nome e di fatto, è speciale. Il suo modo di ironizzare anche sulle questioni serie, fa pesare meno il momento che stiamo vivendo e fa sentire tutti un po’ più tranquilli. Un po’ perchè il suo sorriso da forza ma anche perchè è infermiera in anestesia e in prima linea con chi ha contratto questo virus tremendo.

Pubblicità
Pubblicità

Monica, oggi si ritrova a lavorare in condizioni diverse da quelle a cui è abituata, deve indossare protezioni speciali molto scomode, intubare un paziente e collegarlo al respiratore, monitorare costantemente i parametri vitali durante un intervento e essere pronta a rianimare, se la situazione dovesse precipitare.

Sull’attenti e pronta a tutto in questo momento di emergenza in cui decisione, sangue freddo e competenza possono permetterle di salvare vite e anche stare vicino a chi invece non ce la fa. Un lavoro che ama e che non cambierebbe per nulla al mondo.

Nei suoi post su Facebook scrive lettere d’amore a suo figlio, con il quale limita il contatto a casa, ma senza esagerare: “Io e lui stiamo lontano pur stando vicini. Anche se qualche abbraccio e bacio, ci sta“, dice.

Anche da questa tragedia, riesco ad insegnare a mio figlio qualcosa: cosa vuol dire la privazione della libertà, quindi che nella vita si dovrà sempre comportare onestamente, perché la galera é peggio della quarantena; il rispetto della vita altrui e propria, perché sa che i nonni rischierebbero troppo con questo virus quindi ha capito che la quarantena non é un dispetto a lui, ma un gesto d’amore per non toglierli i suoi affetti;

che gli amici anche se non li vedi, ci sono sempre, per una volta si può dire viva la playstation; che il tempo che non dedico a lui, non é tempo perso. le prime cosa che mi chiede quando rientro a casa sono : com’è andata al lavoro e se sono stanca? – poi aggiunge un dolcissimo “ti amo”.

Qualche giorno fa cercava una macchina per il caffè e il mondo web si è mobilitato per fargliela avere. Sia mai che questa eroina e i suoi colleghi restino senza caffeina! O senza potersi fare un toast. Già sono stati senza mascherine… e via alla campagna per la raccolta fondi per la Croce Rossa, per poter comprare dispositivi di sicurezza, che costano troppi soldi. Potessimo inviare baci e abbracci, verrebbero sommersi d’amore.

Monica indossa mascherine e cuffiette colorate e prepara pane e prosciutto per i suoi colleghi “con i quali si litiga ma con i quali ci si vuole bene” e le persone nei commenti sotto alle sue foto, non si risparmiano con parole di apprezzamento: “bellissima persona, una grande, unica, tosta, un esempio per tutti, come madre come figlia come infermiera come guerriera, sempre con il sorriso anche quando vorrebbe piangere”.

Macchè piangere!!! – risponde lei – Noi siamo donne fortissime, ricordatelo sempre“.

Anche per questa intervista, non si è risparmiata sulla simpatia. Quando le ho chiesto se potevo farle qualche domanda, mi ha risposto” basta che non mi chiedi il peso”!

Monica, come è la tua vita a casa?

A casa vivo praticamente in camera, perché mio padre è altamente a rischio se prende il covid-19. Quindi cerco di stare a casa il meno possibile, e comunque, tra lavoro e croce rossa ho davvero poco tempo.

Cosa vorresti urlare a gran voce?

A voce alta vorrei solo urlare che nel nostro piccolo siamo utili tutti e tutte le categorie lavorative.

Chi riesce a rubarti un sorriso anche quando è dura?

Il sorriso me lo rubo da sola, visto che sono molto auto ironica e molto positiva. Poi chiaramente c’è mio figlio.

Quale sarà la prima cosa che farai quando tutto questo passerà?

Quando passerà tutto andrò in ferie, spero. Ho promesso a mio figlio un viaggio.

Monica e tutti i suoi colleghi che lavorano in ospedale, sono gli eroi dei nostri giorni, per lo sforzo sovrumano che stanno facendo per far fronte a questa urgenza. Ma, finita l’emergenza, dobbiamo ricordarci che gli anestesisti, i rianimatori e gli infermieri, sono eroi 365 giorni l’anno, perchè lottano tutti i giorni per salvare pazienti in condizioni critiche.

Sono tutti figli e figlie, madri e padri che combattono il diffondersi dell’epidemia. Donne e uomini che da settimane lavorano giorno e notte per arginare le conseguenze di un virus altamente contagioso. Arrivano a fine sera stanchi, sconfortati quando i malati non rispondono alle terapie, ma entusiasti perché consapevoli di aver contribuito a salvare vite umane.

