Connect with us

Italia ed estero

Papa Francesco arrabbiato schiaffeggia una fedele, poi si scusa. Il video diventa virale

Pubblicato

-

Papa Francesco è stato strattonato da una ragazza in piazza san Pietro e ha reagito schiaffeggiandola sulla mano, come mostra un video diventato subito virale.

Il giorno dopo ha chiesto scusa durante l’Angelus in piazza San Pietro per la reazione verso la fedele, ma il video ha già fatto il giro del mondo e in questo caso non divide la comunità cristiana. Infatti, quasi tutti dichiarano che il Papa dovrebbe dare il buon esempio e sentire i fedeli quando decide di scendere a salutare fra la folla.

Il fuori programma ha animato la rituale passeggiata del Pontefice dopo la solenne celebrazione del Te Deum, la sera di San Silvestro.

Pubblicità
Pubblicità

Nel video, si vede che il Pontefice camminare davanti ai fedeli. Da dietro la transenna, una donna asiatica gli afferra il braccio destro, tirandolo a sé.

Non si capisce bene cosa l’asiatica cerchi di comunicare verbalmente  a Francesco, anche se la sua pare una richiesta.

E’ in quel momento che il Papa si arrabbia e le colpisce la mano, riuscendo a liberarsi. Poi, visibilmente infastidito, si dirige verso il presepe ‘plastic free’ donato dalla Regione Autonoma del Trentino, allontanandosi dalle transenne. La donna, impressionata, ci rimane malissimo.

«Gesù non ha tolto il male dal mondo ma lo ha sconfitto alla radice. La sua salvezza non è magica, ma ‘paziente’ cioè comporta la pazienza dell’amore, che si fa carico dell’iniquità e le toglie il potere», ha detto Bergoglio l’indomani.

Poi, parlando a braccio, ha sottolineato: «A volte perdiamo la pazienza. Anche io. E chiedo scusa per il cattivo esempio di ieri».

I maliziosi sottolineano anche come Papa Francesco, dopo poche ore dal «fattaccio», abbia avuto il cpraggio di intervenire difendendo le donne e dicendo che «sono continuamente offese, picchiate, violentate, indotte a prostituirsi e a sopprimere la vita che portano in grembo»

Dopo le pubbliche scuse sui social è infatti partita l’ironia. «Da Urbi et Orbi a Botte da Orbi il passo è breve», ha ironizzato un utente su Twitter. «Dio perdona, Bergoglio no», e ancora: «Buon proposito per il 2020: allontanare le persone tossiche come solo il Papa sa fare»

Tra i politici Guido Crosetto ha twittato: «Oggi il Papa ha dedicato la predica al rispetto della donna. Ispirato dalla fedele di ieri…». Marcello Veneziani ha invece commentato: «Papa Manesco I: Mai visto un papa azzuffarsi coi fedeli; altro che accoglienza e ponti, siamo alle comiche finali».

Poi è scesa in campo anche la vena umoristica di Eccles che ha ricordato e trasformato la famosa frase sulla carezza ai bambini detta da Giovanni XXIII in: “Quando andate a casa date una sberla ai vostri bambini e dite questa è la sberla del papa…”.

Altri hanno messo infine in evidenza il comportamento dei due Papi precedenti in episodi, quando non analoghi, anche ben peggiori.

Quello di Giovanni Paolo II, che dopo l’attentato alla sua vita commesso il 13 maggio 1981 in piazza San Pietro, in Vaticano, da Mehmet Ali Ağca, un killer professionista turco che gli sparò quattro colpi di pistola ferendolo gravemente, volle comunque incontrarlo per perdonarlo.

Si ricorda anche quanto successe la notte di Natale del 2009, alla messa in Vaticano, quando Papa Benedetto XVI venne aggredito e fatto cadere rovinosamente a terra da Susanna Maiolo, 25 anni, italo-svizzera, che aveva scavalcato le transenne: la donna venne poi sottoposta a trattamento sanitario obbligatorio anche perché si scoprì che un anno prima aveva già tentato di avvicinarsi al Pontefice.

In quel caso Benedetto XVI chiese informazioni sulle le condizioni dell’aggressore. Il Papa non riportò conseguenze, mentre il cardinale Etchegaray riportò la frattura di un femore e fu operato al Policlinico Gemelli.

