Connect with us

Alto Adige

Natale, la più umana di tutte le nostre feste

Pubblicato

-

Un richiamo a una maggiore umanità proprio a Natale, “la più umana di tutte le feste“, arriva dal vescovo Ivo Muser nel suo messaggio per il Natale 2019.

Il vescovo rivolge un invito speciale ai giovani, “così importanti per il nostro futuro comune, affinché si impegnino per la pace e il senso di umanità nella nostra società.

Di seguito il testo del messaggio di Natale.

Pubblicità
Pubblicità

Dal presepe, Gesù proclama, con mite potenza, l’appello alla condivisione con gli ultimi quale strada verso un mondo più umano e fraterno, dove nessuno sia escluso ed emarginato“: sono parole tratte dalla Lettera apostolica “Admirabile Signum“ che papa Francesco ha pubblicato la prima domenica di Avvento 2019 e con la quale invita a riflettere sul significato e sul valore del presepe.

Dell’essere cristiani fa parte sempre la tutela del deboli, chiunque essi siano.

Un disinvolto culto di chi è forte e una mentalità del “noi siamo noi“ che vuole delimitare sono diametralmente opposti al mistero del Natale.

Lo scrittore tedesco Heinrich Böll, al quale non può certo essere attribuita una stretta vicinanza alla Chiesa, affermò una volta che avrebbe preferito anche il peggiore di tutti i mondi cristiani rispetto al migliore di quelli pagani, perchè in un mondo cristiano c’è posto per coloro ai quali nessun mondo pagano ha mai fatto spazio: per storpi e malati, per vecchi e deboli.

E ancor più che un posto, sempre secondo Böll, c’è l‘amore per coloro che al mondo pagano e senza Dio apparivano e appaiono inutili.

Natale ci dice: Dio stesso vuole incontrarci come persona, nel bambino di Betlemme, nelle parole e nei gesti di Gesù di Nazareth, nell’uomo crocifisso sul Golgota.

Dio si fa uomo, affinché gli uomini si possano incontrare e accettare come persone, affinché noi si rimanga umani.

Di questa umanità, per la quale Dio stesso si è deciso tramite l’incarnazione di Gesù, fa parte anche la disponibilità ad imparare e a praticare la pace.

E se talvolta ci diciamo: “ma io cosa mai posso fare per la pace nelle aree di crisi e di guerra?”, nessuno di noi può invece trovare facilmente giustificazioni quando si tratta di pace in concreto nella nostra realtà: nel matrimonio e nella famiglia, tra le generazioni, nei rapporti di vicinato e di parentela, nelle nostre scuole, nei luoghi di lavoro, nelle comunità parrocchiali, nei paesi e nelle città.

Quali passi concreti dovrei fare io, proprio io, in questa festa di Natale?

Cosa significa volere la pace in Alto Adige, impararla e praticarla?

Sappiamo gestire la nostra vita e convivenza come persone di pace, ossia non guardando all‘indietro ma con una prospettiva comune rivolta in avanti?

Solo con il dialogo e nell’ascolto attento e reciproco si possono chiamare per nome e curare le ferite procurate e ancora aperte.

Provocare e screditare l’altro non ci fa compiere passi avanti.

Quanto è stato raggiunto ed elaborato assieme non può essere messo a rischio gettando inutilmente e polemicamente benzina sul fuoco.

Auspico che ci venga donata la volontà di lavorare con decisione per l’unità nella diversità, in questa nostra terra e in un’Europa comune, dove si incontrano e si arricchiscono reciprocamente culture, lingue e confessioni religiose differenti.

Mi auguro che la nostra convivenza sia improntata alla ferma intenzione di imparare dalla storia dolorosa del XX secolo, che ha ferito e segnato anche l’Alto Adige attraverso due guerre mondiali, due sistemi dittatoriali e attraverso le sciagurate Opzioni.

Oggi abbiamo bisogno di segni concreti capaci di unire e riconciliare, segni che ci aiutino a conoscere assieme la storia, a raccontare, a interpretare e a perdonare.

In questo ci può aiutare un atteggiamento oggettivo: da tutte le parti ci sono state vittime e colpevoli.

Oggi tutti noi abbiamo la possibilità, giorno per giorno, con il nostro pensare, parlare e agire, di promuovere la pace o invece di avvelenarla.

In questa festività di Natale rivolgo un invito speciale ai giovani, così importanti per il nostro futuro comune, affinché si impegnino per la pace e il senso di umanità nella nostra società.

Lo faccio riprendendo le parole della mia “Lettera ai giovani della nostra Diocesi“ del marzo 2018: “Non concedete spazio nel vostro cuore alla disperazione, non permettete che la rassegnazione abbia in voi il sopravvento.

Al contrario: fatevi forza e fate il primo passo.

In ogni luogo del mondo e anche nella nostra terra non mancano esempi di come tanti piccoli primi passi possano cambiare il mondo e aprirlo a una nuova realtà.