Speriamo tutto questo insegni alla politica che è fondamentale spendere soldi nel sistema sanitario, piuttosto che buttarli in inutili scaldacollo e speriamo anche che alla fine, non siano sempre e solo i medici ad essere ricompensati.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Archivi

  • Il mega – yacht a forma di cigno: la straordinaria opera futurista dell’industria navale italiana
    La sintesi tra i confini della tecnologia e i massimi livelli di design applicati alla nautica è stata svelata e prende il nome decisamente caratteristico di “Avanguardia”, il nuovo yacht che nei prossimi mesi si farà sicuramente notare nei mari di tutto il mondo. Quest’opera avveniristica dell’industria navale salta agli occhi per la sua inconfondibile forma […]
  • Pacchetti “antistress “ in hotel di lusso: giornate alla ricerca del benessere
    Alternare il lavoro con il riposo, mettendo in pausa la routine quotidiana aggiunge una diversione alla vita e permette la splendida occasione di fare esperienze insolite, conoscere luoghi, persone e sopratutto non avere un’agenda giornaliera. In una società iperattiva è quindi indispensabile la ricerca dell’equilibrio perduto anche solo attraverso esclusivi pacchetti antistress in hotel di […]
  • Un solo tavolo al ristorante stellato, l’elegante genialità della ristorazione
    Il meglio delle esperienze che Venezia possa offrire è racchiuso in un luogo dove la declinazione dell’esperienza sarà il miglior servizio. Un posto non convenzionale che può essere scelto solo da coloro che accettano di non porre condizioni. Con geniale eleganza, Il Ristorante “Oro” dell’hotel Cipriani a Venezia rinasce mettendo in luce un dettaglio unico […]
  • A Bologna l’economia circolare in edilizia diventa realtà: arriva il nuovo asfalto 100% riciclato
    Un’edilizia circolare sempre più sostenibile dal punto di vista ambientale risulta una strada imprescindibile per il futuro dello sviluppo economico. Il riciclo dei materiali promette infatti oltre ad una sensibile riduzione dei rifiuti e dell’inquinamento, anche un’ottima soluzione per ottimizzare costi e ricavi. In un simile contesto risulta fondamentale lavorare sulla ridefinizione del ciclo produttivo […]
  • Una notte tra le Dolomiti e le stelle a 2055 metri di quota
    A pochi chilometri da Cortina tra cieli sconfinati e cattedrali rocciose esiste una camera che regala l’insolita emozione di ritrovarsi a dormire avvolti dall’affascinante magia di un paesaggio unico al mondo. La starlight Room, inclusa tra i dieci hotel più spettacolari del mondo, si trova infatti sopra al rifugio Col Gallina a 2055 metri in […]
  • “Vuoi costruire una piscina di pregio ma non sai bene da dove iniziare?” Comincia da qui
    Immagina un angolo di vacanza nel tuo giardino o terrazza, uno spazio accogliente e riservato dove poter dimenticare i problemi quotidiani e immergerti in momenti di benessere e relax da solo o con i tuoi cari. Magari è da un po’ che ci pensi ma qualcosa ti frena. Domande del tipo: “Da dove inizio? Mi […]
  • L’idea di rifugio si evolve in sostenibilità, design e tradizione
    Il giusto equilibrio tra sostenibilità, design e tradizione prende forma grazie all’innovativo progetto di due architetti italiani che, reinterpretando l’idea tradizionale di rifugio hanno progettato e realizzato “ The Mountain Refuge”. Si tratta di una piccola capanna modulare dalla forma semplice e minimale che vuole rievocare l’archetipo tradizionale mediante composizioni innovative e contemporanee. La struttura […]
  • Lindt realizza il sogno di ogni bambino: apre in Svizzera la Home of Chocolate
    La Lindt Home of Chocolate, in italiano “Casa del Cioccolato“, avrebbe dovuto aprire le porte al pubblico lo scorso maggio ma, a causa della pandemia di Covid-19 che sta ancora affliggendo la popolazione mondiale, Lindt ha dovuto rimandare questo dolce e atteso appuntamento al 10 settembre 2020. Questa Casa del Cioccolato, situata nella sede di Lindt& Sprüngli […]
  • Internet supera i confini del deserto con 30 palloni aerostatici
    Dal mondo della tecnologia arriva il primo passo verso una società più equa. Il 4G supera i confini del deserto e arriva in Kenya grazie a 30 palloni aerostatici alimentati ad energia solare per garantire una copertura di rete a 14 contee keniote altrimenti isolate. L’iniziativa è frutto di un accordo tra la compagnia telefonica […]
  • Percorso Kneipp: concludere le vacanze in Trentino in totale relax
    La strana e tanto discussa estate 2020 sta per giungere al termine. E, se ci si trova in Trentino Alto-Adige, cosa si può fare per concludere al meglio la propria vacanza? Una delle tappe da non perdere è sicuramente il Percorso Kneipp, Centro situato in Val di Rabbi, per la precisione nella Frazione S. Bernardo. Il […]

Categorie

di tendenza