Il cardinale è morto lo scorso settembre a 97 anni.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Archivi

  • Prima lo adotti poi raccogli i suoi frutti, a Milano nasce la Food Forest, la foresta edibile
    Oltre 2.000 tra piante, ortaggi, piante officinali, alberi, arbusti da frutto e da legno ospitati nel cuore dell’immensa città metropolitana di Milano, con l’obbiettivo di ristabilire il rapporto primitivo tra l’uomo e i prodotti che Madre Natura gentilmente offre. Questo, starà alla base della nuova Food Forest, la foresta edibile  che in autunno prenderà vita all’interno […]
  • Ponte Tibetano e Cascate di Saent: che bella la Val di Rabbi!
    Costruito nel 2016 sopra il torrente Ragaiolo in Val di Rabbi, il ponte tibetano è ormai diventato una tappa fissa per tutti coloro che amano la montagna e la Val di Rabbi. Costruito in ferro e con una pavimentazione di grate di ferro, il ponte tibetano è adatto a grandi e piccini grazie anche alle […]
  • Si allunga la lista delle preziose aree naturali del Pianeta: l’Unesco aggiunge altri 15 Geoparchi da tutelare
    Riconosciuto a livello internazionale come un territorio che possiede un patrimonio geologico particolare e una strategia di sviluppo sostenibile, il Geoparco deve comprendere un certo numero di siti geologici di particolare importanza in termini di rarità, qualità scientifica e rilevanza estetica o valore educativo per essere definito tale. In particolare, si tratta di aree in […]
  • Samsung lancia l’idea: Prevenire gli incidenti grazie ad un camion attrezzato con schermi LCD
    Visibilità azzerata, traffico intenso, grandi mezzi e sorpassi azzardati sono tutti problemi autostradali che potrebbero trovare soluzione grazie ad un “camion trasparente” con grandi schermi LCD: Un‘ idea tanto semplice quanto potenzialmente utile che potrebbe facilitare le manovre di sorpasso dei grandi mezzi riducendo i rischi di incidenti. L’idea è stata presentata da Samsung con […]
  • Trentino Wild Park: il parco avventura più grande d’Italia
    Affrontare situazioni che non appartengono alla vita normale percorrendo una realtà diversa da quella urbana, attraversando ponti tibetani, liane e guardando il bosco tra le chiome degli alberi, sono la base di un intrigante situazione, lontana dalla vita cittadina ma alternativa ad un classico tour. La possibilità di vivere forti emozioni e sentirsi veramente immerso […]
  • Perserverance, la missione Nasa in cerca di vita su Marte
    Fa parte della natura umana esplorare, conoscere e spingersi sempre oltre i limiti terrestri, fino a Marte ad esempio, diventata ormai una delle migliori alternative alla Terra. Trovare tracce di una vita passata o presente sul pianeta rosso, raccogliendo campioni di suolo e studiando la superficie di Marte. Questo è il motivo che ha spinto […]
  • Dalla Francia all’Italia:nel 2020 Il cinema estivo cambia forma e approda in acqua
    L’esigenza di migliorare sfruttando al meglio il nostro ambiente e il nostro territorio unito alla voglia di scongiurare l’arrivo di una prossima pandemia, ha spinto e obbligato molti organizzatori di eventi e molte aziende a ripensare gli spazi e quindi le attività dedicate al pubblico rispetto al distanziamento sociale. Dopo l’esperimento dal sapore vagamente vintage […]
  • Dall’America arriva lo “specchio della verità”, racconta quanto sei dimagrito e quanto sei in forma
    “Specchio spettro delle mie brame.”: iniziava così la celebre frase della matrigna di Biancaneve che intimava il suo specchio interrogandolo per assicurarsi ogni giorno il primato di più bella del reame nella nota favola. Se questa è la fantasia, uno strumento simile è ora disponibile anche nella realtà, dando un supporto concreto e mirato alla […]
  • Dall’amore per il bello alla passione per l’antico e il moderno: il mondo di Zanella Arredamenti
    Esistono alcuni luoghi agli angoli delle strade o nei piccoli borghi cittadini in cui la sola visita equivale sempre ad un’esperienza piena di ricordi, emozioni vissute e storia. Entrare in un negozio di antiquariato infatti, è un po’ come viaggiare nel tempo: scoprire un mondo di oggetti che non esiste più per qualcuno ma che […]
  • Uno sguardo a Kazan, un microcosmo di stili e culture che vivono in armonia
    A circa 820 kilometri da Mosca, dove i fiumi Volga e Kazanka si uniscono, si erge da oltre 1000 anni la splendida capitale della repubblica del Tatarstan: Kazan. Il suo splendore e le sue innumerevoli caratteristiche l’hanno portata ad essere nominata, nel 2005, la Terza Capitale della Russia (appellativo a cui può essere ufficialmente associata […]

Categorie

di tendenza