A tutti auguro una festività di Natale con piccoli primi passi verso umanità e pace, dentro le relazioni concrete che animano la nostra vita.

Ringrazio tutti coloro che hanno il coraggio di fare questi passi nella vita quotidiana in famiglia, nella società e nella politica.

Festeggiamo il Natale, la festa dell’incarnazione di Dio, come la più umana di tutte le nostre feste e impariamo dal bambino festeggiato a rapportarci l’un l‘altro con senso di umanità.

+ Ivo Muser

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Archivi

  • Castello Bonaria: nell’Alta Maremma un Luxury SPA Resort di eccellenza
    Meta ideale per chi sogna una vacanza in cui i tempi vengono scanditi dal silenzio e dall’armonia della natura, il Castello Bonaria offre agli ospiti anche un Centro Benessere, una piscina e un Ristorante con terrazza sulle colline toscane: tutto quello che serve per un Luxury SPA Resort di eccellenza. Adagiato tra vigneti e uliveti, il […]
  • AVA&MAY: home decor e candele dai profumi esotici
    A chi non piacciono le candele? A chi non piace entrare in casa e sentire subito il profumo fresco di pulito e di casa? Quanto si parla di candele, profumi e prodotti per la casa, si va subito a pensare ad Ava&May, un brand relativamente giovane ma di altissima qualità e dai prodotti con profumi […]
  • VIDEO – Scegliere il mondo come ufficio e diventare nomadi digitali: intervista ad Armando Costantino
    Negli ultimi anni, la tentazione sempre più frequente del “mollo tutto” combinata  all’aumento dello smart working ha creato una nuova tendenza all’interno del panorama lavorativo: i nomadi digitali, conosciuti anche come fulltimers. Persone che hanno scelto di spostare la loro casa in camper e il loro ufficio nel mondo, investendo su loro stessi per riprendersi […]
  • Vado a vivere in un faro!
    Quante volte, leggendo Virginia Woolf o Jules Verne, avete fantasticato su come potrebbe essere vivere in un faro con la sola compagnia del vento e del mare? I fari, nell’immaginario collettivo, sono luoghi straordinari al confine fra mito e realtà, unico baluardo di salvezza per i navigatori durante le notti di tempesta. In realtà, senza […]
  • Hotel e Ristorante Villa Madruzzo: dove ricaricare le batterie a pochi chilometri da Trento
    A quattro chilometri dal centro di Trento si trova uno degli hotel più gettonati del momento: Villa Mandruzzo. Complici anche il ristorante e la meravigliosa area benessere, Villa Mandruzzo è presto diventato uno degli hotel più raccomandati tra coloro che vogliono venire a Trento per godersi alcuni giorni di meritato relax o anche solo per […]
  • Viaggio in Grecia, scegli il fascino mistico di Rodi
    La Grecia è uno di quei luoghi da sogno che tutti dovremmo visitare almeno una volta nella vita. Uno di quei paradisi terrestri neanche troppo lontani dall’Italia che con la sua storia, la sua cultura, il paesaggio naturale, incanta tutti, senza distinzione. Dalle città che hanno fatto la storia come la capitale Atene, simbolo dei […]
  • HP Reinvent: arrivano i nuovi PC per lo smart working
    Grandi novità in arrivo da parte di HP, azienda leader nel settore tecnologico. Durante l’attesissimo evento HP Reinvent dedicato ai propri partner, l’azienda ha lanciato nuovi Pc destinati allo smart working. Ma non solo: l’evento è stato utile per svelare tanti nuovi dispositivi e soluzioni per aiutare le aziende ed i professionisti a migliorare la […]
  • Abbigliamento casual uomo, tutte le dritte per non sbagliare
    Tutti pazzi per l’abbigliamento casual che non è solo comodo ma è anche fashion. Non bisogna confondere, infatti, che casual non è il sinonimo di trasandato e di un abbigliamento approssimativo. Non c’è pensiero più sbagliato perché oggi indossare abiti casual vuol dire vestirsi alla moda, in chiave moderna e innovativa, con uno stile senza […]
  • Isola in Irlanda cerca custodi: l’occasione per cambiare stile di vita per sei mesi
    La meta ideale per chi vuole entrare a contatto con la natura più incontaminata, allontanarsi dai ritmi frenetici della città, godendosi contemporaneamente un’esperienza di vita unica, si trova a Great Blasket Island, al largo della costa irlandese, dove è stata data l’opportunità attraverso un annuncio di lavoro, di cambiare stile di vita per sei mesi. […]
  • Illuminazione stradale accesa dal vento delle auto con l’innovativa di Turbine Light
    Con l’aumento di strade, autostrade e di reti viarie che necessitano di essere illuminate l’intera giornata, il fabbisogno energetico risulta essere in continuo aumento, costringendo a cercare diverse alternative per soddisfare e integrare le mutevoli esigenze di mercato. Uno dei problemi principali nel coprire la gestione territoriale urbana di reti periferiche e di grandi autostrade, […]

Categorie

di tendenza