Connect with us

Italia ed estero

Nevola: “E’ un Natale non Natale”

Pubblicato

-

“E’ il Natale del silenzio, il Natale della chiusura, il Natale dell’isolamento, il Natale della solitudine, il Natale dei controlli… è il Natale non Natale. E’ il Natale dei controsensi, dei DPCM che si susseguono settimanalmente abbattendosi sugli italiani come ulteriori calamità. Dell’incoerenza dei proclami del governo, di alcuni presidenti di regione, dei rotocalchi, dei notiziari e degli scienziati impegnati sul fronte pandemico. Tutti contro tutti. Giallo, arancione e rosso il nostro nuovo riferimento. E ogni venerdì, con il fiato sospeso, nella speranza di essere scarcerati. Di tornare a una parvenza, anche minima, di libertà, di normalità di quotidianità.

E poi i nuovi sacerdoti del culto del Covid-19. I virologi. Onnipresenti e onniscienti vaticinano ogni giorno la nuova catastrofe che subiremo nei prossimi mesi, perché siamo usciti a fare una passeggiata, abbiamo visitato un parente o bevuto un caffè con un amico. Siamo in piena pandemia e non voglio essere frainteso. Sono il primo ad essere concorde con le regole sanitarie per contrastare il virus, mi sono sottoposto volontariamente allo screening di massa e sono pro vaccino, ma non possiamo togliere il Natale agli italiani ed incolparli per tutto quello che non ha fatto il governo.

Certo colpa nostra. Il popolo sciagurato che si aggira disobbediente per le città raggirando le nuove regole imposte da un governo che non conosce la sua nazione, il suo territorio e i suoi cittadini. Hanno mandato al mare gli italiani questa estate per poi incolparli di aver creato assembramenti inaccettabili.

Pubblicità
Pubblicità

Poi è stato il turno del cash back. Gli italiani sono stati invitati dal governo ad andare a fare gli acquisti per rilanciare l’economia, per poi essere incolpati di aver fatto innalzare i contagi. Sì, perché 60 milioni di italiani, sono tutti per strada a compiere bagordi e non, sui mezzi pubblici, accalcati in assembramenti indegni di una nazione europea, lottando ogni giorno con ritardi, cancellazioni e disagi vari per raggiungere la propria sede di lavoro o di studio e compiere così il proprio dovere. Il Natale per chi ci governa è cercare di salvare l’economia traballante con ristori da fame e anticipazioni sull’ora della nascita di nostro Signore Gesù. Sì certo, perché in tempi del Covid, si può anche decidere a che ora nasce Gesù bambino con orari e spostamenti a immagine e somiglianza dei DPCM di Conte. Tutto questo è terrificante!

Ma per noi cosa rappresenta oggi il Natale? Cosa resta di questa festa che ci accompagna da sempre. Prima con l’incanto dell’innocenza con cui un bimbo vive la magia della notte Santa e poi con l’amorevolezza con cui, da adulti, si intesse la stessa magia da regalare ai propri bimbi. Natale non è solo una ricorrenza religiosa. E’ un piccolo incantesimo che si compie solo una volta l’anno. E‘ una trepida attesa, è una emozione che ci avvolge come un abbraccio, è un dono che ci facciamo per essere migliori, più solidali, meno indifferenti. E’ l’unico periodo dell’anno in cui tutti, ci accorgiamo degli altri, in cui riscopriamo il valore della condivisione, della presenza, della generosità. Non si tratta solo di regali e consumismo come alcuni vogliono farci credere. E’ di più. E’ il piacere della convivialità, dell’incontro e della riscoperta.

Sì perché quel genitore ingombrante a Natale diventa più papà e mamma, perché senza quei parenti che non vedo da molto tempo non sarebbe Natale. E poi le tavolate, le pietanze della tradizione, le luci, le risate, i racconti degli anziani, le tombolate, il calore della famiglia. Natale è soprattutto uno stato d’animo. Una emozione che nasce dentro di noi e si irradia attorno a noi. E’ un incanto che accomuna tutte le generazioni. E’ soprattutto una festa del cuore che ci accompagna per tutto l’anno. E quest’anno a molti italiani sarà negato. Chi vive solo resterà solo. Chi vive separato resterà separato. Chi è nella sua famiglia sarà comunque solo senza la possibilità di condividere il Natale con chi non rientra nei famigerati congiunti sentenziati da giuristi miopi e ottusi.

Pubblicità
Pubblicità

Sì, quest’anno sarà il Natale dell’isolamento, degli arresti domiciliari senza colpa, della solitudine, dell’amarezza, della nostalgia, dell’ingiustizia, dello smarrimento e dell’irrazionalità. Un Natale non Natale appunto.” Conclude così la riflessione del consigliere comunale Luigi Nevola sul Natale 2020, sicuramente molto diverso da come speravamo.

NEWSLETTER

Unico&Bello

La miniera di diamanti aperta al pubblico: l’incredibile esperienza di scavare e tentare la fortuna

Un’esperienza indimenticabile, ricca e fruttuosa: sono le caratteristiche principali della “Creater of Diamonds”, l’unica miniera di diamanti al mondo aperta al pubblico. Si tratta di un…

Orient Express la Dolce Vita: in Italia un nuovo modo di vivere il Paese

A breve in Italia arriverà un nuovo modo di vivere e conoscere il Paese, in carrozze di lusso ispirate al design degli anni ‘60/’70. L’Italia si…

Vaia Cube e Vaia Focus: nuova vita agli alberi abbattuti da Vaia

Sono numerose le aziende ed i privati che hanno deciso, negli ultimi anni, di donare nuova vita e dignità ai 42 milioni di alberi abbattuti dalla…

2050: come ci arriviamo? Mobilità sostenibile, più pulita, più veloce, più sicura e per tutti

Dal 22 dicembre 2021 al MUSE – Museo delle Scienze di Trento, la mostra “2050: COME CI ARRIVIAMO? Mobilità sostenibile, più pulita, più veloce, più sicura…

L’Altopiano Tibetano e Nepal in due splendide mostre fotografiche virtuali

L’Altopiano Tibetano noto per alcuni dei pascoli più grandi al mondo, non consente lo sviluppo di una vera e propria attività agricola. Anche per questo le…

Il 2022 ribattezzato “l’anno dei weekend lunghi”: quali giorni approfittare per una gita fuori porta

Per gli amanti dei viaggi e delle gite fuori porta, il 2022 è stato ribattezzato come “ l’anno dei weekend lunghi”. Infatti, nei prossimi 12 mesi…

Alpe Cimbra: il drago nato da Vaia è già un #must da vedere

La Tempesta Vaia che ha colpito il nord Italia e l’arco alpino alla fine del 2018 ha lasciato senza ombra di dubbio enormi cicatrici su tutto…

Archivi

Categorie

Benessere Economico

RSS Error: A feed could not be found at `https://www.benessereconomico.it/feed`; the status code is `200` and content-type is `text/html`

di tendenza